fbpx
Guida per Blogger alla Link Building (Come costruire link di alta qualità e relazioni con i blogger)

Guida per Blogger alla Link Building (Come costruire link di alta qualità e relazioni con i blogger)

La link building è estremamente importante per indirizzare più traffico al tuo blog, tanto che è il componente principale della SEO “off-page”.

Potresti già avere familiarità con la link building o potresti avere un’idea confusa di cosa significhi. 

Potresti anche esserti imbattuto nell’idea di backlink “cattivi” al tuo blog e potresti essere preoccupato di come evitarli.

Quindi cos’è esattamente la link building e come puoi farlo bene?

Guida per Blogger alla Link Building (Come costruire link di alta qualità e relazioni con i blogger)

Tabella dei Contenuti

Link building per SEO significa mirare in modo proattivo a far sì che altri siti Web si colleghino al tuo sito Web o blog. 

Le strategie di link building includono il guest blogging, la creazione di link interrotti, la richiesta diretta di link, il collegamento al tuo sito da forum, siti di domande e risposte, commenti e altro.

Nel corso della mia carriera da blogger, ho attirato oltre 61.200 backlink da una combinazione di raccolte di link naturali (organici) e altri metodi più strategici per ottenere link:

guida link building cristian iovino blog

C’è molto da capire, specialmente se sei nuovo nel mondo del blogging. 

Analizziamo quindi un paio di termini chiave: SEO e link.

Che cos’è la SEO (ottimizzazione per i motori di ricerca)?

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization

È la pratica per far sì che i contenuti del tuo sito web si posizionino bene su Google e altri motori di ricerca. 

Ciò include la SEO on-page (ad esempio utilizzando parole chiave appropriate nei tuoi contenuti), SEO tecnica (ad esempio velocizzando il tuo sito Web) e SEO off-page (link building).

Quando qualcuno esegue una ricerca su Google, vedrà una pagina dei risultati del motore di ricerca (SERP) che elenca le pagine che Google ritiene siano la migliore corrispondenza per quella ricerca. 

L’obiettivo della SEO è far sì che i tuoi contenuti si posizionino più in alto nella pagina dei risultati di ricerca.

Cosa sono i Link?

I link, o collegamenti ipertestuali, sono elementi HTML che collegano da una pagina Web a un’altra (o, meno spesso, ad altre parti della stessa pagina). 

Sono ovunque nel web: infatti, il web come lo conosciamo non esisterebbe senza questi link. 

I collegamenti vengono visualizzati nei menu di navigazione, nelle barre laterali e all’interno dei contenuti di un blog.

Sentirai alcuni termini diversi usati sui link:

  • Backlink: collegamenti da altri siti Web al tuo sito (o al sito di un concorrente che stai esaminando). A volte vengono invece chiamati link in entrata.
  • Link interni: collegamenti da una pagina del tuo sito a un’altra pagina del tuo sito.
  • Link esterni: collegamenti dal tuo sito al sito di qualcun altro. A volte vengono invece chiamati collegamenti in uscita.

Tradizionalmente, i collegamenti sono blu e sottolineati, ma potrebbero essere indicati da un colore diverso e potrebbero non avere una sottolineatura.

Ecco un esempio di collegamento alla mia guida su come creare un blog.

Ecco come appare quella frase nel codice HTML:

Ecco un esempio di collegamento alla <a href=”https://cristianiovino.com/come-creare-un-blog/”>guida su come creare un blog</a>.

Perché la Link Building è importante?

La link building è importante perché ogni link a una pagina del tuo sito Web agisce come un voto a favore.

Più link hai da altri siti, più Google saprà che il tuo sito è conosciuto e rispettato.

Pertanto, la link building funziona per ottenere classifiche più elevate per i tuoi contenuti nei risultati di ricerca di Google.

Questo è il motivo per cui alcuni link sono più preziosi di altri.

Se un sito Web di alta autorità che esiste da anni si collega al tuo, il loro “voto” è un fattore di ranking molto più grande di un collegamento da un blog minuscolo e sconosciuto che è stato lanciato solo la scorsa settimana.

Nel corso del tempo, il tuo blog otterrà naturalmente collegamenti “organici”, il che significa che le persone si collegano a te senza che tu faccia nulla per ottenere quei collegamenti.

Ma alcune persone a cui piace il tuo blog non penseranno mai di collegarsi ad esso senza alcun suggerimento.

È importante notare, tuttavia, che le politiche antispam di Google sconsigliano tecnicamente gli sforzi di link building, ma sarò onesto con te: letteralmente ogni blogger, influencer, sito Web, azienda di software e pubblicazione di successo investe enormi quantità di tempo e risorse in strategie di link building intelligenti e sicure che esploreremo più avanti in questa guida.

Nozioni di base sulla creazione di link per i blogger (esempi e idee)

Prima di entrare nei dettagli della creazione di link SEO, chiariamo alcune nozioni fondamentali da sapere.

1. I collegamenti possono essere “Follow” o “Nofollow”

Per impostazione predefinita, tutti i collegamenti sul Web sono collegamenti “follow” o “dofollow”, collegamenti regolari senza tag “rel”.

Ma negli ultimi anni è diventato sempre più comune che i link siano “nofollow “.

Ciò significa che viene aggiunto un tag speciale al codice HTML per il collegamento, in questo modo:

<a href=”https://cristianiovino.com/come-creare-un-blog/” rel=”nofollow”>guida per aprire un blog</a>.

Come spiega Google, l’attributo nofollow dovrebbe essere utilizzato quando “vuoi collegarti a una pagina ma non vuoi implicare alcun tipo di approvazione, incluso il trasferimento del merito di classifica a un’altra pagina”.

Per dirla molto semplicemente, questo significa che se stai costruendo backlink, idealmente vuoi link “follow”.

Se un link ha il tag “nofollow”, non avrà molti vantaggi SEO diretti per te.

Tuttavia, alcuni esperti SEO ritengono che i link nofollow abbiano ancora qualche effetto (ma non tanto) e che avere un numero di backlink nofollow ti aiuti ad avere un profilo di backlink più naturale agli occhi di Google.

2. Il tuo testo di ancoraggio è importante

Il testo di ancoraggio è la parola o la frase a cui è allegato (o “ancorato”) il tuo link.

Ad esempio, ecco un link al mio articolo su come scrivere un articolo per blog.

Come puoi vedere, l’anchor text è “come scrivere un articolo per blog”.

Quando altre persone si collegano al tuo blog, di solito scelgono l’anchor text.

Va bene: nella maggior parte dei casi, sceglieranno qualcosa di logico correlato all’argomento della tua pagina (che è utile per Google).

Se puoi scegliere il tuo testo di ancoraggio, magari in una biografia del guest post, è buona norma:

  • Scegli un testo di ancoraggio che descriva la pagina. Non usare “fai clic qui per saperne di più”, prova invece qualcosa come “dai un’occhiata ai miei suggerimenti per i blog su cristianiovino.com”.
  • Varia il testo di ancoraggio che usi. Non usare sempre le stesse identiche parole o frasi per collegarti a una determinata pagina: questo sembra un profilo di backlink innaturale per Google.

3. I motori di ricerca vogliono vedere un profilo di backlink “naturale”.

Ho menzionato un paio di volte profili di backlink “naturali” e “innaturali”, quindi cosa significa esattamente?

Google non vuole che i blogger si impegnino in pratiche losche come l’acquisto di backlink o lo scambio di link (perché quei link non sono realmente guadagnati).

Questi sono talvolta chiamati SEO “black hat” (rispetto a SEO “white hat”, dove i blogger guadagnano link in modo etico).

Un profilo di backlink “naturale” include molti collegamenti diversi da siti diversi, in un periodo di tempo.

Questi collegamenti non dovrebbero provenire solo da siti enormi e di alto profilo, ma dovrebbero provenire da blog, piattaforme di social media come LinkedIn, Twitter, Facebook, Pinterest, siti di nicchia e così via.

Un profilo di backlink “innaturale” potrebbe includere solo backlink da siti enormi o avere un numero enorme di link in un periodo di tempo molto breve.

In generale, quando crei backlink, utilizza una serie di metodi e utilizza anche tecniche che ti aiutino ad attrarre link in modo naturale (come la creazione di contenuti sorprendenti).

Non pagare per i link: Google dispone di algoritmi per rilevarlo e potrebbero penalizzarti.

4. Alcuni collegamenti andranno naturalmente persi nel tempo

Una delle cose frustranti della creazione di backlink è che potresti dedicare un sacco di duro lavoro… solo per scoprire che i tuoi backlink sono svaniti.

Questa è solo la natura di Internet.

Alcuni blogger rinunciano al blogging e una volta che il loro sito scompare, scompaiono anche i backlink che avevi precedentemente acquisito da loro.

Altri blogger potrebbero eliminare i contenuti che non sono più in linea con il marchio o rilevanti per loro, il che significa che perdi qualsiasi backlink da quel contenuto.

I backlink possono anche essere “rubati” da te da altri siti.

Se hanno una risorsa migliore della tua, potrebbero invece chiedere ai siti di collegarsi a loro. (Non preoccuparti, puoi usare anche questa tecnica.)

È del tutto normale perdere alcuni backlink nel tempo, quindi dovresti considerare la creazione di backlink come un processo continuo, non qualcosa che fai una volta e poi ti dimentichi. 

Assicurati solo di rimanere aggiornato sui tuoi migliori backlink e lancia una campagna di recupero dei link un paio di volte all’anno.

5. Guadagnerai alcuni backlink senza sforzo (soprattutto man mano che il tuo blog cresce)

Non devi lavorare per ogni singolo backlink.

Otterrai alcuni backlink senza fare nulla e questo diventerà sempre più frequente man mano che il tuo blog cresce.

Alcuni dei lettori del tuo blog potrebbero avere un proprio blog e potrebbero collegarsi a un pezzo che hai scritto che hanno amato.

Altri blogger nella tua nicchia potrebbero imbattersi nei tuoi contenuti e collegarsi ad essi o citarli per aggiungere ulteriore profondità a uno dei loro post.

Qualcuno che si imbatte nel tuo blog potrebbe collegarsi ai tuoi contenuti dal loro post su un forum online.

E così via.

Più grande è il tuo blog e maggiori sono le possibilità di ottenere questi backlink senza sforzo (e naturali).

6. I backlink portano traffico di riferimento e aumentano anche il riconoscimento del brand

I backlink non sono utili solo per aiutarti a ottenere più traffico organico dai motori di ricerca.

Aumentano anche il tuo traffico di riferimento, ovvero i visitatori che arrivano al tuo sito facendo clic sul collegamento su un altro blog o sito web.

Anche se questo potrebbe finire per essere una piccola parte del tuo traffico complessivo, è probabile che le persone che visitano perché hanno apprezzato il tuo guest post o leggono del tuo blog restino nei paraggi.

Anche se le persone che vedono il tuo link su un altro blog non fanno clic su di esso, potrebbero ricordare il nome del tuo blog.

Più apparirai su altri blog e siti web, più il tuo marchio sarà riconosciuto.

Questo aiuta ad accrescere quella che è la tua reputazione nella nicchia che tratti: diventerai uno dei blogger di cui tutti sembrano parlare.

Link Building guida (Come ottenere baclink da blog e siti Web)

Esamineremo le principali tecniche di link building tra un momento, ma prima di arrivare a questo, diamo un’occhiata ad alcune importanti cose da fare e da non fare.

1. Assicurati che valga la pena collegarsi al tuo blog

Se il tuo blog è nuovo di zecca, con un singolo post, un tema WordPress generico e un messaggio “in arrivo” sulla tua pagina Informazioni, non sembrerà molto impressionante per i blogger affermati.

Aspetta di aver pubblicato altri contenuti prima di iniziare con la link building. 

Potresti anche voler investire in un tema WordPress premium e/o in un logo personalizzato per aiutare il tuo blog a fare un’ottima prima impressione.

2. Non pagare per i backlink o partecipare agli scambi di link

A Google non piace che i blogger paghino per i link.

Se paghi perché qualcuno si colleghi al tuo blog (ad esempio da un annuncio), quel link dovrebbe essere “nofollow”.

Pagare per regolari collegamenti “segui” potrebbe far sì che il tuo blog venga penalizzato da Google.

Dovresti anche evitare gli scambi di link (link reciproci).

Qui è dove un blogger promette di collegarsi al tuo blog in cambio del tuo collegamento al loro.

Va bene se ti stai collegando a un blog che si collegherebbe naturalmente anche a te (ad esempio se pubblicate un guest post l’uno per l’altro), ma non dovresti cercare deliberatamente link reciproci.

3. Punta a backlink di alta qualità da siti affidabili

Non tutti i link sono uguali.

Google sa che alcuni siti Web sono molto più affidabili di altri.

Quando crei collegamenti, idealmente vuoi ottenere collegamenti da siti di alta qualità, come blog di grandi nomi nella tua nicchia.

Naturalmente, va bene anche avere collegamenti da siti molto più piccoli e meno consolidati.

Ma è meglio concentrare i tuoi sforzi di link building su blog e siti di alta autorità, ove possibile.

Per trovare i siti migliori, controlla il PageRank di ogni sito (su 10).

Qualunque valore superiore a 4 va bene: più è alto, meglio è. (3 è la media).

Puoi anche controllare la Moz Domain Authority (su 100).

4. Non infastidire altri blogger per i link (dare priorità alle relazioni)

Se dai un’occhiata alla mia casella di posta, vedresti che ricevo molte richieste di link. (Se il tuo blog esiste da un po’, potresti ricevere anche alcune di queste richieste.)

Va bene chiedere un link… ma fai attenzione a dare la priorità alle tue relazioni con altri blogger.

Non chiedere ancora e ancora e ancora, specialmente se questa è la prima volta che sei in contatto con il blogger.

Se non ti rispondono, supponi che sia un “no”.

5. Costruisci backlink a più pagine del tuo sito

Alcuni blogger pensano solo a creare backlink alla loro home page, o forse a una landing page.

Ma è importante creare backlink a molte pagine diverse del tuo sito.

Questo aiuta a creare un profilo di backlink più naturale e ti aiuta anche a ottenere un buon posizionamento di più pagine su Google.

6. Non spammare le sezioni dei commenti per ottenere collegamenti: non funzionerà

Una popolare tecnica di link building della vecchia scuola era quella di lasciare commenti sui blog ovunque.

Non c’è niente di sbagliato nel commentare i blog, ma se stai solo commentando per inserire un link al tuo post, fermati.

I collegamenti nei commenti sono quasi sempre nofollow, quindi non faranno molto per la tua SEO.

Inoltre, molti blog inviano automaticamente i commenti alla moderazione se contengono un collegamento, quindi il tuo commento potrebbe non essere mai pubblicato.

Strategie di creazione di link e idee per i blogger (con esempi) Immagine del computer

Quindi, come fai esattamente a creare link per far crescere il tuo blog?

Ci sono molte tecniche diverse da provare se hai aperto un blog per la prima volta o sei un blogger esperto.

Esaminerò alcune delle tattiche di link building più popolari ed efficaci, con suggerimenti per aiutarti a ottenere il massimo da ognuna quando inizi la tua campagna di link building.

1. Guest Post per grandi blog nella tua nicchia

Il guest blogging è un modo fantastico per far crescere non solo il tuo blog stesso, ma anche il tuo profilo nella tua nicchia.

Come guest blogger, scrivi un guest post (di solito gratuito) per il blog di qualcun altro.

Lo pubblicano con il tuo nome e la tua biografia.

Nella biografia del tuo guest post, puoi normalmente collegarti a tutto ciò che desideri e spesso ha senso collegarti a un post sul tuo blog correlato a ciò di cui stai postando come ospite.

In questo modo, non solo otterrai i vantaggi SEO, ma si spera che otterrai un traffico altamente mirato da lettori interessati che fanno clic per leggere più contenuti.

Suggerimenti per la pubblicazione di guest post

  • Adatta le tue idee al blog per cui stai scrivendo. Guarda la tipologia di articoli che pubblicano normalmente e trova diverse idee potenziali che sarebbero adatte. Presenta diverse idee contemporaneamente, in modo che il proprietario del blog possa scegliere quella che gli piace di più.
  • Se il blog ospitante lo consente, includi nel tuo post un link altamente pertinente a un articolo di alta qualità sul tuo blog. (Questo è in aggiunta al tuo link bio.) Assicurati che la pagina collegata aggiunga valore al tuo guest post.

2. Prova la Broken Link Building (Dead Link Building)

La costruzione di collegamenti interrotti è una tecnica intelligente in cui cerchi collegamenti che non funzionano più.

Ad esempio, forse un blogger nella tua nicchia ha scritto un articolo diversi anni fa che si collegava a una risorsa su “idee per piccole imprese”.

Ma quella risorsa non esiste più online e il collegamento è interrotto.

Se hai un articolo su “idee per piccole imprese”, puoi inviare un’e-mail al blogger, informarlo del collegamento interrotto e suggerire educatamente la tua risorsa come alternativa.

Suggerimenti per la creazione di collegamenti interrotti

  • Utilizza uno strumento di link building come Ahrefs Broken Link Checker o strumenti simili all’interno di SEMRush per verificare la presenza di link interrotti su qualsiasi sito web. Verifica se disponi di una risorsa a cui è possibile collegarsi al posto di uno qualsiasi dei collegamenti interrotti, inoltre potrai visualizzare contemporaneamente altre metriche chiave del sito web.
  • Controlla il collegamento interrotto (morto) utilizzando la Wayback Machine. In questo modo, puoi vedere com’era la risorsa precedente e puoi verificare che la tua sia all’altezza dello stesso standard (o, si spera, anche migliore).

3. Diventa una fonte HARO

HARO è l’acronimo di Help a Reporter Out.

È un’enorme mailing list in cui giornalisti, blogger e chiunque cerchi una fonte può inoltrare una richiesta 

Le fonti (sei tu!) scrivono una risposta e, generalmente, ottengono un collegamento al loro sito web.

Per essere coinvolti, tutto ciò che devi fare è iscriverti alla mailing list di HARO e selezionare le caselle per indicare in quali materie sei esperto.

Suggerimenti HARO

  • Riceverai molte  e-mail da HARO, quindi è una buona idea creare una cartella separata nel tuo account e-mail per aiutarti a tenerne traccia.
  • Dedica del tempo ogni giorno per sfogliare le e-mail di HARO e comporre le risposte. Vale la pena essere abbastanza veloci dal punto in cui molti giornalisti o blogger avranno una scadenza ravvicinata.

4. Contatta direttamente altri blogger (con rispetto)

Puoi inviare un’e-mail a influencer chiave nella tua nicchia per chiedere un collegamento… ma come ho detto sopra, non infastidire nessuno.

Sii educato e rispettoso quando invii un’e-mail e non cercare di “ingannare” i blogger con un oggetto poco chiaro.

Concentrati sui blogger che già conosci (anche solo leggendo regolarmente il loro blog) e assicurati che i tuoi contenuti siano pertinenti al 100% per loro.

Suggerimenti per la sensibilizzazione via e-mail di Blogger

  • Dai un’occhiata alla mia guida alla sensibilizzazione dei blogger, in particolare agli screenshot che mostrano le terribili e-mail che ricevo da persone che chiedono di pubblicare post sul mio sito. Queste sono un’ottima guida su cosa non fare. ?
  • Prendi in considerazione l’idea di rendere più semplice il “sì” creando contenuti di qualità che coinvolgano il blogger. Ad esempio, potresti recensire un libro che hanno scritto, chiedere loro di partecipare a una raccolta di esperti o persino pubblicare casi di studio utilizzando i loro prodotti. Sarà più probabile che si colleghino a quello piuttosto che a qualche post casuale sul tuo sito.

5. Menzioni di follow-up che non si collegano a te

Man mano che fai crescere il tuo blog e il tuo brand, potresti scoprire che altri blogger ti menzionano, senza collegarti a te.

Ad esempio, qualcuno potrebbe scrivere di averti sentito parlare a un evento, o forse menzionerà che ascolta il tuo podcast.

Quando vedi il tuo nome menzionato senza un collegamento, invia a quel blogger un messaggio o un’e-mail per (a) ringraziare per averti menzionato e (b) chiedere gentilmente se possono collegarsi anche al tuo blog.

Questo stesso principio vale per il recupero dei link se una volta avevi un backlink da un sito web e da allora è scomparso.

Suggerimenti per le menzioni non collegate

6. Chiedi che il tuo contenuto sia collegato invece di un pezzo inferiore

Questa tecnica è un po’ come la costruzione di link interrotti… solo che stai rilevando un link che non è morto.

A volte, un blogger o un webmaster potrebbe essersi collegato a un contenuto di scarsa qualità perché aveva fretta (o non era disponibile niente di meglio in quel momento).

Il tuo compito è chiedere al blogger se invece si collegherà alla tua risorsa.

Tieni presente che potrebbero sentirsi contenti del link originale o potrebbero non volerlo modificare, quindi non essere invadente se dicono “no”.

Suggerimenti per l’acquisizione dei collegamenti

  • Chiedi solo la modifica di un collegamento alla tua risorsa in cui la tua risorsa fa la stessa cosa (solo meglio). Un blogger che si collega a “migliori libri di marketing digitale” probabilmente non sarà così entusiasta di collegarsi a un articolo di “romanzi per bambini”. È simile, ma non uguale. Allo stesso modo, se si collegano a un template, potrebbero non volere una guida dettagliata.
  • Sembra ovvio, ma assicurati che il tuo contenuto sia significativamente migliore dell’articolo attualmente menzionato. Vuoi offrire solo ottimi contenuti che costituirebbero il miglior collegamento in questo contesto. Pensa ai modi in cui puoi creare contenuti 10x attraverso risorse come infografiche, strumenti gratuiti, una pagina di risorse, tutorial video di YouTube e altri tipi di contenuti più unici di cui i proprietari del sito saranno davvero entusiasti.

7. Crea collegamenti tramite forum, siti di domande e risposte, pagine di risorse e commenti sui blog

Un’ultima tecnica consiste nel creare collegamenti tramite forum online, siti di domande e risposte (come Quora) e persino commenti sui blog.

In tutti questi casi, è davvero importante non spammare.

Concentrati prima sul contributo di contenuti utili sulla piattaforma e includi un link a un post correlato di alta qualità presente tuo blog.

I collegamenti da queste fonti non daranno un grande impulso alla tua SEO, ma aiutano a compilare un profilo di collegamento naturale.

Potresti anche voler consultare elenchi online affidabili, che possono essere utili in particolare per le aziende locali.

Suggerimenti per forum, domande e risposte e commenti

  • Non spendere enormi blocchi di tempo su questa tecnica. È qualcosa che puoi fare poco e spesso, piuttosto che creare un sacco di post tutti in una volta.
  • Controlla le regole delle community sui collegamenti, ad esempio con i forum online. Usa la tua firma, se sei autorizzato a farlo. Sui blog, inserisci il tuo nome e l’URL quando commenti e il tuo nome diventerà un link al tuo blog.

Conclusioni finali: inizia con la backlink (e guarda crescere il tuo traffico)

La link building è una parte estremamente importante nella SEO.

Potresti fare tutto bene sul tuo blog, ma se nessun altro blog o sito web ti collega, Google semplicemente non saprà quanto sono sbalorditivi i tuoi contenuti.

La maggior parte dei blog attirerà naturalmente almeno alcuni link nel tempo… ma c’è molto che puoi fare per aiutare a velocizzare le cose, in modo che il tuo blog possa scalare nelle classifiche dei motori di ricerca.

Seguendo le mie tattiche di link building, sarai in grado di creare link naturali e di alta qualità verso il tuo sito, costruendo anche solide relazioni con altri blogger nella tua nicchia.

E poiché l’intelligenza artificiale si sta integrando così tanto nei blog, dai un’occhiata a tutti i miei migliori strumenti di intelligenza artificiale e guide gratuite per blogger in erba:

Per assicurarti che i tuoi contenuti abbiano una grande possibilità di classificarsi una volta ottenuti alcuni link, dai un’occhiata al mio elenco delle 10 strategie SEO on-page per blogger e al mio elenco sui migliori strumenti SEO gratuiti.

0 0 Voti
Valutazione Articolo
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Scopri i miei servizi!

Dove imprenditori, freelance, creators e influencer trovano la soluzione alle proprie esigenze.

 

Ti accompagno nella creazione, lo sviluppo e la crescita del tuo business.

Dalla consulenza di web marketing strategico e operativo, allo sviluppo di siti web ed eCommerce.

0
Ti è stato utile? Per favore, lascia un commentox
()
x

Vuoi creare un blog di successo?

Inserisci il tuo nome e indirizzo e-mail e avrai accesso istantaneo al mio corso per creare un blog di successo capace di generare oltre 10.000€ al mese.