fbpx

10 strategie SEO per blog per ottenere più di 47.958 lettori ogni mese (SEO per blogger) nel 2022

Ora che ci stiamo dirigendo verso il 2023, il 93% delle esperienze online inizia con un motore di ricerca e per il 92,04% di quegli utenti, Google è il motore di ricerca preferito.

Per molti creatori di contenuti, la SEO del blog sembra incredibilmente complessa. 

È facile pensare che nessun elenco di strategie SEO per blog potrebbe mai fare una differenza significativa. 

Altri fanno di Google un truce mietitore che sceglie a mano quali blog far vivere e quali privare del prezioso traffico di ricerca organico.

Cinque anni fa, quando ho iniziato a imparare come creare un blog , mi sentivo anche io così, completamente sopraffatto e non sicuro di quali strategie SEO per blog avrebbero effettivamente funzionato, rispetto a quali avrebbero solo sprecato il mio tempo prezioso. 

Ma ampliando il mio blog a centinaia di migliaia di lettori ogni anno, ho imparato che Google non vuole perderti

Il gigante dei motori di ricerca ha davvero bisogno di te. 

Desiderano contenuti freschi e di alta qualità che diano ai loro utenti le migliori risposte possibili alle domande che pongono.

Ed è proprio di questo che si occupa la SEO del blog

Mette in relazione i contenuti del tuo blog con le soluzioni che le persone stanno cercando e offre ai motori di ricerca la possibilità di riconoscere i tuoi contenuti pertinenti e di qualità.

Quindi, cosa succede se è esattamente quello che stai facendo… ma il tuo blog continua a non ricevere traffico ? Utilizza queste 10 strategie SEO per blog  e guarda cosa succede.

10 strategie SEO per blog per ottenere oltre 47.958 lettori/mese (SEO per blogger)

Queste sono le strategie esatte, i principi e i suggerimenti per i blog che ho usato per far crescere questo blog da zero a 47.958 lettori al mese e ti mostrerò che la SEO non è una bestia misteriosa.

Tabella dei Contenuti

Cominciamo con quello che dovresti fare prima, durante e dopo aver creato un contenuto.

1. Definisci la ricerca di parole chiave

Strategie SEO per i blog su come eseguire la ricerca delle parole chiave e ottimizzare il contenuto del blog

L’elemento fondamentale di tutte le strategie SEO inizia con l’imparare a eseguire la ricerca di parole chiave e trovare ottime opportunità di parole chiave per le quali posizionarsi.

Se ne usi troppe, nella migliore delle ipotesi, il tuo contenuto sembrerà come se fosse stato scritto da R2-D2.

Nel peggiore dei casi, Google penserà che tu stia riempiendo di parole chiave e penalizzerà il posizionamento del tuo sito. 

Non bene.

I nuovi blog hanno anche un’autorità di dominio inferiore (quando crei per la prima volta un sito Web ) e quindi non hanno lo stesso peso dei siti Web più vecchi e più affidabili. 

Di conseguenza, il posizionamento per parole chiave più competitive può essere impegnativo e gli sforzi nel promuovere il tuo blog richiederanno più tempo per essere ripagati.

Se sei un nuovo blogger, il miglior tipo di parole chiave per cercare di classificarti sono:

  • Difficoltà bassa
  • Volume alto
  • Alta percentuale di clic

L’obiettivo è trovare da tre a cinque parole chiave principali (frasi di una o tre parole) e da una a due parole chiave a coda lunga (frasi intere che le persone stanno cercando). 

Le parole chiave a coda lunga hanno traffico e concorrenza inferiore, ma sono ugualmente preziose.

E come le trovi?

Twinword Ideas è uno strumento (attualmente) gratuito che puoi utilizzare. 

Digita una frase chiave per la quale desideri posizionarti. 

Quindi, vedi qual è il volume di ricerca e quanto sarà competitivo classificarsi per quel termine. 

Soprattutto, questi strumenti di blogging ti forniranno ulteriori idee per la ricerca di parole chiave .

Tecniche e strumenti SEO per Blogger per eseguire ricerche sulle parole chiave Twinword

Poiché Keywords Everywhere è un plug-in del browser, ha il vantaggio di fornirti parole chiave e frasi correlate che le persone stanno cercando direttamente dalla pagina dei risultati del motore di ricerca di Google (SERP).

Se stai cercando di migliorare davvero il tuo gioco di parole chiave, SEOZoom ti metterà un passo davanti ai competitor.

2. Concentrati sull’intento dell’utente (non sui motori di ricerca)

Sono finiti i giorni in cui menzionare la tua parola chiave il maggior numero di volte umanamente possibile è ciò che ti farà posizionare.

Gli algoritmi di Google sono migliorati e oggi si tratta di contenuti di qualità e di soddisfare l’intento dell’utente: ciò che le persone vogliono trovare quando digitano una parola o una frase nella barra di un motore di ricerca.

Per fortuna, non abbiamo bisogno delle abilità di fusione mentale di Spock per scoprire cosa le persone potrebbero davvero cercare quando cercano qualcosa. 

Google lo ha già capito.

Digita la tua parola chiave nella casella di ricerca e guarda le sezioni “Le persone chiedono anche” e “Ricerche correlate a”. 

Facendo clic su un sito Web e quindi premendo il pulsante Indietro del browser a volte viene visualizzata anche una casella “le persone cercano anche” sotto il sito su cui si è fatto clic. 

Queste sono tutte domande e problemi che le persone si pongono e che puoi affrontare nel tuo post.

Mentre sei nella SERP, prenditi del tempo per guardare come i tuoi concorrenti hanno risposto all’intento dell’utente.

Cerca di affrontare meglio le sfide del lettore e rendi il tuo post una guida ancora più utile per loro .

Tieni conto di:

  • Quanto dura il post del tuo concorrente? Il tuo articolo dovrebbe essere almeno della stessa lunghezza .
  • Quali risorse puoi aggiungere? Pensa a video, siti Web utili, template scaricabili.
  • Quali concetti puoi spiegare meglio o approfondire?
  • Se tu fossi il lettore, cosa renderebbe il post più utile?

Scrivere un articolo sconclusionato di 10.000 parole solo perché pensi che sia quello che dovresti fare non migliorerà la tua SEO. 

Ma creare un articolo mirato che sia una guida completa per le risposte esatte di cui il tuo pubblico di destinazione ha bisogno, lo farà sicuramente.

Rispondi correttamente alle domande del lettore e potresti persino ottenere un posto ambito come posizione n. 0 nella sezione degli snippet in primo piano di Google .

3. Prenditi il ​​tuo tempo scrivendo titoli SEO-friendly sul blog

Puoi scrivere il miglior articolo di sempre per abbellire Internet, ma se non riesci a convincere il tuo pubblico a fare clic sul titolo del tuo post e leggere l’articolo, allora non esiste.

Hai anche bisogno che le persone facciano clic sul tuo post perché più letture, condivisioni e Mi piace ha, più Google vede che è ciò che le persone vogliono quando cercano la tua parola chiave. 

Google premia le alte percentuali di clic con migliori classifiche in SERP.

Quando si tratta di imparare a scrivere un titolo , prima di tutto, devi dire al tuo lettore come trarranno beneficio dal tuo post sul blog.

E poi devi mantenere quella promessa.

Ad esempio, questo post promette che questi suggerimenti SEO per i blog possono ottenere decine di migliaia di lettori al mese se seguiti diligentemente. 

E può farlo perché è così che ho ottenuto i miei 47.958+ lettori al mese.

Ma se il tuo titolo fa affermazioni esagerate e non è all’altezza dei tuoi contenuti, è clickbait.

Evitalo a tutti i costi.

Quando non mantieni la tua promessa al lettore, interrompi la fiducia del lettore e ti ferisce più di quanto non aiuti. 

I titoli Clickbait causano anche frequenze di rimbalzo più elevate, il che porta a un posizionamento del sito più basso per te.

Il secondo passo è rendere il tuo titolo irresistibile su cui fare clic. 

I titoli migliori sono una miscela di formule collaudate e un equilibrio di parole comuni, non comuni, emotive e potenti .

Dal punto di vista SEO del blog, la tua parola chiave principale deve essere nel titolo.

I titoli vengono tagliati nelle SERP dopo 60 caratteri. 

Non c’è davvero un motivo convincente per avere un titolo più lungo di così tanti caratteri, ma se superi il limite, assicurati che la tua parola chiave di destinazione sia all’inizio del titolo.

Rank Math è un plug-in WordPress estremamente popolare (gratuito) che aiuta nella SEO per i blogger che vogliono assicurarsi che il titolo e il contenuto dei loro articoli rispettino le principali linee guida fornite da Google per un posizionamento migliore.

Blog SEO WordPress Plugin Rank Math per ottimizzare i tuoi contenuti

Se comprensibilmente, hai problemi a scrivere un titolo accattivante che dica al lettore i vantaggi restando SEO-friendly, puoi anche creare un titolo SEO separato da visualizzare nei risultati di ricerca utilizzando Rank Math.

Fai clic su “modifica snippet” nella sezione Rank Math dell’editor WP, quindi elimina i tag del titolo automatici lì e scrivi il tuo titolo SEO-friendly che andrà meglio nei risultati di ricerca.

modifica snippet rank math

4. Usa i tag di intestazione giusti

I tag di intestazione (tag H) sono opzioni di formattazione che puoi applicare al contenuto del tuo post.

Piuttosto che cambiare le dimensioni dei caratteri per enfatizzare i titoli, dovresti selezionare le dimensioni dei titoli dal menu.

Ecco come selezionare i formati di intestazione sia nell’editor di contenuti di WordPress che in Google Documenti:

Blog Strategie e suggerimenti SEO Come selezionare il formato dell'intestazione in WordPress

Le intestazioni corrette sono incredibilmente importanti per la SEO.

Google li scansiona per scoprire il punto principale dei tuoi contenuti, il che li rende assolutamente essenziali, specialmente per far sì che la tua SEO on-page si comporti correttamente.

Ecco come utilizzarli correttamente, in ordine di importanza, per l’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Titolo 1:  Può essere utilizzato solo una volta ed è solitamente riservato al tuo titolo. Includi qui la tua parola chiave principale.

Titolo 2: Queste sono le grandi idee del tuo post. Sono anche cruciali per la SEO e sono ottimi posti per lavorare con le parole chiave a coda lunga.

Titolo 3: Questi sono gli argomenti secondari o le idee più piccole che rientrano nel tuo H2. Per questo articolo, è ciascuno dei nostri 10 consigli SEO per i blogger. Qui puoi anche aggiungere parole chiave.

Intestazione 4-6: utilizzata per aiutare con la formattazione e lo stile della pagina. Questi hanno la minor quantità di valore SEO.

È anche incredibilmente importante includere la parola chiave target principale nelle prime 100 parole della tua introduzione.

La tua frase chiave di destinazione e le sue variazioni dovrebbero essere sparse in tutto il corpo del tuo articolo in modo naturale e colloquiale. 

Come accennato in precedenza, il riempimento delle parole chiave solo per ottenere qualche menzione in più è qualcosa da evitare.

Anche il plug-in Rank Math gratuito è di grande aiuto qui per assicurarti di raggiungere tutti i risultati.

5. Ottimizza l’URL della tua pagina

L’URL del tuo articolo viene scansionato dai motori di ricerca ed è un modo importante per loro di capire di cosa tratta il tuo articolo. 

È un’opportunità preziosa per includere la frase chiave di destinazione.

Ad esempio, in una delle mie guide più popolari, Come guadagnare con un blog , volevo classificarmi per la parola chiave a coda lunga, ” come guadagnare con un blog “.

Per ottimizzare al meglio l’articolo per la compatibilità SEO del blog durante il processo di scrittura, mi sono assicurato di incorporare la frase chiave principale nel mio slug URL.

Ottimizzare URL pagina

Altri suggerimenti SEO per blog sulla selezione di un URL intelligente consistono nell’utilizzare solo lettere minuscole per evitare contenuti duplicati e mantenere lo slug a meno di 50-60 caratteri. 

Più corto è il tuo URL, meglio è.

Rank Math può verificare quanto è SEO friendly il tuo URL e dare suggerimenti che si allineano bene con queste strategie e best practice SEO on-page .

È un dato di fatto che i crawler dei siti Web dei motori di ricerca esaminano il tuo testo e cercano parole chiave.

Ma sapevi che prestano particolare attenzione alle parole chiave collegate? Per loro, le parole chiave collegate hanno più peso delle parole e delle frasi non collegate.

Esistono tre tipi di link da utilizzare all’interno della strategia SEO complessiva del tuo blog:

  • Collegamenti di ancoraggio: collegamenti ad altre aree dello stesso post (come il mio menu con collegamenti ipertestuali nella parte superiore).

Per i post più lunghi, come questo, può sembrare un sommario. È un’ottima opportunità per creare subito un collegamento alle parole chiave principali.

  • Collegamenti interni:  collegamenti a contenuti pertinenti sul tuo sito.

Questo non solo aiuta i lettori a scoprire contenuti utili, ma collega anche i singoli pezzi di contenuto tra loro in un Web correlato che i motori di ricerca possono leggere, mappare e assegnare autorità ai tuoi contenuti.

  • Collegamenti esterni: collegamenti a contenuti sul sito Web di qualcun altro.

Il collegamento di parole chiave a contenuti forti, ad esempio la prima pagina di SERP o siti con un’elevata autorità di dominio, aumenta la credibilità del tuo sito attraverso l’associazione.

Sebbene i collegamenti di ancoraggio non siano un must, dovresti sempre avere un equilibrio tra collegamenti interni ed esterni pertinenti.

Da due a quattro collegamenti interni ed esterni ciascuno, per 600 parole, è una buona regola empirica.

7. Crea una meta descrizione allettante

Le meta descrizioni sono il testo che appare dopo il titolo nelle SERP.

Google evidenzia le parole nelle meta descrizioni che sono le stesse che stavi cercando. 

Questo aiuta il lettore a collegare ciò che stava cercando con ciò che hai sul tuo sito.

ottimizza la meta description

Un altro motivo per cui Rank Math è eccezionale (supponendo che tu abbia scelto WordPress, il miglior page builder e uno dei migliori temi WordPress per abbinarlo ), è che ti dà la possibilità di creare la tua meta descrizione per il tuo blog post invece di lasciarlo fare a Google.

Vedrai l’opzione apparire dopo aver fatto clic su “modifica snippet” nella sezione Rank Math dell’editor di contenuti WP.

come ottimizzare la meta description con rank math

Qual è la ricetta per una meta descrizione allettante?

  • 50-160 caratteri:  questo mantiene l’attenzione del lettore e non viene tagliato nei risultati di ricerca.
  • Il vantaggio per il lettore è chiaro:  il lettore sa perché dovrebbe fare clic su di te anziché sul collegamento sotto di te.
  • Sono incluse da una a due parole chiave : in questo modo la parola chiave viene messa in grassetto per corrispondere ai termini di ricerca dell’utente e per chiarire di cosa tratta il tuo articolo. Ricorda, le tue parole chiave devono essere ancora utilizzate in modo naturale.

Fallo ripetutamente e la SEO del tuo blog trarrà grandi vantaggi dal lavorare in anticipo. 

E ricorda che man mano che il tuo traffico cresce, ti consiglio di prendere in considerazione i miei servizi SEO più avanzati che possono aiutarti a scalare le tue migliori pratiche su tutte le pagine del tuo blog, oltre a sbloccare alcune opportunità più creative per aumentare le tue classifiche chiave.

8. Ottimizza le tue immagini

Molte persone dimenticano che l’ ottimizzazione delle immagini ha un impatto non indifferente lato SEO.

Poiché i motori di ricerca non possono “vedere” un’immagine come facciamo io e te, guardano la descrizione del file immagine, sia il titolo che il testo alternativo dell’immagine, per comprendere e classificare le immagini.

SEO per blogger Esempio di testo alternativo dell'immagine e tag del titolo

Per una maggiore potenza SEO, rinomina i nomi dei file delle immagini caricate su WordPress in qualcosa che sia breve, inclusa una parola chiave importante e descrittiva.

Questo è particolarmente importante per la tua immagine in primo piano perché è spesso quella che viene bloccata, condivisa e indicizzata nei risultati di ricerca delle immagini.

Ad esempio, puoi nominare un’immagine ” prima-dopo-blog-seo.jpg” quando “blog SEO” è la frase chiave di destinazione e l’immagine potrebbe essere un grafico che mostra il traffico del tuo blog prima e dopo che è stato ottimizzato.

Se stai utilizzando un’immagine proprietaria che hai creato, assicurati di utilizzare le tue parole chiave nel testo alternativo e mantieni la descrizione al di sotto dei 100 caratteri. 

Non è necessario farlo con le immagini che trovi su Internet perché sono già classificate per la parola chiave di qualcun altro.

Prima di accontentare tutte le parole chiave con la scrittura del testo alternativo dell’immagine, tieni presente che il suo scopo è essenzialmente descrivere l’immagine a qualcuno che è cieco.

Dopo il titolo e il testo alternativo, la seconda cosa da fare per ogni foto è utilizzare strumenti come ImageOptim o Pichi per ridurre le dimensioni a meno di 1.000 px e ridurre le dimensioni del file.

Riduci le dimensioni del file il più possibile senza compromettere la qualità dell’immagine e finire con una foto sfocata.

Perché la dimensione del file immagine fa la differenza per la SEO del tuo blog?

Il ridimensionamento e la dimensione del file corretti sono fondamentali per mantenere bassi i tempi di caricamento della pagina; perché se le persone devono aspettare più di tre secondi prima che la tua pagina venga visualizzata, ti diranno “Ciao, Felicia”. 

Questo è uno degli errori di blogging più frequenti che vedo, quindi fai del tuo meglio per evitarlo!

9. Garantisci la compatibilità con i dispositivi mobili e riduci i tempi di caricamento della pagina

Sei mai stato di fretta mentre fai la spesa e ti sei sentito sollevato quando c’era una cassa libera…

E poi ricordi quanto velocemente la tua gioia è stata interrotta quando ti sei reso conto di aver scelto quello con l’unico cassiere in formazione?

Oh, che agonia.

È così che ci si sente nell’ aspettare che il tuo articolo venga caricato per il tuo lettore, ed è anche peggio quando anche il tuo blog viene scansionato da Google .

Le persone non rimarranno in giro se continui a fargli fissare le pagine vuote, e anche ai principali motori di ricerca non piace. 

I tempi di caricamento e la reattività sui dispositivi mobili influiscono sulla SEO del tuo blog e sull’esperienza utente, quindi assicurati di prestare attenzione a questo fattore importante durante la progettazione del layout generale del tuo blog.

Strumenti come web.dev  e PageSpeed ​​Insights di Google ti faranno sapere come sta andando il tuo sito. 

Assicurati di dare un’occhiata a questa guida super pratica su come ottenere il massimo da PageSpeed ​​Insights e interpretare le informazioni che stai vedendo in miglioramenti attuabili sul tuo blog.

Se il tuo blog non è ottimizzato per i dispositivi mobili, dovrai assumere un professionista o scegliere di utilizzare un tema ottimizzato per i dispositivi mobili (come Hello Theme) o installare un plug-in WordPress specifico che lo faccia.

Se i tempi di caricamento della tua pagina hanno bisogno di essere migliorate, puoi iniziare da:

  • Ottimizzazione delle immagini.
  • Rimozione di eventuali plug-in WordPress non essenziali (solo blog WordPress).
  • Passare al migliore hosting per blogger per velocizzare il tuo sito.

Il semplice fatto, tuttavia, è che il blog costa un po’ di soldi e probabilmente avrai alcuni limiti di budget. 

Il tuo obiettivo finale è far sì che le tue pagine e i tuoi post si carichino velocemente, idealmente in meno di due secondi (o più velocemente).

10. Promuovi i tuoi contenuti

Quando sei nuovo nel blogging, puoi sentire di avere così tanto da recuperare con i contenuti del tuo blog.

Vuoi solo scrivere, scrivere, scrivere… e scrivere ancora. 

Ma se i tuoi obiettivi di blogging includono voler più traffico e migliorare la tua autorità di dominio…

Dovresti spendere il 20% del tuo tempo a scrivere e l’altro 80% a promuovere i tuoi contenuti.

Ecco come promuovere i contenuti del tuo blog per ottenere i massimi risultati SEO del blog:

  • Scrivere Guest Post: apparire sul blog di qualcun altro ti dà la possibilità di ottenere un link (noto anche come backlink ) al tuo blog. Quando qualcun altro garantisce per il tuo lavoro, mostra a Google che fornisci contenuti di qualità premiandoti con posizionamenti migliori in SERP.
relazione tra posizionamento su google e backlink
  • Fare rete con altri blogger: se sei stato intelligente e hai imparato a scegliere una nicchia per il blog in cui hai una certa esperienza (o connessioni), altri blogger possono essere i tuoi migliori amici quando si tratta di aiutare a spargere la voce! Impiega pratiche intelligenti di sensibilizzazione dei blogger per inviare loro un’e-mail sull’essere ospiti del loro podcast , accettare un articolo in stile domande e risposte o unire le forze per realizzare insieme una serie di video YouTube congiunta. Meglio ancora, aprire un podcast tutto tuo e usalo come strumento per fare rete.
  • Condivisione di nuovi contenuti sui social media: le persone non controlleranno il tuo sito ogni giorno per vedere se ci sono contenuti aggiornati. Semplifica la vita a tutti condividendo e promuovendo i post sui social media. Non si sa mai, potresti avere fortuna e diventare virale.
  • Continuare a promuovere i post più vecchi: non devi reinventare la ruota ogni volta. Prendi quello che hai, aggiornalo, miglioralo e condividilo nuovamente con alcuni titoli diversi per vedere cosa attira più attenzione sui social media.
  • Promuovere i contenuti tramite la tua mailing-list: le tue newsletter e le e-mail di benvenuto sono opportunità incredibili non solo per mettere in pratica le tue abilità di e-mail marketing, ma anche per collegarti a contenuti pertinenti che i tuoi lettori non conoscono, persi o dimenticati. La tua lista di e-mail sarà particolarmente importante quando si tratta di promuovere omaggi (come un eBook che hai scritto ) e contenuti progettati per monetizzare il tuo pubblico (come la mia lista dei migliori libri sul marketing, ad esempio).
  • Pinnare gli articoli su Pinterest: Pinterest è un eccellente complemento a Google, soprattutto mentre aspetti un traffico più organico sui motori di ricerca. Potresti scoprire che il traffico di Pinterest non è affidabile come quello di Google, ma poiché l’algoritmo di Pinterest non è così sofisticato, è ancora molto più semplice quando inizi a classificare e indirizzare tonnellate di traffico al tuo sito.

Sebbene ognuna di queste azioni sia importante e contribuisca a ottenere il traffico che brami, non sopraffarti pensando che devi fare tutto, ogni giorno, altrimenti non otterrai i risultati che brami: prenditi il ​​​​tuo tempo per creare un business plan per blog che si basi sui tuoi punti di forza ed esperienze e fai le tue ricerche leggendo libri sul business rilevanti.

Scegli due cose su cui concentrarti per il mese in corso (o anche per il trimestre).

Quando hai tempo, lavora su alcuni degli altri elementi della strategia SEO del tuo blog e assicurati che il tuo lavoro SEO sia sempre all’altezza della tua strategia di blogging complessiva.


Quando si tratta di SEO per blog, ci sei dentro per il lungo periodo.

Vorrei poter dire che oggi puoi implementare tutte e dieci queste strategie SEO per blog e vedere immediatamente un fuggi fuggi virtuale di persone che si precipitano sul tuo blog per divorare ogni singola parola che hai scritto.

Ma… la verità è che potresti diventare un esperto SEO con i contenuti del tuo blog e ancora non vedere grandi cambiamenti all’inizio. 

Probabilmente non sei tu.

Possono essere necessari fino a sei mesi (o anche di più) per iniziare a vedere i risultati.

Ma una volta che lo fai… la crescita del tuo blog può essere più esplosiva dei tuoi sogni più sfrenati.

Basta non accontentarsi. 

Dai un’occhiata regolare e approfondita alla SEO del tuo blog e all’analisi dei contenuti (ogni tre-sei mesi).

Scava a fondo per vedere cosa funziona, cosa no e cosa può essere migliorato.

Soprattutto, tieni a mente il tuo pubblico e chiediti cosa puoi fare per rendere i tuoi contenuti ancora migliori per loro .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri i miei servizi!

Dove imprenditori, freelance, creators e influencer trovano la soluzione alle proprie esigenze.

 

Ti accompagno nella creazione, lo sviluppo e la crescita del tuo business.

Dalla consulenza di web marketing strategico e operativo, allo sviluppo di siti web ed eCommerce.