fbpx
come aprire un blog di viaggi e guadagnare

Come aprire un blog di viaggi nel 2022 e Guadagnare Viaggiando come Nomade Digitale (o Remote Worker)

Hai mai sognato di viaggiare per il mondo e guadagnarti da vivere? 

So che è ti è capitato. 

Scegliere di aprire un blog di viaggi potrebbe essere la motivazione giusta di cui hai bisogno. 

E no… non è necessario essere un assistente di volo o lavorare su una nave da crociera per realizzare questo sogno.

La parte migliore del blog di viaggi è che non hai bisogno di alcuna formazione formale o di una laurea per iniziare.

Se sei stato morso dal bug della voglia di viaggiare e vuoi lanciare il tuo blog di viaggio (utile), allora sei nel posto giusto.

Negli ultimi 10 anni, ho ampliato il mio blog (questo) per raggiungere oltre 47.000 lettori mensili e ho imparato a fare soldi con un blog con un fatturato di oltre € 150.000 all’anno da questo blog. 

Condivido questo non per vantarmi, ma per farti capire che stai imparando da qualcuno con un esperienza comprovata.

In questa guida, ti mostrerò come creare un blog di viaggi e anche come farlo se hai già un lavoro a tempo pieno. 

Questo processo si basa sia sulla mia esperienza, sia su quella di diversi travel blogger di successo che ho avuto il piacere di conoscere.

Ora allacciamoci le cinture e prepariamoci per un viaggio fantastico.

Come aprire un blog di viaggi (e guadagnare) in 8 semplici passaggi

Tabella dei Contenuti

Prima di fare le valigie: le basi da conoscere sui blog di viaggio

Prima di addentrarci troppo in questa guida su come aprire un blog di viaggi, ci sono alcune basi fondamentali che devono essere gettate in questo momento.

Questi sono fattori che influenzeranno notevolmente il tuo successo con il tuo blog di viaggio o meno.

Gli strumenti (e le competenze) di base di cui ogni travel blogger ha bisogno 

Prima di tutto, prima ancora di percorrere il sentiero (o l’asfalto), dovrai assicurarti di avere gli strumenti e l’attrezzatura giusti per aiutarti a creare un blog di viaggi di successo.

Gli strumenti e l'attrezzatura di cui avrai bisogno per diventare un travel blogger

Ecco alcune delle nozioni di base su cui vorrai investire, tenendo presente che puoi sempre aggiungere al tuo toolkit a seconda delle tue esigenze nelle prossime settimane, mesi e anni.

  • Computer portatile leggero – Non lesinare sul tuo laptop, poiché è l’attrezzatura centrale di cui avrai bisogno per creare un blog di viaggi (e mantenerlo attivo): fai conto che sia il tuo ufficio. Ti consiglio di acquistare un laptop con una buona durata della batteria, uno schermo di dimensioni decenti (scriverai e modificherai le foto da esso) e, naturalmente, più leggero è, meglio è. Due dei migliori laptop per blog di viaggio che si adattano perfettamente a queste caratteristiche sono il MacBook M1 Pro da 16 “(a € 2.841) che è senza dubbio il miglior laptop se farai un po’ di fotoritocco per il tuo blog di viaggi e il MacBook Pro M1 da 13″ (a € 1438,99) se ti concentrerai principalmente sulla scrittura. Un MacBook vale l’investimento in quanto ti durerà diversi anni senza preoccuparti che si rompa mentre sei nel mezzo di un viaggio.
  • Fotocamera potente – Uno degli aspetti più importanti del blog di viaggio è raccontare le storie delle tue avventure. E quale modo migliore per farlo se non con le immagini di tutto ciò che vedi, fai e vivi? Questo è il motivo per cui hai bisogno di una buona fotocamera per catturare quei vibranti momenti di narrazione. Consiglio vivamente la fotocamera mirrorless Sony Alpha A7 lV (a € 2.799,99) abbinata all’obiettivo da 28-70 mm fornito di serie con la fotocamera o un aggiornamento al più diversificato obiettivo 24105G da 24-105 mm f/4 (a € 1.060,00) questo ti aiuterà a riprendere praticamente qualsiasi tipo di impostazione senza la necessità di viaggiare con più obiettivi. Analogamente alla tua decisione sul laptop giusto con cui viaggiare, investire in anticipo in una buona attrezzatura fotografica pagherà grandi dividendi nella qualità dei tuoi contenuti e questo strumento durerà anche per diversi anni.
  • Alimentazione di riserva . La natura del blog di viaggio è che spesso sarai lontano dalle fonti di energia. Un power bank ad alta capacità, come questo di Anker (a € 84,99) che può caricare più volte sia i telefoni che i laptop, ti garantirà che i tuoi dispositivi non si scarichino mai. E a proposito di energia, vorrai anche un adattatore da viaggio in tutto il mondo (a € 13,99) o due, in modo da poter sempre collegare e ricaricare i tuoi dispositivi nel prossimo paese del tuo viaggio.

Ci sono sempre più strumenti e attrezzature che puoi collezionare per migliorare la qualità dei tuoi contenuti (o immagini), ma le basi sono: un buon laptop, fotocamera e alimentazione di backup che ti metteranno sulla strada giusta per iniziare con il tuo blog di viaggi.

3 sfide che devono affrontare tutti i travel blogger

Aprire un blog di viaggi non è affatto facile. 

Certo, molti blogger di viaggio (soprattutto su Instagram) vogliono dipingere l’immagine che stanno conducendo una vita di svago ogni singolo giorno, ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. 

Aprire un blog di viaggi e gestirlo con successo richiede molta grinta.

Diamo un’occhiata veloce ad alcune delle sfide più comuni che dovresti essere pronto ad affrontare e superare quando crei un blog di viaggi:

  • La concorrenza è agguerrita . La realtà di inseguire un’attività divertente e gratificante come il blog di viaggi, è così…  molte persone vogliono diventare travel blogger (chi non vorrebbe esserlo?). Per questo motivo, i blog di viaggi possono essere un settore altamente competitivo e saturo. Tuttavia, se ti posizioni bene (non preoccuparti, questa è la prima sezione di questa guida su come aprire un blog di viaggi) e ti impegni molto, puoi costruire un blog di viaggi di grande successo all’interno di una nicchia.
  • Vincoli di tempo – In particolare, se stai aprendo un blog di viaggi e lavorando ancora a tempo pieno, ritagliare il tempo sia per i viaggi che per la creazione di contenuti sarà una delle tue più grandi sfide. Dovrai imparare a bilanciare lavoro, viaggi e creazione di contenuti che ti aiuteranno ad accumulare un pubblico per il tuo blog.
  • Solitudine – Se viaggerai da solo, è probabile che ci saranno momenti in cui dovrai combattere con la solitudine (per quanto eccitanti possano essere i tuoi viaggi). Per fortuna, però, la tecnologia ci consente di rimanere in contatto con i nostri cari, non importa dove siamo nel mondo, e soggiornare negli hotel o negli ostelli giusti lungo il tuo viaggio può anche aiutarti a inserirti nei circoli sociali di altri viaggiatori con ideali e obiettivi simili.

Conoscere queste sfide in anticipo ti aiuterà a prepararti mentalmente, aumentando così le tue possibilità di successo come travel blogger a lungo termine.

Dovresti imparare a creare un blog di viaggi?

Bene, ora l’ultimo passo prima di decidere se dovresti o meno lanciare un blog di viaggi, è rispondere alla domanda fondamentale… “Perché dovrei creare un blog di viaggi?” Ecco alcuni dei migliori motivi per cui dovresti prendere in considerazione il travel blogging in modo che tu possa decidere se un blog di viaggi è qualcosa che vuoi davvero fare.

  • Passione . Se sei un appassionato di viaggi, aprire un blog di viaggi è sicuramente un’idea da considerare. I blog di viaggi non solo ti aiuteranno a documentare le tue avventure, ma ti aiuteranno anche a motivarti a visitare più posti, a cercare esperienze uniche e ad aiutare le persone di tutto il mondo a vivere la vita al di fuori delle loro zone di comfort.
  • Profitto . Un blog di viaggi ben gestito può essere un’ottima fonte di reddito sia che tu lo faccia a tempo pieno o come attività secondaria.
  • Trasmetti la tua esperienza . Un altro motivo convincente per aprire un blog di viaggi è attraverso gli obiettivi del blog di condividere le tue avventure con persone che la pensano allo stesso modo, specialmente coloro che cercano ispirazione su dove andare e come farlo. Un blog di viaggi è anche un ottimo modo per condividere lezioni apprese, suggerimenti e consigli per aiutare altri viaggiatori.

Se stai ancora leggendo, significa che sei seriamente intenzionato a imparare come aprire un blog di viaggi, non male.

Quindi veniamo al dunque, d’accordo?

Come aprire un blog di viaggi in 8 semplici passaggi

Anche se aprire un blog di viaggi e farlo funzionare può sembrare una vera sfida dall’esterno, non è così difficile come molte persone pensano: a patto che suddividiamo questo processo in passaggi gestibili, impostando mentale l’aspettativa che ci vorranno settimane, mesi e forse anche anni per diventare un blogger di viaggi a tempo pieno redditizio.

aprire un blog di viaggi è un investimento importante nel proprio futuro e i risultati possono essere incredibilmente gratificanti.

Ecco come avviare un blog di viaggio in 8 semplici passaggi.

1. Scegli una nicchia di blog di viaggio intelligente

Il primo (e probabilmente il più importante) passo quando si crea un blog di viaggi è scegliere una nicchia ben definita all’interno del più ampio spazio di “blog di viaggi” che puoi ritagliarti come tuo.

cristian iovino travel blogger in costa smeralda

Che cos’è una nicchia di blog di viaggi.

Una nicchia è un insieme chiaramente definito di argomenti, posizionamento e stile su cui vuoi specializzare il tuo blog. 

Avere una nicchia ti aiuterà a distinguerti dalle migliaia di altri blog di viaggi e differenzierà i tuoi contenuti in un modo che renderà il tuo blog di viaggio più attraente per un pubblico che cerca il tuo tipo specifico di contenuto.

Il blog di viaggi stesso è una grande nicchia all’interno dell’industria generale del “blogging”. 

Tuttavia, è un argomento così ampio che ha così tante altre possibilità di sotto-nicchia tra cui puoi scegliere, sia per trovare il tuo stile e messaggio, sia per iniziare in uno spazio meno competitivo.

15 nicchie di blog di viaggi popolari da esplorare nel 2022:

  • Viaggi economic
  • Viaggi di lusso
  • Viaggi in solitaria
  • Lavoro a distanza/viaggi dei nomadi digitali
  • Viaggi femminili
  • zaino in spalla
  • Blogging nazionale (viaggi all’interno del tuo paese)
  • City blogging (incentrato su città particolari)
  • In viaggio per lavoro
  • Viaggi incentrati sul cibo (visitando ristoranti)
  • Viaggi avventura all’aria aperta
  • Viaggi in famiglia
  • parchi nazionali
  • Viaggiare per gli anziani
  • Viaggi in camper o furgone (road trip e #vanlife)

Come puoi vedere, le opzioni sono davvero illimitate quando si tratta di scegliere una nicchia per il tuo blog di viaggi, quindi gli unici vincoli sono la tua immaginazione e ciò che interessa ai tuoi potenziali lettori. 

Se c’è un pubblico di lettori là fuori che cerca ispirazione su un certo tipo di viaggio, allora c’è un’opportunità per soddisfare questa esigenza con il tuo blog di viaggi.

Alcuni modi in cui dovresti pensare di restringere la tua nicchia sono scegliere un’area tematica che entrambi (1) ami e (2) ha chiare opportunità di monetizzazione.

Come si sceglie una nicchia di blog di viaggi redditizia?

Il primo passo per assicurarti che la tua potenziale nicchia di blog di viaggi abbia un reale potenziale di profitto, è assicurarti che ci sia  già un pubblico esistente là fuori, desideroso di leggere i contenuti che vorresti scrivere sul tuo blog di viaggi.

  • Fai ricerche di parole chiave . Il modo più veloce per stimare la domanda nel mondo reale per la tua nicchia di blog di viaggi è fare ricerche di parole chiave . Ciò significa utilizzare uno strumento gratuito come Twinword Ideas o una suite di strumenti più avanzati come SEOZoom, per cercare le parole chiave più popolari all’interno della tua futura nicchia. Questo ti darà un indicatore di ciò che le persone stanno cercando attivamente online, quante di loro stanno cercando contenuti su questi argomenti e ti darà informazioni su ciò per cui sono disposte a spendere soldi.
  • Condurre un’analisi dei competitor. L’analisi dei competitor consiste semplicemente nel controllare cosa stanno già facendo i tuoi competitor. Che ti piaccia o no, ogni possibile nicchia di blog di viaggi (nella quale vale la pena entrare) avrà già concorrenti affermati, ma questa è una buona cosa. Puoi dare un’occhiata da vicino ai loro blog, analizzare le loro strategie di monetizzazione e utilizzare strumenti come SEOZoom per scoprire come indirizzano il traffico al loro blog e impostare Google Alert per monitorare anche le loro attività. È probabile che se i tuoi competitor traggono profitto dai loro blog di viaggio, puoi farlo anche tu.

Se desideri approfondire la scelta di una nicchia chiara e supportata dalla ricerca per il tuo blog di viaggio, leggi la mia guida approfondita: Come trovare una nicchia di mercato profittevole.

Ora che hai scelto una chiara nicchia per il tuo blog di viaggi, affrontiamo la fase successiva del tuo viaggio nel blogging.

2. Scegli il nome del tuo blog di viaggi (con saggezza)

Scegliere un nome per il blog (che è sia interessante che ha ancora un .com disponibile) per il tuo blog di viaggi, potrebbe non essere così facile.

Come scegliere il nome di un blog di viaggi ('esempio del nome di un blog di viaggio)

Come punto di partenza, presta attenzione per assicurarti di scegliere un nome per il tuo blog di viaggi che:

  • È descrittivo della tua nicchia (se possibile).
  • Riflette il tuo brand e il tuo stile.
  • Aumenta le opportunità SEO del tuo blog (un nome che includa la tua parola chiave principale, se possibile)

Adattato direttamente dalla mia guida definitiva su come dare un nome a un blog, ecco alcuni suggerimenti rapidi e semplici tecniche progettate specificamente per aiutarti a dare un nome al tuo blog di viaggi.

10 suggerimenti e tecniche per dare un nome ai blog di viaggi

  1. Leggi un libro (o un articolo) all’interno della tua nicchia di viaggi per scoprire nuove parole e potenziali nomi.
  2. Rispolvera il dizionario dei sinonimi o il vocabolario e cerca parole accattivanti.
  3. Prova l’allitterazione per trovare il nome per un blog di viaggi.
  4. Trova un buon gioco di parole per il nome del tuo blog di viaggio.
  5. Usa l’umorismo.
  6. Le parole non correlate possono essere più memorabili.
  7. Usa il tuo nome o soprannome.
  8. Raccogli le parole che si riferiscono alla tua nicchia (viaggiatore, truffatore, vagabondo, nomade, avventuriero, viandante)
  9. Fai una pausa e prova qualcosa di nuovo (fai una passeggiata nella natura per cercare ispirazione).
  10. Usa parole inventate (sii creativo, non ci sono risposte sbagliate).

Un altro consiglio utile quando si sceglie il nome per un blog di viaggi è quello di evitare parole che sono cliché (poiché sono state abusate) o che possono essere facilmente errate.

Inoltre, assicurati che il nome del tuo blog sia memorabile poiché (idealmente) lo utilizzerai anche come nome di dominio.

3. Scegli un hosting per blog

Affinché il tuo blog di viaggi sia visibile pubblicamente su Internet, dovrai:

  • Acquistare un hosting.
  • Registra il tuo nome di dominio.

Fortunatamente, questo processo è diventato estremamente facile da eseguire ed è anche molto conveniente (meno di $ 3,00 al mese).

Che cos’è l’hosting?

Un servizio di hosting è una società che possiede server e dispone della tecnologia per rendere (e mantenere) il tuo blog disponibile online. A causa del ruolo importante che la tua piattaforma di hosting svolge nel blogging, ti consiglio di investire in un piano di hosting affidabile sin dal primo giorno. In caso contrario, il tuo blog potrebbe essere andare in down, perdendo preziosi lettori e dicendo ai motori di ricerca che il tuo sito non è affidabile.

Uno dei servizi di hosting più affidabili, e quello che io (e molti altri blogger) consiglio vivamente, è ServerPlan

ServerPlan non solo è uno dei migliori servizi di web hosting sul mercato da oltre 20 anni, ma è anche estremamente conveniente, soprattutto considerando che i loro piani includono un nome di dominio gratuito.

Puoi aspettarti ospitare il tuo blog su ServerPlan per € 2,00 / mese , che include anche l’accesso al loro team di supporto tecnico 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

ServerPlan Web Hosting (screenshot della home page) per scegliere un nome e imparare come creare un blog

Un altro ottimo motivo per scegliere ServerPlan per l’hosting del tuo blog di viaggi è che includono anche un’installazione di WordPress “one-click” subito dopo la registrazione.

Ti consiglio vivamente di utilizzare WordPress per alimentare il tuo blog, in quanto è un robusto sistema di gestione dei contenuti (CMS) che è anche super facile da usare e ti permette di personalizzare il design del tuo blog. 

E secondo recenti statistiche sui blog , è di gran lunga la piattaforma di blog più popolare utilizzata da milioni di blogger in tutto il mondo (incluso me).

Ora, questo ci porta al nostro prossimo passo nell’imparare ad aprire un blog di viaggi: progettare il layout, l’aspetto e l’aspetto di come apparirà il tuo blog.

4. Progetta il tuo blog di viaggio

Ora arriva una delle parti più entusiasmanti della creazione di un blog di viaggi (a parte il viaggio vero e proprio, ovviamente): progettare il layout del tuo blog di viaggi .

Come creare un blog di viaggi su WordPress (tutorial)

Questa fase è importante, in quanto determina ciò che i tuoi visitatori vedranno e sperimenteranno quando visiteranno il tuo blog di viaggi.

Un blog di viaggi ben progettato e facile da navigare aiuta anche a creare fiducia con il tuo pubblico. 

Quindi, come si progetta il blog di viaggi perfetto?

Considera il tuo brand

Un fattore importante da considerare quando si progetta il proprio blog di viaggio è il branding. Prendiamo ad esempio il design della homepage del blog di viaggio di “miprendoemiportovia”

come progettare un blog di viaggi ( esempio e scrennshot del blog miprendoemiportovia)

Come puoi vedere, c’è un insieme molto chiaro di colori complementari, stili di testo e un uso prominente delle sue fotografie originali che vengono visualizzate sulla sua homepage. 

Selena ha un brand molto ben definito per il suo blog di viaggi.

Tieni presente che anche se oggi potresti essere un blogger di viaggi sconosciuto (nuovo di zecca), è importante che tu riesca a definire il tuo brand fin dall’inizio.

I due aspetti più importanti del branding per blog di viaggi che devi considerare sono:

  • Estetica del blog . Si tratta di come apparirà il tuo blog di viaggi. Usa colori e immagini che riflettano il tuo approccio unico alla tua nicchia.
  • Personalità del blog. La personalità del tuo blog di viaggi include fattori come il tono di scrittura e lo stile di conversazione. Ha anche a che fare con l’atmosfera che vuoi che abbia il tuo blog, che farà molto in termini di attrazione (o respingere) determinati tipi di persone. Tieni presente anche che la pagina about tuo blog di viaggi sarà probabilmente frequentata dai lettori, quindi progettala con attenzione.

Usa il tema WordPress giusto

Un tema WordPress è un software gratuito (o a basso costo) che puoi installare sul tuo blog WordPress e aiuta a controllare/modificare facilmente l’aspetto generale del tuo blog di viaggi.

Ogni tema darà al tuo blog un layout visivo diverso e mostrerà i tuoi contenuti in modi diversi. Se sai quale tema utilizzare quando apri blog di viaggi, ti consiglio di valutare le mie scelte per i migliori temi WordPress come punto di partenza per valutare tutte le migliori opzioni sul mercato. 

Per la maggior parte dei nuovi blogger di viaggi, consiglio di utilizzare il tema WordPress gratuito Elementor per far decollare il tuo blog e spendere poco o nulla.

migliore tema wordpress per creare un blog di viaggi ( Elementor )

Dopo aver installato il tuo tema, è il momento di caricare alcuni plugin di WordPress che aggiungeranno alcune funzionalità aggiuntive al tuo blog di viaggi.

Installa questi 4 plugin funzionali per blog di viaggi

Proprio come un tema, un plugin è un (più piccolo) pezzo di software che migliora l’aspetto, la sensazione e le caratteristiche del tuo blog di viaggi.

La differenza principale è che mentre i temi si occupano dell’estetica generale del tuo blog, un plugin migliora una particolare funzionalità.

Alcuni pratici plugin per aiutarti ad avviare un blog di viaggio con il piede giusto includono:

  1. Rank Math – Rank Math è uno dei migliori plugin quando si tratta di migliorare le prestazioni SEO del tuo blog, che ti aiuterà a classificare i contenuti più in alto nei risultati di ricerca organici.
  2. Social Counter – Social Counter è un plug-in che consente ai visitatori del tuo blog di condividere facilmente i tuoi contenuti con un solo clic. Fornisce anche utili analisi relative alle prestazioni dei social media dei tuoi contenuti, che aiutano a determinare su quali canali social dedicare più tempo.
  3. WP Google Maps – Cos’è un blog di viaggi senza le mappe di dove sei stato (e dove hai intenzione di andare)? WP Google Maps è un semplice plug-in che ti consente di creare mappe Google personalizzate con indicatori di alta qualità contenenti categorie, descrizioni, immagini, collegamenti e altro.
  4. Modula Image Gallery – Questo è un ottimo plug-in che ti aiuta in modo efficiente, archivia, modifica e ottimizza le tue foto e immagini, che saranno una parte importante della tua esperienza da travel blogger.

Con questi elementi, puoi iniziare a dedicare un po’ di tempo a modificare il design e le funzionalità del tuo blog di viaggi.

Anche se questa dovrebbe essere assolutamente un’esperienza di apprendimento divertente, ti consiglio di limitare la quantità di tempo che dedichi al  perfezionamento del design del tuo blog di viaggio e di portarlo a un livello “sufficientemente buono” in modo da poter iniziare a spostare la tua attenzione su ciò che è più importante attività di viaggio, creazione di contenuti e creazione di un pubblico.

5. Pianifica il tuo primo viaggio da blogger (e coinvolgi i lettori)

Ora che il tuo blog di viaggi è attivo e funzionante, è ora di iniziare a pianificare il tuo primo viaggio (e il processo di creazione dei contenuti).

porgettare il primo viaggio da travel blogger

Questa sezione della nostra guida esaminerà la pianificazione di una serie di viaggi da travel blogger che siano attuabili, nel rispetto del budget e interessanti per il tuo pubblico (futuro), e lo farà soprattutto pensando al tuo lavoro se hai ancora un lavoro a tempo pieno.

Inizia con destinazioni vicine

Se dipendi ancora dal tuo lavoro quotidiano, può essere difficile viaggiare tutte le volte che vuoi. 

Un modo per superare questa sfida nei primi giorni del tuo blog di viaggi è fare brevi viaggi verso destinazioni vicine. 

Questo ti aiuterà:

  • Metti alla prova la tua attrezzatura.
  • Esercitati a scattare foto (e video).
  • Prova a creare contenuti per il tuo blog.
  • Inizia a condividere sui social media e a interagire con potenziali lettori.

Per i tuoi primi due viaggi, ti consiglio di scegliere destinazioni vicine che siano eccitanti, che non impiegheranno troppo tempo per la ricerca e la pianificazione e, naturalmente, assicurati che siano destinazioni a cui il tuo pubblico sarà interessato.

Pianifica il tuo viaggio in anticipo

Anche se questo può sembrare un passaggio ovvio per i tavel blogger, è comunque necessario menzionarlo: la stragrande maggioranza dei travel blogger pianifica i propri viaggi in anticipo (tenendo conto delle località che desiderano visitare e dei contenuti che desiderano creare), piuttosto che improvvisare non appena raggiunta la meta.

Considera anche che potresti voler programmare il tuo viaggio in modo che abbia luogo durante un prossimo fine settimana di 3 giorni, in modo da non dover prendere una pausa dal lavoro.

Alcune cose principali su cui concentrarti quando pianifichi il tuo primo viaggio in un blog di viaggi includono:

  • Decidere la destinazione e gli aspetti principali del viaggio.
  • Budget quanto vuoi spendere (e come).
  • Sistemazioni (hotel vs Airbnb).
  • Pianificazione dei pasti (ristoranti vs shopping e cucina).
  • Organizzazione dello stile di viaggio (solo o di gruppo).
  • Documentazione (cosa vuoi catturare e di cui scrivere).

Assicurati di tenere un diario in cui annotare tutto sui tuoi piani di viaggio.

Meglio ancora, usa il tuo blog di viaggi per tenere un diario sulla preparazione del viaggio in pubblico affinché i tuoi lettori possano vedere e imparare.

Questo processo non solo ti aiuterà a perfezionare il tuo processo di pianificazione del viaggio nel tempo, ma creerà anche legami più forti con i lettori che sentono di partecipare all’avventura con te. 

Inoltre, potresti ricevere alcuni buoni consigli (o richieste) per le attività da svolgere durante il tuo viaggio.

Come utilizzare la pianificazione del viaggio per creare hype per il tuo blog di viaggio

Quindi, come puoi usare la tua pianificazione del viaggio per creare un po’ di entusiasmo per il tuo nuovo blog di viaggio?

  • Annuncia il tuo viaggio. Un buon modo per entusiasmare i lettori (e i futuri lettori) del tuo viaggio è annunciarlo sui social media. Condividi la tua destinazione con tutti quelli con cui sei connesso sulle tue piattaforme di social media e invitali a unirsi a te nella preparazione del viaggio. Puoi anche far sapere loro che sono liberi di accompagnarti durante il tuo viaggio seguendo gli aggiornamenti sul tuo blog, su Instagram o altro. Puoi anche aggiungere link alle tue storie di Instagram che incoraggeranno i tuoi follower a fare clic e interagire con te in modo più significativo sul tuo blog.
  • Coinvolgi i tuoi lettori nella scelta dell’attrezzatura. Se c’è qualche attrezzatura speciale di cui hai bisogno per prepararti per il tuo viaggio, coinvolgi i tuoi lettori chiedendo consigli o sollecitando il loro voto su una decisione. In questo modo potrai avviare conversazioni e raccogliere consigli da altri che hanno già utilizzato l’attrezzatura.
  • Lancia un concorso. Mentre prepari la tua attrezzatura, usala come un’opportunità per organizzare un concorso che può costruire il tuo pubblico, in base al quale regali un pezzo identico di equipaggiamento a un nuovo fortunato follower che interagisce di più con i tuoi post.

Un altro punto finale sulla pianificazione del viaggio di successo per il tuo blog di viaggi è leggere i resoconti di altri blogger, scrittori e fotografi che hanno intrapreso lo stesso viaggio prima di te.

Bonus: connettiti con gli influencer. Consiglio di far sapere a questi influencer che stai per intraprendere lo stesso viaggio e che hai trovato il loro contenuto estremamente utile per pianificare la tua versione del viaggio.

Questo è un ottimo modo per iniziare a costruire relazioni con altri travel blogger nella tua nicchia. 

Chissà, potrebbero anche darti alcuni consigli sui luoghi da visitare, consigli per tagliare i costi o potrebbero persino condividere il tuo viaggio con il loro pubblico, aiutandoti a far crescere il tuo.

6. Bilancia la creazione dei contenuti con i viaggi

Bene, ora è il momento di partire per il tuo tanto atteso viaggio inaugurale come travel blogger.

I panorami sono esaltanti, così come le esperienze. 

Ma non dimenticare: lungo il percorso devi anche creare contenuti per il tuo blog di viaggi. 

E di gran lunga il momento migliore per documentare il tuo viaggio (almeno come bozza di un articolo o note), è mentre lo vivi in ​​tempo reale, giorno per giorno.

come bilanciare la creazione dei contenuti ed i viaggi con un blog di viaggio

Una delle più grandi sfide della gestione di un blog di viaggi è che è così facile dimenticare (tra l’eccitazione) che dovresti creare contenuti per il tuo blog, condividendo idealmente il dietro le quinte con video, brevi aggiornamenti e immagini sul tuo profilo Instagram.

Ecco alcuni suggerimenti per mantenere il controllo dei contenuti durante il viaggio.

Fai la tua ricerca in anticipo

Una delle cose più importanti che puoi fare per te stesso come travel blogger, è fare una ricerca sui contenuti prima di intraprendere il tuo viaggio. 

Due aree a cui devi prestare particolare attenzione includono:

  • Ricerca della destinazione – Cerca la tua destinazione il più possibile, in modo da avere un’idea del tipo di contenuto che puoi creare durante il tuo viaggio. Prima di partire per il tuo viaggio, dovresti avere già in mente alcune idee chiare per gli articoli da scrivere e pubblicare potenzialmente durante il viaggio.
  • Ricerca di parole chiave . Come abbiamo già accennato in precedenza, la ricerca di parole chiave è un aspetto molto importante del blog di viaggi. Esegui la ricerca delle parole chiave per una determinata destinazione prima di partire per il viaggio e sarai in grado di scegliere alcune attività specifiche da svolgere mentre sei lì e assicurarti che ci sia un pool di lettori che cercano quel contenuto online.

La ricerca il più possibile sulla tua destinazione e su tutto ciò che circonda il tuo prossimo viaggio ti aiuterà a ridurre l’onere della creazione di contenuti durante il viaggio.

Crea un calendario editoriale

Un calendario editoriale è una pianificazione dei contenuti che dovrai pubblicare (in ordine). 

Dopo aver effettuato la ricerca in anticipo, il calendario editoriale ti dirà di cosa hai bisogno per scrivere un articolo e quando dovrebbe essere pubblicato.

Per creare il tuo calendario editoriale:

  • Usa la tua ricerca – Usa la ricerca di parole chiave che hai già fatto per trovare alcuni argomenti e idee per il contenuto che creerai su un particolare viaggio/destinazione. Punti bonus se interroghi il tuo pubblico per consigli o esperienze da documentare.
  • Sfrutta il tuo itinerario – Il tuo itinerario non è solo utile per farti sapere dove stai andando e quando. Puoi anche usarlo per creare un calendario editoriale creando contenuti in base a ogni ristorante che visiti, attività che svolgi e panorama che vedi. Tutto il tuo viaggio può essere un’opportunità di contenuto se stai pensando in modo strategico.

Una volta impostato il calendario editoriale, creare effettivamente quel contenuto diventa un puzzle molto più semplice: basta riempire gli spazi vuoti.

Scatta foto bellissime

I tuoi lettori vogliono vivere il viaggio con te. 

Un ottimo modo per consentire loro di farlo è acquisire e pubblicare foto (e video) di alta qualità da condividere lungo il percorso. 

È qui che entra in gioco la tua fotocamera affidabile.

Assicurati di fare un sano mix di entrambi gli scatti d’azione (ottimo per le storie di Instagram ) e gli scatti panoramici più attentamente curati e modificati (migliori per il tuo blog e i post su Instagram) per offrire ai tuoi lettori la migliore esperienza, e quella su cui possono sintonizzarsi mentre sei fuori per il tuo viaggio.

come scattare foto bellissime per il tuo blog di viaggi

Puoi anche migliorare l’aspetto visivo degli articoli del blog creando la tua grafica e le tue immagini.

Uno dei migliori strumenti di blogging per aiutarti a creare le tue immagini uniche è Canva, la suite gratuita di strumenti e risorse di progettazione che può aiutarti a creare qualsiasi cosa, dai loghi alla grafica ottimizzata per i social, alle presentazioni condivisibili e altro ancora.

Creazione di contenuti che i tuoi lettori adoreranno

Come ormai saprai fin troppo bene, i blog di viaggi possono essere piuttosto competitivi, a seconda della nicchia in cui ti trovi.

Se i tuoi contenuti si distingueranno dalle centinaia (anche migliaia) di travel blogger, dovrai concentrarti sulla creazione di contenuti che siano:

  • Unici – Innanzitutto, riconosci che quasi ogni centimetro quadrato di questo pianeta è stato descritto in un blog da qualche parte. Per creare contenuti unici, devi cercare luoghi meno conosciuti, raccontare più storie e prendere parte a esperienze fuori dai sentieri battuti.
  • Utili – La maggior parte delle persone che leggono i blog di viaggi sono alla ricerca di informazioni utili che possono utilizzare per pianificare i propri viaggi, giusto? Assicurati di concentrarti molto sulla soddisfazione di questa esigenza per i tuoi lettori e non aver paura di chiedere loro come puoi essere più utile con i tuoi contenuti!
  • Divertenti – Padroneggia uno stile di scrittura che faccia volare le tue parole fuori dallo schermo e formi immagini nella mente del tuo lettore. Rendendo i post del tuo blog divertenti e accessibili, puoi quasi garantirti un ritorno dei lettori sul tuo blog. Un ottimo modo per farlo è aggiungere un po’ di umorismo ai tuoi contenuti, condividere aggiornamenti, video grezzi sulle tue storie di Instagram e fare di tutto per divertirti con i tuoi lettori.

Il contenuto è la spina dorsale di ogni travel blog di successo.

Senza ottimi contenuti, non c’è alcun incentivo per le persone a voler seguire il tuo blog di viaggi.

A proposito di follower… un aspetto molto importante che devi padroneggiare quando impari come aprire un blog di viaggio è generare traffico sul tuo blog (e costruire il tuo seguito sui social, che può essere una fonte affidabile di traffico ripetibile per i mesi e gli anni a venire ).

7. Traffico: come attirare lettori sul tuo blog di viaggi

Il tuo blog di viaggi è ora attivo e hai pianificato il tuo primo viaggio. 

Il prossimo passo è rilassarti e guardare migliaia di persone che si precipitano a divorare i tuoi primi contenuti… giusto? 

Beh, non proprio.

utilizzare instagram per ottenere folloer e aumentare il traffico verso il blog

Sono finiti i giorni in cui ottenere tonnellate di lettori sul tuo blog di viaggi è semplice come avviare una campagna pubblicitaria di $ 100 su Google, Facebook, Instagram o pubblicare il tuo lancio in alcuni forum di viaggi su Internet.

Con oltre 1,5 miliardi di siti Web su Internet oggi (e altri lanciati ogni giorno), devi fare uno sforzo reale per smuovere qualcosa e attirare i lettori sul tuo blog di viaggio.

Dovrai guadagnarti il tuo traffico, ma qui sta la sfida eccitante e gratificante. 

Quindi come si fa?

1. Ricerca di parole chiave

C’è un motivo per cui ho parlato così tanto dell’importanza di fare un’adeguata ricerca di parole chiave prima di creare contenuti per il tuo blog di viaggi, e non si può sottolineare abbastanza quanto questa ricerca in anticipo ti tornerà utile nel tuo viaggio.

Prendiamo ad esempio questa rapida ricerca di parole chiave fatta con SEOZoom per la frase ” cosa vedere a Parigi ” qui:

ricerca di parola chiave per blog di viaggi ( esempio con query "cosa vedere a Parigi")

Da questa ricerca per parole chiave, puoi apprendere diversi approfondimenti estremamente importanti:

  • Ci sono circa 4.400 persone che cercano “cosa ​​vedere a Parigi”  ogni mese
  • Il livello di concorrenza (69 su 100) è relativamente medio-alto per questa keyword, il che suggerisce che non è un’ottima opportunità per sceglierla come target di un articolo.
  • Quando scorri più in basso, vedrai gli articoli attualmente posizionati nella parte superiore di questa query del risultato di ricerca, mostrandoti la struttura utilizzata per scrivere titoli di successo, dandoti informazioni su come rendere i tuoi contenuti più unici, utili e divertenti.
analisi dei titoli utilizzati dai comeptitor in SERP tramite la ricerca di parole chiave ( quesry esempio cosa vedere a parigi)

Ricorda che la ricerca di parole chiave è l’arte di trovare le parole e le frasi che i tuoi lettori usano quando cercano determinate informazioni online, quindi dovresti sempre affrontare la tua ricerca con una mente aperta su ciò che troverai.

Scegliendo di pubblicare contenuti attorno a parole chiave con concorrenza relativamente bassa (e il più alto traffico possibile senza diventare troppo competitivo per un blog di viaggi nuovo di zecca), inizierai a ritagliarti una piccola raccolta di long tail keyword che puoi classificare per… e inizia a portare un pò di traffico sul tuo blog.

2. Usa i social media (soprattutto Instagram e Pinterest)

I social media possono essere un altro ottimo strumento per indirizzare il traffico verso il tuo blog di viaggio, in particolare canali come Instagram e Pinterest.

come usare instagram per portare traffico al tuo blog di viaggio

Poiché questo tipo di contenuto è principalmente visual-first, te la caverai bene sulle piattaforme image-friendly come Instagram e Pinterest, dove milioni di utenti giornalieri cercano attivamente e si impegnano in contenuti relativi ai viaggi.

Esistono due modi principali per utilizzare i social media in modo da portare traffico al tuo blog:

  • Copertura organica – Indirizzare il traffico in modo organico implica creare un seguito su piattaforme su cui le persone che amano gli argomenti relativi ai viaggi amano trascorrere il loro tempo e condividere i tuoi contenuti con loro. Se riesci a mettere i contenuti che adoreranno di fronte a loro, è più probabile che li condividano anche con altre persone nella loro stessa rete.
  • Copertura a pagamento – Questo metodo prevede il potenziamento o la sponsorizzazione dei tuoi post. La maggior parte delle piattaforme di social media ha una funzione in cui puoi promuovere i tuoi post sui social media a persone che si adattano al tuo target demografico, anche se oggi non sono nella tua rete.

Poiché Instagram è una piattaforma così popolare per i travel blogger (e i brand), è importante analizzare alcuni suggerimenti per far crescere un pubblico coinvolto su Instagram.

creare un blog di viaggi e promuoverlo su instagram

5 suggerimenti rapidi per ottenere follower su Instagram

  • Inchioda la tua biografia su Instagram – La tua biografia è la prima impressione che le persone avranno da te. Assicurati di creare una biografia che definisca chiaramente chi sei, cosa fai e qual è la missione del tuo blog di viaggi, in un modo interessante. Non dimenticare di includere un link (e un invito all’azione convincente ) che porti al tuo blog all’interno della tua biografia.
  • Crea il giusto tipo di contenuto – Le immagini funzionano molto bene su Instagram, tuttavia non tutti i tipi di immagini. Per scoprire il giusto tipo di immagini che dovresti creare e condividere, dai un’occhiata a ciò che funziona bene per altri travel blogger nella tua nicchia.
  • Incoraggia l’interazione – Incoraggia i tuoi follower a mettere mi piace, condividere e commentare i tuoi post. Dai loro una buona ragione per interagire condividendo più contenuti unici rispetto ai tuoi competitor. Sforzati di trovare un formato di immagine creativo che possa diventare emblematico del tuo marchio.
  • Usa hashtag intelligenti . Gli hashtag sono un ottimo modo per far scoprire i tuoi contenuti alle persone giuste, poiché aiutano gli utenti a navigare verso i contenuti che sono più rilevanti per loro. Cerca e crea un elenco degli hashtag più popolari nella tua nicchia e usali strategicamente nella descrizione delle foto che pubblichi su Instagram.
  • Interagisci con altri travel blogger (e lettori) . I social media significano essere social , non solo condividere un flusso unidirezionale di immagini sulla tua vita e sperare che migliaia di persone inizino a seguirti. Interagendo con altri travel blogger e i tuoi lettori su Instagram, imparerai di più su come servire per il tuo pubblico, cosa gli piace, cosa vogliono vedere di più e di conseguenza creerai una community coinvolta.

Non sottovalutare il potere dei social media nell’indirizzare traffico al tuo blog di viaggi. 

Se utilizzati bene, canali come Instagram e Pinterest possono diventare la tua più grande fonte di traffico.

3. Guest Post

Un altro ottimo modo per indirizzare traffico altamente rilevante al tuo blog di viaggi è il guest posting

La pubblicazione di guest post è l’atto di connettersi con altri blogger di viaggi (o riviste di viaggio) e pubblicare un articolo sui loro siti. 

Questa strategia di blogging da sola è responsabile di gran parte del mio successo di blogging, quindi consiglio vivamente di dare la priorità ai tuoi sforzi promozionali.

Affinché il guest blogging abbia successo, è necessario:

  • Scegli come target i siti che i tuoi lettori ideali già visitano e su cui trascorrono del tempo.
  • Costruisci relazioni reali e genuine con i proprietari di quei blog.
  • Crea contenuti così unici, utili e divertenti.

Anche se può sembrare controintuitivo creare un contenuto stellare e pubblicarlo gratuitamente altrove, in realtà è un ottimo modo per mostrare la tua esperienza e, se pubblichi sui blog giusti, non solo attirerai più visitatori, ma costruirai anche la tua autorità all’interno della tua nicchia.

Dai un’occhiata a queste due guide approfondite qui sul mio blog per un approccio dettagliato al guest blogging di successo e oltre:

4. Sfrutta il potere dell’email marketing

L’e-mail può sembrare un canale antiquato per la diffusione di informazioni, ma in realtà è uno dei più efficienti nell’indirizzare traffico mirato al tuo blog di viaggi, specialmente se puoi collaborare con altri blogger di viaggio più affermati o pubblicazioni di nicchia per far comparire i tuoi contenuti nelle loro newsletter.

Col passare del tempo crei la tua lista di e-mail, tuttavia, l’ e-mail marketing per blogger comporterà l’invio di un’e-mail ai tuoi iscritti, aggiornamenti relativi ai nuovi articoli pubblicati, la richiesta di seguirti sui tuoi canali social o di tenerli aggiornati in merito ai tuoi prossimi viaggi (e come possono partecipare).

5. Networking con altri blogger di viaggio

Per quanto i blog di viaggio possano essere un settore competitivo, una cosa buona dei blog è che non tutto è una competizione.

Semmai, i blogger capiscono che il modo migliore per far crescere i propri blog è fare rete con i loro colleghi blogger che raggiungono anche lo stesso pubblico (o simile). 

Fin dal primo giorno, dovresti costruire l’abitudine di fare regolarmente networking con altri blogger al fine di costruire relazioni e fornire un valore reale agli altri blogger nella tua nicchia.

Il networking con altri blogger ha molti vantaggi a lungo termine, il principale è che altri blogger di viaggio più affermati possono aumentare il tuo seguito social condividendo i tuoi articoli con il loro pubblico.

8. Monetizza il tuo blog di viaggio con questi 5 metodi

Siamo giunti alla tappa finale del nostro viaggio su come aprire un blog di viaggio: parliamo di come monetizzare il tuo blog di viaggi.

Per la maggior parte delle persone, essere pagati per viaggiare sembra un sogno inverosimile. 

Tuttavia, se ti impegni, puoi guadagnarti da vivere a tempo pieno con il tuo blog di viaggi. 

Vediamo come sia possibile facendoci aiutare dalla mia esperienza diretta su come fare soldi con i blog , ma anche dall’esperienza e dalle metodologie utilizzate dai travel blogger che conosco.

5 modi comprovati per guadagnare con un blog di viaggi nel 2022

Ecco i primi cinque metodi con i quali i travel blogger guadagnano e come puoi farlo anche tu.

1. Affiliate Marketing

L’affiliate marketing è uno dei metodi migliori per generare entrate dal tuo blog di viaggi (o da qualsiasi altro blog), in gran parte perché è relativamente passivo e può farti guadagnare guadagnare in qualsiasi momento del giorno o della notte senza alcuno sforzo aggiuntivo da parte tua. 

Tutto ciò di cui ha bisogno sono lettori qualificati che atterrano sui tuoi contenuti.

Questo canale di monetizzazione funziona unendo i migliori programmi di affiliazione, creando contenuti per il tuo blog e posizionando strategicamente link a prodotti o servizi pertinenti e utili (all’interno dei tuoi contenuti). 

Quando un lettore fa click e si iscrive o completa una vendita in base alla tua raccomandazione, guadagnerai una commissione.

Affinché questo modello funzioni, i tuoi contenuti e i prodotti che stai promuovendo devono essere pertinenti per la tua target audience . 

Potrebbero essere cose come attrezzatura fotografica, soggiorni in hotel, consigli sui voli e altro ancora

Oppure puoi prendere ispirazione dalla mia carrellata di recensioni oneste su ServerPlan, per vedere che non hai nemmeno bisogno di scrivere la recensione esaustiva su un prodotto nella tua nicchia, se riesci a compilare un elenco utile di tutte le altre recensioni presenti sul mercato.

2. Sponsorizzazioni di contenuti

Un altro modo per guadagnare soldi dal tuo blog di viaggi è attraverso le sponsorizzazioni di contenuti. 

Con questo canale di monetizzazione otterrai:

  • Pagato per creare contenuti – Se c’è una cosa di cui ogni brand ha bisogno, è l’esposizione. Se hai un discreto seguito sul tuo blog di viaggi, i brand saranno entusiasti dell’opportunità di pagarti per la creazione di contenuti (foto, video o articoli) relativi ai loro prodotti o servizi, con l’aspettativa che vedranno un aumento di impegno, interesse o vendite. Spesso puoi guadagnare qualcosa in più qui vendendo il brand(in particolare gli hotel) su un pacchetto che include contenuti di alta qualità che il brand può anche utilizzare per condividere sui propri canali di social media.
  • Sponsorizzato per promuovere le aziende . Molte aziende nel settore dei viaggi sponsorizzeranno anche i tuoi voli, alloggi e ti daranno persino attrezzatura gratuita in cambio della loro menzione nei tuoi contenuti e sui social media.

Le offerte di sponsorizzazione sono estremamente popolari nello spazio dei blog di viaggi, perché sono vantaggiose per entrambe le parti, anche quando sei ancora relativamente all’inizio del tuo viaggio per imparare a creare un blog di viaggi, puoi spesso ottenere viaggi gratuiti o scontati, situazione win-win per entrambe le parti e perfetto per iniziare.

3. Creazione e vendita dei propri prodotti digitali

Creare e vendere i tuoi prodotti digitali è un altro ottimo modo per generare entrate dal tuo blog di viaggi. 

Anche se richiederà un po’ più di lavoro in anticipo rispetto ad altri metodi di monetizzazione, può fornire alcuni dei migliori ritorni sull’investimento a lungo termine (se crei un prodotto digitale utile).

Esempi di prodotti digitali che puoi creare per monetizzare il tuo blog di viaggi includono cose come:

  • Corsi – Crea un corso online di autoapprendimento o anche una masterclass a pagamento, naturalmente per soddisfare le esigenze del tuo pubblico. 
  • eBook . Un altro prodotto digitale che può aiutarti a generare entrate relativamente passive dal tuo blog è un libro digitale (o eBook). 
  • App . Sebbene aumentare i download della tua app per iPhone sia un argomento degno della sua guida approfondita (come questa guida qui ), offrire un’app gratuita o a basso costo può aumentare notevolmente il tuo pubblico e le tue entrate se decolla all’interno della tua nicchia. 

4. Pubblicità display.

La vendita di spazi pubblicitari sul tuo blog di viaggio è di gran lunga uno dei modi più semplici per iniziare a guadagnare con il tuo blog.

Puoi testare le acque con la pubblicità display contattando direttamente i potenziali inserzionisti e concludendo un accordo o unendoti a una rete di annunci display come Google AdSense e altri che sono più attentamente curati per i travel blogger.

Se riesci a creare una quantità significativa di traffico sul tuo blog (decine di migliaia di lettori iniziano a generare centinaia di dollari di entrate pubblicitarie mensili), allora questo potrebbe essere un ottimo modo per guadagnare un reddito passivo dai lettori che stanno sfogliando i contenuti del tuo blog.

5. Vendita di prodotti fisici

Prima di chiedertelo… no, non è necessario tenere a portata di mano l’inventario dei prodotti fisici per creare un blog di viaggi di successo basato sulla vendita di prodotti fisici.

Grazie alla proliferazione di marketplace online come Amazon e strumenti come Shopify o BigCommerce , puoi sfruttare le meraviglie del dropshipping per vendere un prodotto fisico senza che debba mai passare per le tue mani.

come guadagnare con un blog di viaggio utilizzando il dropshipping model business ( infografica che illustra come funziona questo modello di business)

Per uno sguardo ancora più approfondito su come monetizzare il tuo blog di viaggi, dai un’occhiata alla mia guida: Come fare soldi con un blog quest’anno .

Considerazioni finali su come creare un blog di viaggio (ci vuole molta grinta ma ne vale la pena)

Bene, il gioco è fatto: tutto ciò che serve per ti serve per aprire un blog di viaggi nel 2022 ti è stato dato.

Certo, richiederà molto duro lavoro, pazienza e deliberata sperimentazione per costruire un business redditizio attorno al tuo blog di viaggi, ma i risultati possono essere incredibilmente gratificanti.

Seguendo questa guida, partirai per una nuova avventura, una nuova destinazione, un nuovo viaggio, come hai sempre sognato

E con abbastanza tempo, può persino trasformarsi nella tua principale fonte di reddito.

Vuoi altri suggerimenti su come far crescere velocemente i lettori del tuo blog ? Assicurati di dare un’occhiata alla mia guida: Come far crescere un blog rapidamente (con un budget).

Se hai dubbi, domande o considerazioni, ti aspetto qui sotto nei commenti.

A presto,
Cristian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri i miei servizi!

Dove imprenditori, freelance, creators e influencer trovano la soluzione alle proprie esigenze.

 

Ti accompagno nella creazione, lo sviluppo e la crescita del tuo business.

Dalla consulenza di web marketing strategico e operativo, allo sviluppo di siti web ed eCommerce.