Come creare un blog: la guida definitiva di Cristian Iovino

Pronto a creare il tuo blog? Grazie a questa guida imparerai a creare un blog con WordPress in tempi brevi.
come creare un blog

INDICE DEI CONTENUTI

Ho aperto decine di blog prima di creare quello che oggi sarebbe diventato il mio blog personale.

Avevo le idee confuse quando ho inziato, proprio come te (forse).

Ma non mi sono mai arreso.

Volevo che tutte quelle idee diventassero progetti, ma non mi bastava…

Volevo trasformare quei progetti in realtà.

Una realtà che mi avrebbe poi permesso di guadagnare con un blog.

Allora ho iniziato a fare, a sperimentare, a sporcarmi le mani, studiando di giorno ed applicando ciò che avevo imparato durante notte.

E questo è l’unico motivo per il quale sono qui oggi.

Forse sei arrivato a questo articolo cercando su Google la keyword “Come creare un blog” o magari sei un mio lettore affiatato.

Quello che voglio dirti con ciò è che il duro lavoro ripaga con gli interessi.

Io ho lavorato diversi giorni alla stesura di questa guida e voglio chiederti un piccolo favore.
Nonostante sia per me soddisfacente e fonte di passione scrivere mi richiedere uno sforzo immane che si racchiude in questa formula:

Tempo x Focus = Valore

Valore che offro gratuitamente ogni singolo giorno a chi mi segue e legge le mie produzioni.
Quindi se questa guida ti è stata di aiuto potresti aiutarmi condividendola? In questo modo sosterrai questo blog e aiuterai tante altre persone che magari come te stanno cercando un contenuto valido come questo.

Cos’è un blog e chi sono i blogger ?

Come detto nell’introduzione di quest’articolo, facevo confusione.

E quella confusione creava disordine.

Disordine che mi ha fatto commettere tantissimi errori.

Errori che mi hanno fatto perdere tantissimo tempo prezioso che magari avrei potuto sfruttare diversamente.

Proprio per questo motivo prima di partire cerca di porre rimedio al caos e al disordine.

Potrebbe costarti caro in termini di tempo.

Scherzo.

Facciamolo insieme e cerchiamo di capire:

Di cosa stiamo parlando?

Che cos’è un blog e a cosa serve?

Chi sono i blogger?

Questo perché anche se provi a chiedere in giro “Ciao Cristian, sai per caso dirmi cos’è un blog?” riceverai una marea di informazioni dettate da risposte di persone confuse che andranno a creare in te un conflitto.

Io lo chiamo conflitto d’informazione.

Questo perché cercando delle risposte andiamo a sovrascrivere quelle che sono le nostre conoscenze che possono essere al 97% più precise rispetto a quelle che può avere su un determinato argomento chi ti circonda.

Quindi mettiamo ordine

Definizione di blog (secondo Google):

Sito web personale concepito principalmente come contenitore di testo (per es. come diario o come organo di informazione indipendente), aggiornabile dal singolo utente in tempo reale grazie ad apposito software.

Caro Google, secondo me sei un pò troppo conformista, un blog è molto di più.

Il blog è casa tua, quel posto dove puoi esprimerti liberamente, mettere in mostra le tue competenze e può diventare il punto di partenza per il tuo business.

Il blog è metaforicamente una nave in gran tempesta, priva di stabilità dove l’intero equipaggio è costantemente in pericolo. Solo se il capitano userà la sagezza come timone e la meraviglia come vela potrà gettare l’ancora della salvezza.

Il capitano è il cosiddetto “blogger” ed il suo equipaggio è il suo pubblico.

E tu sei pronto a diventare il capitano della tua nave?

Perché creare un blog?

Gestire un blog significa passare gran parte della propria giornata a sviluppare nuove idee, scrivere articoli, gestire i commenti, divulgare i propri contenuti, ottimizzare e tante altre cose.

Ma nonostante ciò tantissime persone affermano di aver creato il proprio blog per hobby.

Io credo che ogni persona, azienda o impresa al giorno d’oggi debba avere un blog per i seguenti motivi:

perché creare un blog
  • Costruisce un audience
  • Impatta sul tuo personal brand o brand aziendale
  • Costruisce relazioni e coinvolge
  • Crea opportunità di guadagno
  • Aiuta a conoscere te stesso
  • Mette in mostra le tue competenze
  • Migliora te stesso
  • Ti contraddistingue

Ho approfondito la tematica all’interno di quest’articolo dedicato al perché creare un blog, ti consiglio di leggerlo.

Gran parte delle persone aspira a diventare blogger principalmente per le opportunità di guadagno che può generare.

I modi per guadagnare con un blog sono tanti.

In molti si sono arricchiti vendendo spazi pubblicitari o vendendo prodotti all’interno di esso.

Se vuoi approfondire l’argomento leggi la mia guida definitiva per guadagnare con un blog.

Gli acronimi e termini da conoscere prima di iniziare a creare un blog (extra)

Prima di passare all’azione devi conoscere alcuni termini tecnici.

Questi ti torneranno utili per tutto il resto della lettura e durante la creazione del tuo blog.

  • Hosting

    Servizio di rete posizionato su un server che ti consente di collocare e gestire pagine web 24 ore su 24 rendendo così il tuo sito web accessibile a tutti, ogni giorno e a qualunque ora.

  • Dominio

    E’ il nome con il quale identifichiamo il nostro sito web e lo rendiamo accessibile. (Il mio è cristianiovino.com)
    Ogni dominio viene gestito da un dominio server, tra i più utilizzati troviamo: .com, .it, .net, .org ecc..

  • Sottodominio

    E’ un dominio che a sua vota fa parte di un dominio più grande: esempio.cristianiovino.com

  • Server

    E’ la sede di tutti i file che utilizzerai per creare il tuo blog, una vera e propria cassetta degli attrezzi.

  • MySQL

    E’ il database open-source basato sul linguaggio SQL più utilizzato in ambienti di sviluppo PHP e Linux. Questo ti permette di rendere disponibili le informazioni richieste da chi le richiede ( Il tuo blog -> Lettore).

  • Larghezza di banda:

    E’ la quantità dei dati che vengono consumati mensilmente dal tuo blog.
    Questi vengono azzerati mensilmente, ed è uno degli elementi che definiscono il prezzo di mantenimento del tuo spazio hosting.

  • Spazio su disco:

    Questo è lo spazio disponibile sul piano hosting che andrai ad’acquistare per creare il tuo blog. La quantità di spazio disponibile diminuisce ogni qualvolta un nuovo file o una nuova mail vengono aggiunti al tuo progetto.

  • WebMail

    E’ un servizio messo a disposizione dei migliori servizi di hosting che ti consente di gestire o collegare le mail di un sito web. ( la mia è [email protected] e puoi utilizzarla per contattarmi! )

  • FTP

    File Transfer Protocol – E’ il protocollo utilizzato per collegarti allo spazio hosting del tuo blog senza passare dal tuo browser. Una volta dentro puoi caricare, scaricare o modificare i tuoi file.

  • HTML

    HyperText Markup Language è un linguaggio di contrassegno ipertestuale utilizzato per creare pagine web.

  • HTTP

    HyperText Transfer Protocol ( protocollo di trasferimento di un ipertesto ) è il protocollo utilizzato per portare su internet le pagine web.

  • URL

    Acronimo di Uniform Resource Locator è una sequenza di caratteri che identifica unicamente l’indirizzo di una risorsa web e corrisponde a ciò che l’utente digital nella barra degli indirizzi del proprio browser

  • Logs

    E’ il documento in cui viene registrato tutto ciò che accade sul tuo blog come ad esempio visite, errori o anomalie. Utile per intercettare e risolvere eventuali problemi.

Bene! Ora che hai appreso questi nuovi termini puoi aprire un blog efficace nel minor tempo possibile.

Per creare un blog devi avere una strategia

Fermati un attimo e metti in moto il cervello.

Questo è un passaggio fondamentale se vuoi creare un blog di successo che duri nel lungo periodo e che ti permetta di ottenere il massimo dei risultati in termini di visite e profitto.

DEVI AVERE UNA STRATEGIA PRIMA DI INIZIARE.

strategia per creare un blog di successo

Un quadro generale di quel che sarà il tuo blog da qui ai prossimi 10 anni.

Non ha senso iniziare a pubblicare articoli a raffica senza prima definire una strategia.

Non preoccuparti, nulla di complicato! Devi solamente seguire i prossimi due passaggi.

ATTENZIONE: La tua carriera da blogger sta per prendere il volo.

#1 Definisci i tuoi obbiettivi

Importantissimo!

Se non sai dove stai andando non avrai successo.

Poniti questa domanda: Cosa voglio ottenere dal mio nuovo progetto ?

Io non posso risponderti ma posso dirti quali sono le motivazioni per il quale dovresti aprire un blog oggi.

Continua a leggere per scoprirli.

#2 Definisci il tuo target di utenza

Trova l’argomento del tuo blog e impara a comunicare con i tuoi lettori.

creare un blog che genera profitto

Cosa voglio dirti con ciò?

Che se vuoi creare un blog di moda e vuoi diventare una fashion blogger dovrai tener presente che ti rivolgerai ad un pubblico prettamente femminile se sei una donna e parli dei trend di moda femminili del 2020.

Questo significa che taglierai fuori dai tuoi lettori il pubblico maschile, ma questo non è un problema bensì un vantaggio.

Avere ben chiare queste dinamiche è molto importante perchè ti permettono di focalizzarti sul come comunicare in maniera efficace con i tuoi lettori.

Ma di come comunicare te ne parlo tra poco.

Come strutturare un blog ( devi avere una struttura )

Arrivato a questo punto non ti resta che conseguire una laurea magistrale in architettura poiché parleremo di come posizionare i pilastri portanti del tuo blog.

Stai scherzando vero ?

Niente affatto, dietro ogni progetto che si rispetti c’è un grande architetto e quell’architetto oggi sei TU.

strutture per creare un blog efficace

Ma non avrai bisogno di passare i prossimi 5 anni ( se ti va bene ) nel conseguire una laurea magistrale.

Dovrai solamente scegliere la struttura che più si addice al tuo progetto e iniziare a piantare le fondamenta del tuo blog.

Le 3 strutture più utilizzate + struttura segreta ( quella che utilizzo io )

Struttura #1 Creare un blog tematico

E’ la tipologia di blog che ti permette di andare a creare contenuti verticali su tematiche ben definita: ricette – viaggi – libri ecc..

Ad adottare questa struttura sono stati in tanti, prendi Salvatore Aranzulla o Giallo Zafferano che pubblicano costantemente contenuti evergreen utili oggi ma anche tra 7 anni.

Inoltre, questa struttura ti permette di lavorare bene e guadagnare con le affiliazioni

Struttura #2 Creare un blog di attualità

Questa struttura è tipicamente utilizzata da testate giornalistiche online che sono costrette a pubblicare costantemente le news del momento.

Te la sconsiglio se non hai a disposizione tantissimo tempo per rintracciare, rielaborare e pubblicare le notizie più importanti.

Struttura #3 Creare un blog aziendale

Da adottare nel caso tu abbia già un attività o un azienda. Ti aiuterà a generare nuovi clienti che andranno poi ad acquistare i tuoi prodotti o servizi.

Struttura segreta ( Quella che utilizzo io )

Per guadagnare con un blog e ottenere il massimo dei profitti non hai altra scelta.

Devi utilizzare questa struttura.

Ok Cristian, esci la struttura!

Beh a dire il vero non è una vera e propria struttura bensì un architettura, io la chiamo…

Architettura genetica: Il tuo blog sarà composto da contenuti principali ( pillar content ) quelli più importanti per raggiungere i tuoi obbietti e dei contenuti per mantenere alto il tasso di interesse generando traffico ed engagement da utilizzare per portare le persone ai tuoi articoli principali (fonte di guadagno).

come strutturare un blog

Perfetto… sei pronto a diventare un blogger di fama mondiale.

Stai per creare la settima meraviglia del Web: IL TUO BLOG.

Creare un blog con WordPress ( e perché )

Scegliere la migliore piattaforma per creare un blog è stato uno dei vantaggi competiti che nel lungo periodo mi ha permesso di sviluppare attorno al mio blog un vero e proprio business.

Come ti ho detto all’inizio di quest’articolo ho aperto decine di blog prima di lanciare quello che sarebbe stato poi il blog che ho deciso di portare avanti con costanza e determinazione.

Alla base di ogni mio progetto c’era una piattaforma da utilizzare.

Questa è WordPress, un CMS ( Content Management System ) GRATUITO che permette di creare e gestire blog e siti web senza avere alcuna competenza tecnica di programmazione.

la migliore piattaforma di blogging

WordPress nasce nel 2003 come piattaforma di gestione di blog e che con il tempo si è evoluta in una vera e propria piattaforma di gestione per ogni tipo di sito web.

Ad’oggi è il CMS che alimenta il 35% dei siti web e blog presenti in rete, per tale motivo si aggiudica il primo posto tra i software utilizzati per creare blog e siti web.

Cristian, ma perché scegliere WordPress?

Semplice! Perché rispetto a tutte le altre piattaforme di blogging ti offre innumerevoli vantaggi, tra i quali:

  • Personalizzazione:
    Infatti WordPress mette a disposizione un’infinità di template gratuiti pre-costruiti da poter utilizzare per rendere il tuo blog unico nel suo genere con innumerevoli elementi di personalizzazione. Ma nonostante ciò hai anche la possibilità di installare una marea di temi a pagamento ancora più belli e performanti.
  • Guadagnare:
    WordPress.org ti permette di guadagnare con il tuo blog, senza avere limiti sul numero di link di affiliazione o banner pubblicitari che puoi implementare all’interno del tuo blog.
  • Dominio Privato:
    Utilizzando WordPress.org sarai l’unico proprietario del tuo dominio ( il mio è cristianiovino.com )
  • Plugin utili:
    Potrai utilizzare centinaia di migliaia di plugin che WordPress mette a disposizione nella propria directory e che potrai installare con un solo click. Questi ti permettono di fare cose incredibile, te ne parlerò tra poco.
  • Non richiede competenze tecniche di programmazione o progettazione per creare il tuo blog.
  • WordpPess.org è ottimizzato per i motori di ricerca.
  • WordPress.org è semplice da utilizzare.
  • Puoi costruire qualsiasi cosa.
  • Puoi installarlo in pochi minuti.

Ma ATTENZIONE… non confondere WordPress.org con la versione obsoleta (WordPress.com)

WordPress.org VS WordPress.com (extra)

WordPress.com vs WordPress.org

Quando parlo di WordPress mi riferisco a WordPress.org e non a WordPress.com

WordPress.com è la versione obsoleta di un CMS cazzuto proprio come le altre piattaforme tipo Wix, Blogger, Blogspot, Altervista ecc…

Quest’ultima infatti ti impone diverse limitazioni che nel lungo periodo ti porteranno ad avere una crisi epilettica perché:

  • Non potrai personalizzare il blog a tuo piacimento in quanto WordPress.com mette a disposizione una quantità di template grafici limitati e obsoleti.
  • Non potrai eliminare la pubblicità dal tuo blog ( per farlo dovrai pagare ).
  • Sarai limitato sui guadagni che potresti ottenere con WordPress.org in quanto avrai limitazioni sulla quantità di link di affiliazione che potrai inserire e sul numero di banner pubblicitari che potrai utilizzare.
  • Avrai a disposizione una quantità limitata di plugin gratuiti ( per averli dovrai pagare )

Ma soprattutto non sarai tutelato nel caso violassi qualche punto citato nel contratto che andrai a stipulare alla creazione del tuo account.

Questo significa che il tuo account e il tuo blog potrebbero essere sospesi in qualsiasi momento e ciò comporterebbe la perdita di tutto il lavoro fatto.

Non hai motivi per voler scegliere una piattaforma del genere, l’unica soluzione è affidarti a WordPress.org

Hai visto quanti errori hai già evitato e a quanto tempo ti ho fatto risparmiare? Continuando con la lettura imparerai tantissime altre cose, siamo solo all’inizio.

Come usare WordPress al 100% delle sue potenzialità (extra)

Come avrai ben capito WordPress è una vera e propria bomba ad orologeria che non può essere disinnescata ma che al contrario dovrai saper utilizzare per far fuori i tuoi web competitor.

Saperlo sfruttare significa utilizzare tutte le risorse che ti mette a disposizione.

Potrai infatti creare anche altre tipologie di sito web grazie ad esso come:

  • Pagine aziendali.
  • Landing Page.
  • Negozi online ( e-commerce ).
  • Tutto ciò che ti passa per la testa.

Sfruttando anche quelle che sono le componenti più importanti:

  • Temi:
    Modelli utilizzati per modificare e personalizzare l’aspetto estetico del blog con design capaci di proiettarti nel futuro.
    Possono essere gratuiti o premium, io ti consiglio un tema premium a pagamento perché capace di adattarsi ad ogni tua esigenza.
  • Widget:
    Sono dei modelli che possono essere di informazione, sottoscrizione ecc…
    Puoi utilizzarli per creare moduli di sottoscrizione alla tua mailing-list o magari per mostrare i migliori articoli del tuo blog.
  • Plugin:
    Sono degli strumenti che ti permettono di portare il tuo sito web ad un livello superiore.
    Ti troverai ad utilizzare i plugin per migliorare il tuo blog in ambito marketing, networking, social media e tanto altro.
    Rimarrai esterefatto dalla potenza di questi strumenti, ma fai attenzione perché utilizzandoli in maniera scorretta potresti commettere qualche pasticcio bello grosso!

Insomma, tutto ciò di cui hai bisogno e di cui ho avuto bisogno io per creare un blog di successo senza spendere migliaia di euro per qualcuno che magari avrebbe fatto un lavoro peggiore del mio.

Adesso però, entriamo nel vivo della creazione di quello che sarà il tuo di blog di successo.

Come creare un blog con WordPress.org Step-By-Step

Per creare un blog con WordPress hai bisogno essenzialmente di due cose: Un piano hosting e un dominio.

Hosting e Dominio

Come avrai capito dal glossario che ti ho messo a disposizione uno spazio hosting è lo spazio fisico accessibile tramite il web che ospiterà il tuo blog.

Con un hosting avrai la possibilità di caricare qualsiasi tipo di file senza dover ricorrere a risorse esterne come ad esempio le immagini, i video, i PDF o qualsiasi altra tipologia di documento che potresti trovare utile condividere con i tuoi lettori.

Mentre il dominio non è altro che il nome che andrà a identificare il tuo blog.

Infatti il tuo blog sarà accessibile a chiunque digiterà il tuo dominio nella barra di ricerca URL di qualsiasi browser (Google, Safari, Mozilla ecc..) da ogni angolo del mondo.

Ti consiglio di utilizzare un nome dominio semplice ma allo stesso tempo efficace, in grado di rafforzare e far riconoscere, ma soprattutto ricordare il tuo brand, che il tuo blog sia personale o aziendale non dimenticarti di applicare questa regola.

Sei a metà dell’opera, finita la teoria passiamo alla pratica.

Sei pronto per installare WordPress sul tuo piano hosting con un dominio che nessuno dimenticherà mai.

Ho scritto un articolo apposito dove ti spiegherò step-by-step tutti i passaggi per aprire un blog con WordPress in 7 minuti.

Si, solo 7 minuti.

Mentre penso a quanto tempo ho impiegato io quando ho iniziato a fare blogging mi vengono i brividi, queste informazioni erano introvabili !

In pochissime settimane scegliendo quest’accoppiata vincete ( migliore hosting + WordPress) ho scalato la SERP di Google tagliando fuori il 99.9% della concorrenza.

“Cristian, ma perché ? Come hai fatto?”

Semplicemente scegliendo l’hosting più performante presente sul mercato e la migliore piattaforma di blogging mai realizzata.

Quest’accoppiata infatti mi garantisce le massime prestazioni per piacere a Google tra cui:

  • La velocità che mi viene garantita dall’hosting che utilizzo e da WordPress che è ottimizzato per la SEO.
  • La capacità dei temi WordPress di adattarsi a tutti i dispositivi automaticamente.

Un bel vantaggio competitivo se prendiamo in considerazione alcuni dati interessanti:

  • Il 25% delle persone abbandona i siti web se questi impiegano più di 4 secondi per caricarsi.
  • Il 51% delle persone abbandona i siti web se questi impiegano più di 10 secondi per caricarsi.
  • Il 51% delle persone non acquistano sul tuo sito web se questo è troppo lento.
  • Il 79% delle persone oggi accedono ai siti web tramite smartphone e tablet.

Tieni a mente queste statistiche e agisci di conseguenza.

L’hosting che ti ho consigliato e che io stesso utilizzo costa meno di 6€ al mese, meno di una pizza con gli amici, quasi quanto un pacchetto di sigarette e qualche euro in più di una birra.

Tutte cose a cui io stesso ho rinunciato quando ho iniziato.

Investire in un progetto personale anche pochi euro può rivelarsi il miglior investimento della tua vita.

Ti consiglio di rileggere il paragrafo dove ti parlo perché dovresti creare un blog e pensare a perché sei arrivato in questo mio articolo, fino a qui.

Non smettere mai di chiedere a te stesso: PERCHE’.

Ma ritornando al discorso dell’hosting che dovrai acquistare per installare WordPress, non ti ho detto che avrai la possibilità di provarlo per un mese intero e chiedere un eventuale rimborso nel caso in cui le cose dovessero andare storte.

Installa WordPress sul tuo hosting, ci rivediamo qui quando hai terminato.

Sto per rivelarti alcune cose molto molto interessanti.

Plugin WordPress per il tuo blog (extra)

Un grande progetto richiede una mole di lavoro immane.

migliori plugin WordPress per blog

E come avrai ben capito WordPress è un grande progetto al quale lavorano migliaia di persone che contribuiscono al miglioramento e alla crescita di quest’ultimo.

Oltre ad essere uno dei CMS più utilizzati al mondo, WordPress è una community al quale contribuiscono centinaia di migliaia di sviluppatori che rilasciano quotidianamente strumenti utili ai blogger.

Tra gli strumenti più popolari ed utilizzati che aiutano i blogger ad implementare funzioni extra all’interno del proprio blog troviamo i plugin, eccone alcuni tra i più utilizzati (anche io li utilizzo) e che potrebbero tornarti utili:

Rank Math: A parer mio è il miglior plugin SEO disponibile per WordPress. Ottimizzare il tuo sito web grazie a questo plugin si rivelerà un gioco da ragazzi.

Easy Social Sharing: è un plugin per i social media che ti permette di creare condivisioni personalizzate dei tuoi articoli sui social network e tanto altro.

WP Rocket: è un plugin premium per il caching e l’ottimizzazione del tuo sito web in ottica SEO, ti permette infatti di gestire e minificare e concatenare tutte le risorse a livello di codice che influiscono sul tempo di caricamento del tuo blog garantendoti così la massima velocità.

Contact Form 7: Ti permette di creare dei moduli di contatto che potrai inserire all’interno del tuo blog in maniera rapida ( quando qualcuno lo utilizza per scriverti un messaggio potrai visualizzarlo direttamente sulla tua e-mail ).

Wordfence Security: E’ il carro armato che devi assolutamente installare sul tuo blog. Ti difenderà da ogni attacco hacker.

Google Site Kit: Il plugin gratuito messo a disposizione di Google che ti permetterà di integrare tutti i suoi strumenti ( Analytics, Search Console, Tag Manager ecc… ) all’interno del tuo blog con un semplice click.

WooCommerce: Installando questo plugin potrai inserire all’interno del tuo una sezione dedicata alla vendita dei tuoi prodotti.

… OPS!

Ho dimenticato di dirti che WordPress è stato completamente tradotto in italiano e con esso tutti plugin disponibili compresi quelli non citati.

Si, esistono milioni di plugin con il quale puoi creare un blog efficace in pochi click!

Ho creato un blog, ora cosa faccio ? AGISCI.

E’ arrivato il momento di agire.

come creare un blog efficace

Cosa voglio dire…

Che è arrivato il momento di gettare l’ancora e iniziare a remare, la tua nave è pronta a conquistare gli oceani.

Ma hai ancora qualche accorgimento da fare durante la navigazione.

DEVI PREPARARE I CANNONI — NON SEI SOLO

Esatto… non sei solo. Pensa che ogni giorno nascono 85.000 nuovi siti web, la metà dei quali sono blog.

E non solo, ogni secondo vengono digitate in media 140 parole.

Ma quindi Cristian, a cosa mi servono questi cannoni?

Metaforicamente parlando i cannoni sono quel qualcosa che ti permetterà di affrontare i “pirati” che cercheranno di rubarti l’oro trovato nel tuo viaggio alla conquista degli oceani.

Il tuo oro è la prima posizione sui motori di ricerca, i “pirati” sono i tuoi competitor.

Ma perché è così importante che ti posizioni primo con il tuo blog sui motori di ricerca?

Perché una posizione alta ti garantisce visite e tra i visitatori del tuo blog potrebbe nascondersi un potenziale cliente.

Ti sto facendo questo discorso perchè stai per scoprire un nuovo mondo.

Il mondo della SEO.

Io la definisco un’arte che se compresa a fondo e applicata come si deve può portarti al più ad essere il padrone del più grande giacimento d’oro puro mai rinvenuto.

Come creare un blog che si posizione in cima ai motori di ricerca: introduzione alla SEO

Ottimizzare, ottimizzare e ottimizzare.

Questa è la SEO, acronimo di Search Engine Optimization ( l’arte dell’ottimizzazione per i motori di ricerca.)

Consiste nell’ottimizzare il tuo blog e i tuoi contenuti facendo si che si posizionino nella parte alta della SERP( pagina dei risultati dei motori di ricerca) per determinate keyword.

Fare SEO significa anche portare traffico al tuo blog che tradotto significa aumentare le visite del tuo blog.

Non ci stai capendo più niente vero? Lo so, è stato così anche per me all’inizio, non sapevo dove mettere le mani e quindi ho iniziato a sporcarmele.

come creare un blog ottimizzato per la SEO

Cristian, per fortuna ci sei tu! Puoi dirmi come iniziare a fare SEO ?

Non posso… non perché non voglio, bensì perché la maggior parte dei segreti della SEO ti sono stati già rivelati in questa guida.

Ti spiego.

Il processo di ottimizzazione prevede 2 attività:

  • Ottimizzazione tecnica: ti ho parlato di strutture, che per iniziare basta e avanza.
  • Creazione di contenuti: prendi come punto di riferimento questa guida, vedi quanto valore c’è al suo interno ? Lo stesso dovrai farlo tu, creare contenuti di valore pensati per il tuo lettore ideale, contenuti che rispondano agli intenti di ricerca e pensati per essere condivisi.

Visto? Inconsapevolmente hai creato un blog con una buona base di partenza e pensato per i motori di ricerca.

Ma questo non è tutto.. la SEO è anche altro.

Sto scrivendo un mega articolo che ti spiegherà come potrai ottimizzare il tuo blog al 100%, ti consiglio quindi di condividere questo articolo e seguirmi sui miei canali social per non perderti la guida più grande mai realizzata.

Detto ciò, inizia a scrivere.

Creare un blog che genera migliaia di visite: scrivere un articolo efficace.

La scrittura non è mai stata la mia passione, odiavo scrivere!

Colpa del sistema di formazione scolastico italiano che NON FUNZIONA.

Ci hanno sempre imposto di scrivere con modelli prestabiliti.. di scrivere qualcosa che magari non ci interessava.. di scrivere alla cazzo.

Poi tutto è cambiato quando ho iniziato ad aprire i primi blog e a scrivere articoli su argomenti che mi interessavano e che passavo a studiare per ore e ore..

Diventando cosi la scrittura stessa una cosa da studiare e approfondire.

creare un blog e scrivere un articolo efficace

Si, hai capito bene, studiavo come comunicare efficacemente e scrivere articoli capaci di raggiungere centinaia di migliaia di persone, di vendere e generare profitto.

WOW! Ti starai dicendo.. ma come, ti starai chiedendo.

Saper comunicare in maniera efficace non è un dono ma un’arte che va imparata.

Ascolta le persone, cerca di capire cosa vogliono, quali sono i loro problemi…

Rifletti…

MA RICORDA: il tuo blog non è per tutti, non provare a risolvere i problemi di tutti o dovrai cercare qualcuno che poi venga a risolvere i tuoi di problemi.

Concentrati sul tuo target.

… pochi ma buoni.

P.S: DEVI MANTENERE ALTA L’ATTENZIONE

Intrattieni i tuoi visitatori durante la lettura.

P.P.S: INSEGNA E RISOLVI I PROBLEMI

Crea un contenuto che risolva i problemi di chi giunge su di esso e motiva il tuo lettore ( con qualche aneddoto della tua vita. ).

Inizia a scrivere.. e continua a farlo.

Sono sicuro che diventerai un ottimo Copywriter, ma ancor di più: un blogger di successo.

Non vedo l’ora di leggere uno dei tuoi articoli 🙂

Immagini gratis per il tuo blog senza copyright (bonus)

Un’immagine vale più di 1000 parole e non puoi fare a meno di aggiungerle nei tuoi articoli, sono IMPORTANTISSIME.

Ecco dove puoi trovare delle grafiche pazzesche, gratuite e personalizzabili:

Questi sono i 3 siti da dove scarico anche io le immagini per il mio blog, ma ovviamente potrai anche crearle tu da solo utilizzando strumenti come Canva ( semplice e professionale ) oppure Photoshop e Illustrator i due software della suite Adobe più utilizzati dai migliori Graphic Designer al mondo ( complessi ma potentissimi )

Adattamento legale del blog: adeguarsi al GDPR – Legge sulla privacy e Cookie (extra)

Un altro aspetto da tenere in considerazione è il regolamento sulla protezione dei dati ( GDPR ) che ti obbliga a creare e inserire sul tuo sito una Privacy Policy e una Cookie Policy.

Ma stai tranquillo, non hai bisogno di un avvocato, c’è un software che fa tutto questo per te.

Lo utilizzo anch’io.

Ti presento IUBENDA, ideato e pensato da un team di avvocati per permetterti di adeguare il tuo blog alla GDRP.

creare un blog e adeguarsi alla gdpr

Ti basterà creare un account gratuito (inizialmente) e generare la tua Privacy Policy e Cookie Policy selezionando tutti gli strumenti di terze parti che conservano dati sensibili dei tuoi lettori ( e-mail ) o che comunque tracciano il comportamento degli utenti ( Google Analytics ).

Una volta fatto ciò potrai inserirli all’interno del tuo blog tramite script o utilizzando il loro plugin gratuito. Trovi tutte le istruzione sul loro sito!

Tieni presente che il garante della privacy non sta aspettando proprio te che magari apri un blog oggi e senza avere nemmeno un minimo di traffico ti spedisce una bella multa.

Quindi non temere, utilizza questi accorgimenti quando avrai un blog già avviato e con un minimo di traffico.

Devo avere Partita IVA per aprire un blog? (extra)

In molti mi avete chiesto se per aprire un blog sia necessario aprire anche la Partita IVA.

Beh… NO!

Almeno per ora.

E quindi quando dovrei aprire la Partita IVA?

Dovrai aprirne una quando inizierai a guadagnare con il tuo blog in maniera continuativa.

Questo significa che non devi preoccuparti se magari il mese prossimo guadagnerai 5000€ e nei mesi che seguono nemmeno un soldo.

Dovrai iniziare a preoccuparti di intercettare e contattare un buon commercialista quando quei 5000€ entrano nelle tue tasche in maniera continuativa mese dopo mese.

Ma non preoccuparti, non focalizzarti troppo su questi dettagli, inizia a creare un blog e a creare contenuti di valore.

Il guadagno sarà proporzionale al valore che sarai capace di generare nei confronti della tua audience e arriverà da sè.

E quando inizierai a guadagnare con il tuo blog vedrai che non sarà un problema aprire la tua Partita IVA.

Sai che potrai anche accedere a delle agevolazioni grazie ai minimi del regime forfettario? La pressione fiscale di questa modalità è davvero bassissima.

Che cosa fantastica!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su twitter

SHARE