fbpx
Che cos'è un blog?

Che cos’è un blog? Come un blog è diverso da un sito web (definizione blog) nel 2022

Senza perdere altro tempo, iniziamo subito.

Che cos’è un blog?

Un blog è un sito Web regolarmente aggiornato in cui vengono pubblicati nuovi contenuti, in genere scritti in uno stile informale o colloquiale, spesso con l’obiettivo di attrarre lettori e raggiungere una sorta di obiettivo di blogging , sia per la creazione di community che per la crescita di un’azienda.

C’è un punto importante nella definizione di un blog qui che vorrei sottolineare: un blog viene aggiornato regolarmente. 

Vedremo perché è così importante tra un minuto.

Molto probabilmente leggi i blog ogni giorno senza nemmeno rendertene conto. 

In realtà sei sul mio blog in questo momento. 

Anche i principali siti web come Forbes, BuzzFeed e CNN sono tutti blog.

Anche se sono sicuro che hai già sentito parlare del termine  blog , sai davvero qual è la differenza tra un blog e un sito web?

A meno che tu non abbia già avviato un blog o abbia svolto un altro tipo di lavoro basato sul Web, potresti non renderti conto che c’è una reale differenza tra un blog e un sito Web.

Tutti i blog sono siti Web, ma non tutti i siti Web sono blog.

Che cos’è un blog? Come un blog è diverso da un sito web (definizione blog) nel 2022

Tabella dei Contenuti

Ora, voglio eliminare un po’ di confusione e capire davvero cos’è un blog e come è diverso dal creare un sito web

La vera definizione di blog che stai cercando.

Ma prima, se non hai ancora creato il tuo blog, apri la mia guida definitiva per creare un blog e aggiungilo ai segnalibri per tornare (presto) dopo aver parlato di alcune delle basi del blog di oggi.

Ora, esaminiamo una piccola storia di come è iniziato il blogging e di dove si trova oggi.

Vuoi creare un blog di successo?

Inserisci il tuo nome e indirizzo e-mail e avrai accesso istantaneo al mio corso per creare un blog di successo capace di generare oltre 10.000€ al mese.

Una breve storia del blog

Il blog è in circolazione dal 1993, ora sono più di due decenni e mezzo.

storia del blogging

Mentre c’è un dibattito su chi fosse il primo blogger, un uomo ipotizza un caso abbastanza convincente.

Nel 1993 Rob Palmer ha  iniziato a lavorare per un’azienda a Londra, dove ha scritto una pubblicazione trimestrale per l’azienda e l’ha pubblicata sul loro sito web. 

Considerando che il World Wide Web stava diventando open source, la società ha deciso di continuare questa pubblicazione trimestrale come diario online gratuito, o quello che ora è noto come blog.

Mentre Palmer scriveva per questa prima azienda online, meno di un anno dopo, il diciannovenne Justin Hall ha creato un blog personale.

Il suo blog consisteva in divagazioni e collegamenti, ma le persone (e le aziende) hanno subito notato il potenziale di questa nuova piattaforma di condivisione.

Mentre i termini “diario online” e “diari online” possono certamente essere un boccone, nel 1997 Jorn Barger , un blogger americano, ha coniato il termine “weblog”, che è stato rapidamente abbreviato in “blog”.

Che cos'è un blog?  Definizione di un blog e dizionario Weblog

Gli sviluppatori Web hanno iniziato rapidamente a notare che le persone stavano diventando interessate ai blog e hanno trovato una soluzione.

Nel 1998 nasce Open Diary

Questa piattaforma ha fornito alle persone un luogo in cui condividere pensieri e idee consentendo anche agli altri di commentare. 

Presto sono emerse altre piattaforme di blog come LiveJournal, Blogger, Tumblr e Xanga.

Poi, nel 2003, il blog è cambiato per sempre quando due ragazzi del college hanno sviluppato WordPress , un sistema di gestione dei contenuti (CRM) che ora alimenta oltre i due terzi di Internet.

Nel 2007, il microblogging è emerso con l’emergere di Twitter e la lunghezza ideale dei contenuti di un blog all’epoca era di circa 300-400 parole.

Nel 2016, WordPress ha aperto l’estensione di dominio .blog, consolidando la popolarità dei blog in modo sostanziale.

Quindi eccoci nel 2022, con circa 70 milioni di articoli pubblicati ogni mese su WordPress. 

E anche se il blogger medio trascorre circa tre ore e mezza a scrivere un post di 1.500 parole , il suo pubblico trascorre solo circa 37 secondi a leggerlo.

Sebbene sia una statistica apparentemente triste, ci sono sicuramente modi in cui i blogger possono aumentare quel tempo di lettura di 37 secondi.

Ma questo non è il fulcro del nostro argomento oggi…

In che modo un blog è diverso da un sito web?

La principale differenza tra un blog e un sito Web è che un blog è attivo (cambia dinamicamente man mano che vengono pubblicati nuovi contenuti) e un sito Web è più statico senza aggiornamenti regolari.

Come abbiamo già spiegato, tutti i blog sono siti Web per definizione, ma non tutti i siti Web sono blog.

differenza tra blog e sito web

Una delle differenze principali è che un sito Web è composto principalmente da pagine, come la home page, la pagina dei servizi e la pagina dei contatti. 

Un sito web può essere anche solo una singola pagina.

Un blog, d’altra parte, è composto sia da pagine che da post (di cui di solito ci sono più post che pagine).

Ogni post è il suo articolo distinto, il più delle volte ospitato sulla pagina del blog del sito Web più grande.

In parole povere, un blog è progettato attorno al principio del rilascio regolare di nuovi contenuti e il layout tipico del tuo blog riflette tale obiettivo, mentre i siti Web sono più statici e di solito non cambiano con regolarità.

Con un sito web, sono generalmente costruiti, pubblicati e più o meno rimangono invariati. 

A meno che l’azienda non debba aggiornare il sito Web per fare qualcosa come aggiungere nuovi servizi o modificare il proprio indirizzo, questi siti Web statici che non sono così centrali per guidare una quantità significativa di attività rimangono relativamente gli stessi per lunghi periodi di tempo.

I blog sono proprietà web molto fluide (il che significa che devi scegliere uno dei migliori piani di web hosting per portare il tuo blog online). 

I blog vengono aggiornati e modificati regolarmente con contenuti nuovi e pertinenti.

Quando pubblichi un nuovo contenuto, l’articolo più recente viene spesso visualizzato in ordine cronologico inverso, come qui sul mio blog :

Cos'è un blog esempio del blog di Cristian Iovino screenshot

In questo modo, i tuoi lettori vedranno prima i tuoi contenuti più recenti.

Detto questo, ci sono molti modi per organizzare il tuo blog in modo da guidare il tuo pubblico verso ciò che vuoi che legga.

È meglio avere un blog o un sito web?

È meglio un blog o un sito web?

Disclaimer: sono un po’ di parte quando si tratta di bloggare. 

Ritengo che bloggare sia meglio che avere un sito Web statico, nella maggior parte delle situazioni. 

Inoltre, se consideri quanto costa bloggare invece di gestire un sito Web statico, i costi sono essenzialmente gli stessi.

Tuttavia, dipende davvero dagli obiettivi di business che hai e quali saranno le tue priorità con la tua proprietà digitale.

Ricordi quando ho detto che i siti Web sono costituiti principalmente da pagine?

Un sito Web che ha solo pagine messe lì per erogare informazioni specifiche (limitate). Ciò include cose come:

  • Il tuo orario di lavoro, indirizzo o menu.
  • Portfolio di lavoro di un libero professionista.
  • I tuoi prodotti fisici (o digitali) in vendita.
  • Offerte di servizi fornite e progetti di esempio.

Anche con siti Web di una pagina che hanno un focus più marketing, quella pagina dovrebbe avere un’intenzione molto specifica.

Spesso queste sono chiamate pagine “squeeze” che danno qualcosa (come un download gratuito) in cambio dell’indirizzo e-mail del visitatore, per commercializzare in seguito un prodotto o servizio correlato a loro.

Quali sono i tuoi obiettivi di business?

Per determinare se un blog o un sito Web è meglio per te, inizia determinando quali sono i tuoi obiettivi di blogging.

  • Stai cercando di raccogliere indirizzi email per costruire la tua community online? Un sito web con un blog sarà una combinazione potente.
  • Hai un piccolo ristorante locale con l’obiettivo di far conoscere il tuo menu e gli orari? Un sito web con poche pagine dovrebbe essere sufficiente.

Se hai molte informazioni da comunicare, allora un blog è l’opzione migliore.

Il blog è un ottimo modo non solo per interagire con la tua community esistente, ma anche per attirare nuovi potenziali clienti sul tuo sito web (e sulla tua posizione fisica).

Qual è la differenza tra post e pagine?

Questa è un’altra domanda comune che di solito ricevo dopo che qualcuno mi ha chiesto…  cos’è un blog?

E questa domanda è naturale, poiché i post del blog e le pagine del sito Web possono avere un aspetto abbastanza simile.

Esistono tuttavia diverse differenze tra i post del blog e le pagine del tuo sito web.

Messaggi:

  • Può essere aggiunto a un feed RSS.
  • Sono attivi e regolarmente aggiornati.
  • Hanno diversi titoli e sottotitoli.
  • Vengono archiviati in base al mese e all’anno.
  • Organizzato in base a tag e categorie.
  • È più probabile che vengano condivisi sui social media.
  • Incoraggia la conversazione attraverso i commenti.
  • C’è l’autore e la data di pubblicazione su un post.
  • Sono generalmente formattati allo stesso modo in base al modello del tuo sito web.
  • Puoi avere un numero illimitato di post.

Pagine:

  • Contengono informazioni che non cambiano spesso.
  • Non sono legati a date specifiche.
  • Non vengono (solitamente) scritti con l’intento di essere condivisi sui social.
  • Non includere commenti.
  • Gerarchico per natura (è possibile aggiungere sottopagine).
  • Ogni pagina è spesso formattata in modo leggermente diverso.
  • Non includere un feed RSS.
  • Non hai un autore o una data di pubblicazione.
  • Il numero di pagine dovrebbe essere relativamente limitato.

Quando scrivi un articolo sul blog per il tuo sito, avrai un processo più approfondito che inizia con la creazione di uno schema contenutistico , la creazione di strategie su un titolo del blog che attirerà i lettori e determinerà l’arco narrativo dei tuoi contenuti. 

Le pagine sono un po’ diverse.

Ora parliamo delle pagine chiave che ogni blog e sito Web dovrebbe avere, indipendentemente dai tuoi obiettivi.

Pagine chiave che ogni blog e sito Web dovrebbe avere

Anche se stai “solo bloggando”, ci sono diverse pagine principali che dovresti includere nel tuo sito web.

Pagine fondamentali che ogni blog deve avere - pagina about screenshot cristian iovino about

1. Informazioni sulla pagina

La pagina about dice ai tuoi visitatori di cosa o di chi tratta il tuo sito web.

Ogni azienda con un sito Web o un blog dovrebbe includere una pagina di informazioni (come la mia ). 

Questo aiuta il tuo pubblico non solo a saperne di più su di te e sul tuo brand, ma anche a decidere se sarai o meno adatto a egli stesso.

Come azienda, puoi utilizzare la tua pagina Informazioni per mostrare la tua mission e la tua vision.

Se sei un blogger, puoi utilizzare la pagina Informazioni per collegarti ai tuoi profili social, incoraggiare le persone a seguirti, raccontare la tua storia personale e suggerire contenuti popolari.

2. Pagina dei contatti

Una pagina di contatto può essere semplice come un plug-in per moduli di contatto come Gravity Forms o WP Forms, dove le persone possono contattarti per opportunità di lavoro o semplicemente per salutarti.

Oppure, la tua pagina di contatto può essere utilizzata per vendere i tuoi prodotti o servizi (come faccio io).

Che cos'è un blog?  Pagina di contatto

Come azienda, questo è un ottimo posto per fornire il tuo indirizzo, indirizzo email e numero di telefono.

Che tu sia un’azienda o un blogger, tuttavia, dovresti consentire alle persone di contattarti facilmente.

3. Pagina informativa sulla privacy

Devi anche far sapere ai visitatori del tuo sito web che stai raccogliendo i loro dati (anche se la raccolta dei dati è anonima tramite uno strumento come Google Analytics).

Se stai raccogliendo indirizzi e-mail o disponi di analisi sul tuo sito, devi assicurarti di avere una pagina sulla politica sulla privacy che spieghi tutto.

4. Termini di servizio

Questa pagina è fondamentale se vendi prodotti o servizi.

Questo dovrebbe essere trattato come un documento legale. 

Una pagina dei Termini di servizio aiuta a limitare la tua responsabilità nel caso in cui i servizi o le informazioni del tuo sito vengano utilizzati in modo improprio.

Queste sono le quattro pagine principali che ogni sito web dovrebbe includere, qualunque cosa accada.

Vuoi creare un blog di successo?

Inserisci il tuo nome e indirizzo e-mail e avrai accesso istantaneo al mio corso per creare un blog di successo capace di generare oltre 10.000€ al mese.

Perché ogni sito web dovrebbe avere un blog

Se il tuo sito Web è basato su WordPress, hai la possibilità di aggiungere un blog al tuo sito e dovresti!

Ecco perché: il blog offre al tuo sito web una migliore possibilità di attirare più visitatori.

Facciamo alcuni semplici calcoli per illustrare perché avere più persone sul tuo sito web è una vittoria…

Più visitatori = più potenziali clienti = più entrate.

Puoi convincere più persone a visitare il tuo sito Web aumentando il traffico attraverso tattiche come l’ottimizzazione per i motori di ricerca e il blog.

1. È tutto incentrato sul traffico e sull’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO)

Quando avvii per la prima volta un blog o avvii il tuo sito Web, le persone non si limitano magicamente a leggere tutti i tuoi fantastici contenuti.

Una delle cose più importanti su cui i nuovi blogger e proprietari di siti Web rimangono bloccati è come ottenere traffico sui loro siti.

Quando inizi per la prima volta, ottenere traffico sul tuo blog può sembrare un compito davvero opprimente. 

Ma credetemi, non è così difficile come sembra.

Ho già analizzato 32 modi per ottenere traffico sul tuo blog (in base alla mia esperienza nel portare questo blog a oltre 47.000 lettori mensili).

Quindi, posso dirle una o due cose sulla crescita di un blog

E questi non sono solo “suggerimenti” superficiali di cui hai letto sulle principali pubblicazioni…

  • “Condividi il tuo ultimo e più grande post sulla tua pagina Facebook personale!”
  • “Tweet il tuo nuovo post sul blog ogni 10 minuti per la prossima ora.”
  • “Commenta i blog di altre persone e collega ai tuoi contenuti”.

Tutto banale.

Sebbene questi rapidi “suggerimenti” potrebbero farti crescere un po’ all’inizio (o non essere amico di tuo cugino su Facebook), non sono strategie sostenibili a lungo termine.

La tua strategia SEO (Search Engine Optimization) è ciò che continuerà a portarti più traffico mese dopo mese. 

Uno dei modi migliori per costruire una strategia SEO eccezionale è avere un blog che pubblichi regolarmente contenuti di alta qualità per i motori di ricerca da indicizzare e mostrare ai propri utenti.

Se sei nuovo nel blog, la SEO può suonare come questa cosa mistica che solo i maestri Jedi conoscono.

Anche se c’è un po’ di una curva di apprendimento, posso prometterti che chiunque può imparare la SEO. 

E in effetti, farlo è fondamentale per mettere insieme una strategia di blogging intelligente che resisterà alla prova del tempo.

Uno dei migliori consigli che posso darti qui, senza entrare troppo nel dettaglio sulle strategie SEO del blog , è quello di concentrarti sulla ricerca di parole chiave e sulle intenzioni degli utenti .

Pensaci un attimo… Come hai trovato questo articolo che stai leggendo in questo momento?

Scommetto che hai digitato su Google qualcosa del tipo “che cos’è un blog?” “qual è la differenza tra un blog e un sito web?”

Non è un caso che tu sia arrivato su questa pagina. 

Sei qui è perché ho fatto la mia ricerca di parole chiave , mi sono concentrato sull’intento dell’utente per creare una risposta completa a queste due domande principali e poi ho lavorato duramente per applicare le strategie SEO del mio blog.

L’intenzione dell’utente, in parole povere, significa che i post che scrivi hanno lo scopo di rispondere a una domanda o risolvere un problema che l’utente ha.

Non puoi più semplicemente scrivere un articolo che contenga una serie di contenuti di riempimento con una stringa di parole chiave alla fine.

Le persone non imparano nulla da questo e i principali motori di ricerca come Google sanno che stai cercando di ingannare il sistema, quindi non mostreranno quel contenuto ai loro utenti.

2. I vantaggi del blog

Amo il blog e ho costruito un intero business attorno ad esso.

Qual è la differenza tra un blog e un sito Web Vantaggi del blog

Ma ci sono molti vantaggi nel bloggare, oltre alla semplice diffusione delle tue idee nel mondo.

Non hai bisogno di un prodotto o servizio per iniziare

A differenza di un sito Web incentrato su un’attività già consolidata, oggi puoi creare un blog senza un prodotto o servizio esistente.

Sebbene tu possa certamente aggiungere prodotti e servizi nel tempo (man mano che crei un pubblico), non hai bisogno di nient’altro che il tuo blog per iniziare a costruire il pubblico.

Le persone spesso scelgono il nome di un blog e all’inizio iniziano a scrivere contenuti sulle loro passioni. 

Quindi, dopo aver trovato veramente il loro pubblico, possono lavorare per sviluppare prodotti o servizi che risuonano con loro. 

Cose che i loro lettori vorranno effettivamente comprare.

Puoi anche iniziare a guadagnare da un blog senza i tuoi prodotti o servizi, ma ne parleremo di più tra un minuto.

Perché le persone creano i blog (anziché i siti Web)

I siti Web sono ottimi per un’attività già consolidata.

Non sono così grandi per qualcuno che ha appena iniziato che non ha già un prodotto o un servizio da offrire (per non parlare di un pubblico a cui fare marketing).

Se sei un fotografo di matrimoni, puoi sicuramente iniziare con un sito Web statico, piuttosto che un blog. 

Ma il fatto è che hai già un’attività consolidata. 

Puoi creare pagine che descrivono le tue ore e i tuoi servizi e, infine, utilizzare il tuo sito Web per attirare nuovi clienti.

Tuttavia, se non hai un prodotto o un servizio, è molto meglio iniziare con un blog.

Forse vuoi condividere il tuo amore per la cucina italiana con il mondo. 

Non hai un libro di cucina, non hai ancora creato un corso di cucina, quindi inizi a condividere tutte le tue ricette, foto e consigli preferiti sul tuo blog.

Puoi attirare un pubblico attraverso i social network come Pinterest, iniziare a raccogliere iscritti all’e-mail e generare lettori abituali da cui imparare. 

Parlo molto di più su come trovare il tuo pubblico di destinazione e portare lettori al tuo sito nella mia guida su come promuovere il tuo blog.

Le basi per fare soldi con un blog (rispetto a un sito Web)

Ora passiamo ai dadi e ai bulloni: come guadagnano i siti web rispetto a come guadagnano i blog .

come guadagnare con un blog

Se hai solo un sito web (senza un blog) ci sono alcuni modi in cui puoi generare entrate dal tuo sito web.

Più comunemente, dalla vendita di prodotti e servizi fisici o digitali che hai già (alla base di clienti esistente) e sperando che più persone scoprano il tuo sito da ricerche organiche o campagne pubblicitarie a pagamento con motori di ricerca e social network.

Un blog, d’altra parte, può fare soldi in molti modi, compresi i metodi sopra citati… costruendoti anche quel pubblico di potenziali clienti lungo il percorso.

Sebbene ci siano molti modi per fare soldi con il blog , ecco cinque dei più semplici:

  • Annunci.
  • Opportunità sponsorizzate.
  • Servizi di vendita.
  • Programmi di affiliazione.
  • Prodotti fisici e digitali.

Annunci

Gli annunci sono uno dei modi più comuni in cui i blogger iniziano a fare soldi relativamente presto.

C’è una barriera molto bassa all’ingresso e non hai bisogno di un sacco di traffico per generare entrate (sebbene sarai comunque responsabile del pagamento delle tasse da pagare sul reddito derivante dal tuo blog, quindi dai un’occhiata alla mia guida sul come aprire una partita iva online ) — anche se molto piccolo fino a quando non stai ottenendo centinaia di migliaia di lettori mensili.

Detto questo, se ricevi molto traffico e fai parte di una forte rete pubblicitaria, puoi guadagnare bene facendo poco altro che pubblicare nuovi contenuti.

Opportunità sponsorizzate

Le sponsorizzazioni sono quando un blogger collabora con un’altra azienda (a pagamento) per promuovere i propri prodotti o servizi.

Questo può essere un articolo sponsorizzato una tantum o un rapporto di lavoro continuo con promozioni regolari per un periodo di tempo. 

Anche se può volerci del tempo per ottenere opportunità di sponsorizzazione, poiché gli sponsor vogliono un ROI dal loro investimento, quindi gli piace vedere statistiche ragionevoli sul traffico e sul coinvolgimento dei tuoi lettori prima di tuffarsi.

Come funzionano i blog e generano entrate rispetto ai siti web

Servizi di vendita

I servizi possono essere classificati come qualsiasi cosa, dalla vendita del tuo lavoro come libero professionista fino al coaching attraverso lo stesso percorso professionale che hai costruito per te stesso.

In parole povere, è qui che stai scambiando ore per dollari, quindi non è il modo più sostenibile per costruire una grande attività dal tuo blog a lungo termine.

Tuttavia, può anche essere molto redditizio, soprattutto se crei una fan base entusiasta di acquistare da te.

Programmi di affiliazione

Un altro modo molto facile per iniziare a fare soldi col tuo blog è attraverso i programmi di affiliazione. 

Ci sono programmi di affiliazione per ogni nicchia di blog che ti viene in mente, dai plugin di WordPress alle oscure attrezzature da campeggio vendute su Amazon .

Il principio di base del marketing di affiliazione è che inserisci semplicemente un link nei contenuti del tuo blog che fanno riferimento a un prodotto e quando le persone acquistano tramite il tuo link, guadagni una commissione (senza costi aggiuntivi per loro).

La maggior parte dei programmi di affiliazione ha una bassa barriera all’ingresso e spesso non hai nemmeno bisogno di molto traffico per iniziare.

Ma in generale, più traffico hai sui post del tuo blog, più vendite di affiliazione probabilmente genererai. 

Ecco alcuni esempi di articoli da cui ho utilizzato per guadagnare sostanziali commissioni di affiliazione:

Prodotti fisici e digitali

I prodotti, sia fisici che digitali, sono anche opzioni intelligenti con cui fare soldi attraverso il tuo nuovo blog.

È molto più facile iniziare con i prodotti digitali in quanto puoi realizzarli da solo e commercializzarli per i lettori del tuo blog.

I prodotti fisici richiedono un po’ più di tempo e denaro per essere creati.

Tuttavia, puoi iniziare con il dropshipping , che è un modo per aprire un negozio online (da una nuova pagina del tuo blog) senza mantenere alcun inventario effettivo.

Puoi anche lavorare con un grossista per sviluppare il tuo brand utilizzando prodotti white label in cui apponi il tuo marchio sul loro prodotto.

Vuoi creare un blog di successo?

Inserisci il tuo nome e indirizzo e-mail e avrai accesso istantaneo al mio corso per creare un blog di successo capace di generare oltre 10.000€ al mese.

Conclusioni

Vuoi aprire un blog o creare un sito web ?

Hai già un’attività che ha bisogno di maggiore visibilità… o vuoi creare una nuova attività condividendo i tuoi pensieri con il mondo?

In ogni caso, il blog può aiutarti in modo significativo a raggiungere i tuoi obiettivi.

A presto,
Cristian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri i miei servizi!

Dove imprenditori, freelance, creators e influencer trovano la soluzione alle proprie esigenze.

 

Ti accompagno nella creazione, lo sviluppo e la crescita del tuo business.

Dalla consulenza di web marketing strategico e operativo, allo sviluppo di siti web ed eCommerce.