fbpx

Trovare una nicchia di mercato profittevole: ecco come fare

In questa guida vedremo come trovare una nicchia di mercato profittevole in modo da poter lanciare il tuo nuovo progetto nel minor tempo possibile!
trovare nicchia di mercato profittevole

Prendere quella maledetta decisione e iniziare a sporcarsi le mani è forse uno degli atti di rivoluzione interpersonale che l’essere umano può compiere.

E’ sempre difficile quando si vuole lanciare un nuovo progetto, ci sono mille sbattimenti, ed hai ragione.

Ma lascia che ti dica una cosa: è estremamente bello quando ti immergi negli sbattimenti.

E te lo dice uno che di progetti ne ha realizzati e li porta avanti, non un cogli*ne fuffa guru che vende roba copiata da qualche fantomatico mercato estero.

Chi sono? Cristian, per gli amici.

Cristian Iovino per te.

Sono un imprenditore digitale, consulente di digital marketing e blogger affermato nel mercato italiano.

Negli ultimi anni ho dato vita a progetti imprenditoriali capaci di strutturare, accelerare e scalare ecosistemi altrui.

Aiutiamo influencer, imprenditori e aziende a crescere sul web sia in termini di notorietà che di fatturato.

E in questo articolo vedremo proprio come gettare le fondamenta di un nuovo progetto partendo da quello che è uno dei pilastri attorno al quale quest ultimo gira: i mercati e le relative nicchie di posizionamento.

Ecco cosa imparerai:

  • Cos’è una nicchia di mercato e perché è indispensabile sceglierla.
  • I veri benefici dello scegliere una nicchia di mercato
  • Come trovare una nicchia di mercato partendo dal fare brainstorming al porti delle domande.
  • E tanto altro.. (ti ho spoilerato fin troppo).

Insomma, tutto quello che ti serve per lanciare un business e monetizzarlo qualsiasi esso sia. (es. creare un blog e guadagnare)

Pronto/a?

Iniziamo!

Tabella dei Contenuti

Cos’è una nicchia di mercato ?

Una nicchia di mercato è una sotto-categoria di un segmento di mercato che a sua volta è un sotto-insieme di un mercato più ampio.

Possiamo inoltre dire che una nicchia di mercato accomuna persone simili con problemi comuni.

Se non ti è chiaro, non preoccuparti, ti spiegherò ora tutto in maniera ordinata e semplice.

Devi sapere che esistono 3 grandi mercati che sono:

  • Il mercato della salute
  • Il mercato delle relazioni
  • Il mercato della ricchezza

Questi 3 mercati sulla quale vige la regola di domanda e offerta contengono al loro interno ogni qualsivoglia prodotto e servizio esistente, o che verrà creato in futuro.

Relazioni, Ricchezza, Salute

Allo stesso tempo, questi mercati possono essere suddivisi in sottocategorie chiamati segmenti di mercato che a loro volta possono essere suddivisi in altri insiemi più piccoli.

Questi piccoli insiemi derivanti dalla sottocategorizzazione di un qualsiasi mercato sono dette nicchie di mercato che includono persone simili con problemi simili

Facciamo un esempio.

Prendendo in considerazione uno dei tre grandi mercati, in questo caso il mercato della ricchezza ( o denaro ) vediamo che può essere così suddiviso in sotto-categorie:

  • Risparmio
  • Finanza personale
  • Investimenti
  • Gestione del denaro
  • ecc.

Questi, come detto prima derivano dalla prima categorizzazione di un mercato chiamata segmentazione di mercato.

A sua volta ogni singolo segmento, può essere scisso e può avere altre sottocategorie.

Prendendo in esame, il segmento di mercato ‘investimenti’ vediamo come effettivamente può essere sottocategorizzato:

  • Investimenti immobiliari
  • Investimenti finanziari
  • Investimenti per… imprenditori
  • investimenti per giovani under 30
  • ecc.

Ecco, queste sono le nicchie di mercato.

Anche se volendo possono essere categorizzate in maniera ancor più efficace, non voglio però dilungarmi troppo sulla questione, spero di averti fatto capire che alla fine ciò di cui stiamo parlando non è altro che un qualcosa che accomuni persone simili con problemi simili.

A questo punto, ti starai quasi sicuramente chiedendo fino a che punto scegliere una nicchia di mercato ristretta su un determinato argomento possa portargli dei vantaggi.

Beh, posso dirti che tra poco vedremo esattamente i veri benefici che stanno dietro la scelta di una nicchia specifica verticale.

(continua a leggere)

Ora voglio fare con te un altro piccolo ragionamento.

Mettiamo caso che tu voglia lanciare un tuo progetto personale, e prendiamo in considerazione il fatto che tu voglia creare un blog.

Quando andiamo ad aprire un blog, la prima cosa da fare è scegliere quale sarà l’argomento di nicchia del nostro blog sulla base dei quali andare poi a costruire i nostri contenuti.

A questo proposito molte persone si spaventano, vediamo perché.

Le persone pensano che scegliendo uno dei settori di nicchia specifici non si riescano a raggiungere i risultati desiderati e che ci si prefigge di raggiungere.

Questa considerazione è del tutto sbagliata e infondata, in quanto più andremo a verticalizzarci su un argomento più saremo presi in considerazione come esperti.

Mettiamo caso che io, Cristian Iovino, oggi decida di aprire un blog di digital marketing e che la mia nicchia di mercato sia composta da 1/100 delle persone che ci sono in Italia ( 60 milioni ).

Avrei una cosa come 600.000 persone interessate a ciò che ho da dire a proposito del digital marketing.

E mettiamo ora caso che ogni persona della mia nicchia acquisti un prodotto o servizio da me:

  • Nel caso in cui ogni persona mi portasse un profitto di 5€ guadagnerei 3 milioni di euro.
  • Nel caso in cui ogni persona mi portasse un profitto di 50€ guadagnerei 30 milioni di euro.
  • Nel caso in cui ogni persona mi portasse un profitto di 500€ guadagnerei 300 milioni di euro.

E anche se la mia nicchia fosse composta da 1000 persone in tutta Italia e vendessi loro un prodotto o servizio da 1.000€ guadagnerei comunque 3 milioni di euro.

In sintesi, più ti specializzi e verticalizzi su qualcosa più hai la possibilità di vendere prodotti e servizi realmente interessati ad’ un prezzo che fondamentalmente puoi decidere tu.

Quindi la grandezza di una nicchia non deve assolutamente spaventarti, dove c’è mercato c’è possibilità di guadagno, ma per guadagnare con un blog (ritornando all’esempio di prima) hai bisogno di scegliere un unico macromercato e definire la tua nicchia in base ad esso.

Vediamo ora nel concreto i veri benefici del scegliere una nicchia di mercato.

I vantaggi di scegliere una nicchia di mercato

Eh si perché di benefici concreti ce ne sono e come.

Quali sono?

Vediamoli insieme.

1. Meno concorrenza, più potenziale e tasso di conversione superiore

Essenzialmente hai la possibilità di “spaccare” di più.

Lascia che ti spieghi.

Il vero primo beneficio di riuscire a penetrare in una nicchia ben definita è proprio la possibilità di entrare in un posto in cui conosci le persone e i suoi eventuali problemi.

Persone simili tra di loro con problemi uniformati.

Questo ti da la possibilità, in primis di poter competere con i tuoi eventuali competitor e colmare quelli che possono essere gli eventuali GAP presenti nel mercato in cui decidi di operare.

Più la nicchia di mercato in cui ti addentrerai sarà definita e specifica e meno saranno i tuoi competitor.

concorrenza di mercato

Questo significa, meno concorrenza per te e maggior possibilità di guadagnare, non soltanto per la mancanza di persone che operano nel tuo stesso campo, ma anche per la verticalità che in qualche modo potrai andare a crearti su un determinato argomento.

E vuoi sapere qual è la conseguenza di una scelta così ponderata?

Un tasso di conversione maggiore che in linea di massima potrà portarti non solo a guadagnare bene, ma a guadagnare di più.

Questo perché quando si riesce a profilare bene il pubblico sulla base dei loro problemi si riesce ad avere maggior influenza sui consumatori ( eventuali clienti ) ma anche sullo stesso mercato in cui decidiamo di operare.

2. Marginalità sul profitto elevata

Ti ho già accennato qualcosa nel punto precedente.

Effettivamente se ci pensi quando sei verticale su una specifica nicchia di mercato puoi pensare di costruire prodotti e servizi che le persone cercano e soprattutto vogliono.

Servizi e prodotti di nicchia hanno però un vantaggio di cui nessuno parla: il prezzo.

Quando si è in pochi a concorrere in uno specifico mercato di possono fare due cose:

  • Giocare al ribasso.
  • Giocare al rialzo.

Se ti stai chiedendo con cosa giocare, beh la risposta è semplice e te l’ho già spoilerata poche righe fà.

Giocare con il prezzo dei propri prodotti e servizi, che in base a chi sei e al posizionamento che ti creerai nel corso del tempo potrai gonfiare se fai un ottimo lavoro in termini di branding e personal branding.

Questo non solo, aumenterà la percezione che hanno le persone nei confronti del tuo prodotto categorizzandolo inconsciamente come “il migliore” ma ti permetterà di guadagnare ancora di più facendo lievitare ulteriolmente il tuo tasso di conversione.

3. Personal branding a un livello superiore

Un punto collega l’altro, anche qui ti ho accennato già qualcosina nel paragrafo precedente..

Ma è proprio questo ciò che genera la scelta di una nicchia ben definita quando si decide di lanciare un nuovo progetto.

Diciamo che l’effetto compound è senza ombra di dubbio la variante che determina il successo di qualsiasi business capace di gettare fondamenta solide capaci di esprimere in maniera eccelsa il suo potenziale.

Ma ritorniamo a noi, dicevamo…

Pensonal branding, si hai capito bene.

Trattando un argomento specifico, in una nicchia specifica le persone ti vedranno come uno tra i massimi esperti di quel settore, in quanto il tuo posizionamento sarà in automatico centralizzato.

personal branding

L’esperto più esperto di qualsiasi altro esperto.

Insomma, ci siamo capiti.

Come dopo questa parola, capirai che non puoi posizionarti come ‘opinion leader’ di settore se ti focalizzi su più cose e tratti diversi argomenti.

Tutto ciò per un semplice motivo:

In ogni mercato c’è competizione e se vuoi realmente emergere devi essere diverso dalla massa, e per distinguerti dalla massa devi lavorare sul tuo brand o personal brand.

4. Marketing di nicchia = costi inferiori

Può essere scontato, ma non lo è affatto e in molti ancora non lo capiscono.

Quando si sceglie una nicchia ben definita diventa anche molto più conveniente fare marketing.

Questo avviene perché (ritornando al discorso iniziale) avere un pubblico ben targhetizzato su uno specifico argomento ci aiuta a sviluppare campagne di comunicazione e advertising molto più precise e profilate su utenti già segmentati in uno specifico mercato.

Cosa che non avverrebbe nel caso in cui il nostro argomento fosse più ‘generalista’ e poco segmentato in quanto sviluppare campagne di marketing ad hoc su persone con interessi diversi e problemi diversi diventerebbe molto più dispendioso sotto il punto di vista economico e meno efficace in termini di conversione.

5. Comunicazione centralizzata (efficace)

Ultimo vero beneficio ma non per importanza, anzi sarebbe da prendere in considerazione più di ogni altra cosa è la possibilità di centralizzare la nostra comunicazione e renderla efficace.

Beh, si, quando sai chi è il tuo pubblico e sai quali sono gli interessi e i relativi problemi diventa molto più semplice comunicare efficacemente sia nel caso in cui tu decida di vendere qualcosa alla tua audience, sia in termini di nurturing.

Possiamo dire che oggi tutto ruota attraverso la nostra comunicazione, e comunicare in modo efficace con le persone che appartengono al nostro mercato non può farci che bene.

Riflettendoci su potrai anche capire come la comunicazione sia essenzialmente la ‘formula magica’ che sta dietro a ogni business di successo oggi e comprenderne le dinamiche e cosa ci potrà portare a comunicare efficacemente farà tutta la differenza di questo modo.

Ma adesso passiamo dalla teoria alla pratica e vediamo come puoi, dopo tutta questa teoria, identificare una nicchia di mercato profittevole per il tuo nuovo progetto personale o imprenditoriale.

Rimani con me un altro pochino e ti prometto che non rimarrai deluso.

Come trovare una nicchia di mercato profittevole

In questa sezione ti chiedo di concentrarti al massimo e di prestare attenzione per comprendere a pieno il metodo per trovare la nicchia di mercato più vantaggiosa per la tua persona, progetto e finanze.

Ah, voglio darti un altro consiglio: inizia a prendere carta e penna o un documento Docs di Google, ora capirai perché.

Per trovare la tua nicchia di mercato inizia dal brainstorming

Molte persone hanno ben chiara la direzione che vogliono prendere e su cosa si baserà il proprio progetto.

Altre invece non sanno proprio da dove iniziare, ma hanno comunque intenzione di lanciare qualcosa.

Ecco, questa seconda tipologia di persona potresti essere proprio tu, che magari sei arrivato su questo articolo proprio cercando di capire come sia effettivamente possibile trovare una nicchia di mercato per costruire qualcosa di proprio.

Bene, sei nel posto giusto anche se penso che tu l’abbia capito subito non appena hai aperto questo articolo.

La prima cosa da fare è essenzialmente (come da titolo di questo paragrafo) effettuare una o più sedute di brainstorming con se stessi valutando le diverse opportunità messe a disposizione dai mercati esistenti.

brainstorming

Come fare ? Semplice.

Inizia col seguire i passaggi che tra poco ti illustrerò e vedrai che alla fine sarai riuscito a concretizzare una scelta.

Quindi, se non l’hai ancora fatto prendi carta e penna oppure apri un documento Google Docs.

Iniziamo.

1. Scrivi un elenco di tutto ciò che ti interessa

Cos’è quella cosa che ami maledettamente fare o di cui ti piace parlare?

Bene, rispondi a questa domanda e inizia ad annotare le cose che più ti interessano e incuriosiscono indipendentemente dal pensiero che puoi avere su quella determinata nicchia.

Questa è una fase di ingresso, dove spaziare su più fronti non può fare altro che aprire nuovi orizzonti e quindi portare un beneficio maggiore nelle fasi che seguono.

Può andar bene qualsiasi cosa, non limitarti al fatto che alcune delle cose che andrai a scrivere potrebbero essere più generaliste mentre altre più specifiche e quindi nicchia.

Nessuna idea può essere migliore di un’altra (almeno per ora).

Una volta fatto ciò, dovresti avere un elenco simile a questo:

  • Marketing digitale
  • Business online
  • Sviluppo personale
  • Viaggiare all’estero (fuori dall’Europa)
  • Mangiare pizza napoletana

A questo punto, esaminando l’elenco che ti è venuto fuori potrai renderti conto che alcuni dei tuoi piaceri potrebbero essere migliori di altri sulla quale andare a sviluppare un progetto.

Se così fosse, prendi una penna e fai una stellina accanto all’attività che più ti ispira.

Passiamo al secondo punto.

2. Pensa ai libri o riviste che leggi e ai film che guardi

Quali sono i libri e le riviste che leggi di più? Quale genere di film guardi assiduamente ?

Potresti avere un enorme quantitativo di interessi oppure essere estremamente verticalizzato su un determinato argomento ( es. Marketing Digitale ).

A questo non posso rispondere io per te, quindi riprendi in mano carta e penna e inizia a scrivere i titoli dei libri, riviste blog che leggi regolarmente con la categoria a cui appartengono.

libri, riviste, blog

Quindi, fai come nel primo punto e aggiungi una stellina accanto a ciò che più ti ispira e piace.

Chissà se dalle cose che più ti piacciono tu non riesca a creare un business milionario.

Se così fosse, RICORDATI DI ME.

Basta scherzare, passiamo al terzo punto.

3. Elenca i tuoi lavori, i tuoi hobby e le tue esperienze

Che lavori hai fatto nella tua vita? Scrivili (tutti).

Quali sono i tuoi hobby? Forse ami la fotografia o ti appassiona la moda e quindi il fashion.

Oppure ancora sei un escursionista oppure fai parte di una qualsiasi squadra di un qualunque sport.

Prendi la penna e annota tutto.

Anche se non vorresti iniziare un nuovo progetto sulla base di un lavoro che hai fatto in passato potresti scoprire che ci sono elementi che di quel lavoro o hobby ti appassionano particolarmente ed’ é quindi un bene appuntare il più possibile.

Potresti essere un digital marketing strategist in qualche agenzia pubblicitaria, giocare a ping pong e suonare il flauto, avrebbe quindi senso prendere scegliere in base a queste informazioni su te stesso una nicchia basata sulla creatività.

Oppure potresti aver aperto un blog in passato e aver scritto qualcosa.

Bene, se lo hai fatto tira quante più informazioni possibili dai contenuti che hai pubblicato su quel vecchio blog.

Fatto? Bene, passiamo al prossimo step.

4. Elenca tutte le cose fatte che per te hanno avuto un peso

Quando si prova a lanciare un nuovo progetto, bisogna tenere a mente che ciò che andremo a fare è vendere qualcosa in un contesto.

Che sia un prodotto, un servizio o la propria persona stiamo vendendo qualcosa a qualcuno.

E quel qualcuno ha dei problemi che vuole risolvere proprio grazie al tuo prodotto, servizio o contenuto creato dalla tua persona.

Magari un problema che tu stesso hai dovuto affrontare e sei riuscito a risolvere.

Questo è il punto del paragrafo che stai leggendo.

E questo è ciò che devi fare:

Prendi tutti i suoi successi o comunque cose che hanno avuto un peso nella tua vita in termini di problematiche che poi hai risolto e butta giù una lista.

Ma perché ? Molto probabilmente te lo starai chiedendo.

Te lo spiego subito.

Dico sempre che il business problem deve andare a risolvere uno human problem che significa che ogni progetto deve essenzialmente incentrato sulle persone e sui loro bisogni per poi andarli a risolvere.

Questa è la strada di un business o progetto personale che nel lungo periodo può portarti grandi soddisfazioni.

Ed’ è anche il motivo per cui tengo molto a questo punto e voglio che tu ci rifletta parecchio in quanto può davvero fare la differenza.

Bene, terminato questo breve brainstorming continuiamo.

Trova la tua nicchia di mercato anche sulla base di queste domande

Arrivati a questo punto dovresti avere già un’idea su quella che potrebbe essere la nicchia di mercato sulla quale sviluppare il tuo nuovo progetto, o almeno alcune idee da testare.

Ma effettivamente, come fai a sapere che quel progetto posso avere un riscontro positivo sulla base della nicchia scelta?

Te lo dico subito.

Anzi no, prova a trovare tu stesso la risposta alle tue perplessità sulla base di queste domande.

1. Ti interessa abbastanza la nicchia di mercato che hai preso in considerazione?

Nella maggior parte dei casi si è tentati nello scegliere una nicchia che possa portarci un guadagno economico alto.

Insomma si è tentati nello star lì a inseguire nuove opportunità a patto che ci portino a guadagnare di più.

Questo perché la mente umana è quanto più propensa a saltellare lì dove vede opportunità.

Ma di fatto questo è un approccio completamente sbagliato, che nel lungo periodo non ti porterà alcun risultato.

Lascia che ti spieghi meglio.

Il problema di questo approccio da opportunity seeker che di fatto si basa sull’opportunità è per tutti.

Questo significa che ti troverai lì fuori, magari con poco budget a disposizione se si è nella fase iniziale di un nuovo progetto, ad affrontare una marea di competitor agguerriti con capitali di partenza magari molto più importanti dei tuoi.

Ma non è tutto.

Prendendo in considerazione di lavorare su una nicchia di mercato redditizia ma poco incentrata su ciò che realmente ci piace o di cui siamo quantomeno più esperti di altri ti porterà a scocciarti letteralmente del tuo progetto.

E cosa succede quando ci si annoia della propria creatura? La si abbandona.

Quindi ho per te due consigli, che più che consigli sono principi con il quale porsi questa domanda e dargli una risposta:

  1. Scegli una nicchia di cui sei veramente interessato che ti stimoli a non arrenderti alle prime difficoltà.
  2. Scegli una nicchia di mercato verso il quale hai delle competenze reali e comprovate.

Questo perché la maggior parte delle persone che intendono intraprendere un percorso senza prendere in considerazione questi fattori è più propenso al fallimento.

Allo stesso tempo si da per scontato che una nicchia magari meno redditizia ai nostri occhi di cui siamo particolarmente degli esperti comprovati sia una scelta da scartare proprio perché meno redditizia.

Diamo sempre per scontato che fattori come esperienze di vita vissute e competenze acquisite nel corso degli anni siano una cosa inconsciamente blanda, dimenticandoci che ogni persona ha storie di verse e percorsi di vita diverse.

Storie e percorsi con problematiche diverse, forse proprio le stesse che con competenze e percorsi di nostra proprietà potremmo risolvere.

Passiamo alla seconda domanda, ma rifletti sulla prima e dagli una risposta, lo dico per il tuo bene e per il bene del tuo progetto, non sottovalutare ciò che stai leggendo.

2. Ne sai abbastanza di questa nicchia di mercato ?

Se davvero un esperto? Ne sai più degli altri?

Beh a questo non posso risponderti, devi essere tu stesso a farlo.

Ma voglio aiutare tutte quelle persone che magari non hanno trovato una risposta alla prima domanda e si sono trovati nella seguenti situazioni:

  • Non ho trovato un argomento di mio interesse.
  • Non c’è un argomento che conosco relativamente bene.
  • Non trovo una nicchia profittevole.

In questo caso la cosa da fare è IMPARARE.

Semplice no? Nessuno nasce imparato e quindi se sei ancora perplesso sulla nicchia da scegliere cerca di farti contaminare da quante più cose e informazioni possibili, leggi blog, libri, riviste e guarda video su YouTube.

Assorbi quanto più possibile, cerca di dare una direzione alle tue passioni e sulla base di ciò e di tutti gli altri fattori critici di successo che trovi in questo articolo inizia a sviluppare il tuo progetto.

E non preoccuparti di diventare il massimo esperto in qualcosa, l’importante è iniziare a fare, soltanto così riuscirai a diventare colui che ha una rilevanza nel mercato in cui opera.

Ti basta avere qualcosa in più o qualcosa di diverso e ricercare l’unicità di te stesso per creare qualcosa di spettacolare nella nicchia da te scelta.

Con il tempo si migliora, si cresce e si matura.

La cosa da fare essenziale è poi iniziare e sporcarsi le mani.

3. Ci sono persone disposte a pagare per qualcosa in questa nicchia di mercato ?

Facciamo un passo indietro.

Affinché un progetto funzioni è indispensabile avere la certezza che la nicchia di mercato scelta sia costituita da persone disposte a spendere per ottenere il beneficio da qualcosa, che sia un prodotto o servizio non importa, l’importante è che ci sia una domanda sulla quale andare a costruire l’offerta.

In poche parole dobbiamo essere sicuri che abbiamo scelto una delle nicchie di mercato redditizie.

Di conseguenza essere anche sicuri di aver evitato una nicchia di mercato dove c’è interesse per l’argomento ma non c’è interesse nello spendere per qualcosa da offrire.

“Ma come si fa a capire se ci sono persone disposte a spendere per un prodotto o servizio in una determinata nicchia?”

Semplice, te lo dico subito.

Ti basta prendere in considerazione questi indicatori:

  • Presenza di libri e riviste relativi alla nicchia: Valuta la presenza di di ebook, libri e riviste sull’argomento e le relative recensioni che se presenti in maniera massiccia possono essere un altro indicatore importante di una domanda comprovata sull’argomento.
  • Esistenza di prodotti o servizi rivolti al pubblico di nicchia: Prendiamo in considerazione il fatto che tu abbia deciso di di creare un prodotto o servizio nella nicchia del fashion. Ci saranno sicuramente migliaia di aziende lì fuori che sviluppano prodotti relativi al mondo del fashion, ciò ti da la conferma di presenza di domanda, cosa diversa nel caso in cui ci sia un segmento di mercato senza presenza di prodotti e servizi pronti già per essere venduti al potenziale cliente. Da associare a questo fattore è la presenza di recensioni massicce su quel determinato prodotto che ti può darti una conferma ancor più forte di quella ottenuta analizzando solamente la presenza di questi ultimi.
  • Presenza di inserzionisti (advertisers): Se per esempio la nicchia di mercato da te scelta è “vestiti per bambini” puoi verificarne, semplicemente utilizzando Google e qualche parola chiave correlata come “vestiti per bambini uomo” o “vestiti per bambini donna” e verificare l’effettiva presenza di inserzionisti. Non ci sono pubblicità attive? Beh, potrebbe darsi che ti sia imbattuto in una nicchia difficile da monetizzare.
  • Esistenza di programmi di affiliazione: Prova a digitare su Google una Keyword riguardante la tua nicchia di mercato accompagnata dalla parola “affiliazione” sia in italiano che in inglese in modo da avere un altro indicatore chiaro sulla scelta che stai per prendere.

Se questi indicatori ti hanno aiutato a capire come sta girando la nicchia da te presa in considerazione e ti hanno aiutato a rispondere alla domanda da porti, andiamo avanti.

4. Quante persone cercano ‘cose’ nella tua nicchia di mercato ?

Rispondere a questa domanda è un pò come diventare dei veri e propri visionari.

Conoscere, significa anticipare e in questo caso conoscere quali sono i trend di mercato crescenti del tuo mercato di riferimento può aiutarti ad anticipare i competitor.

Devi entrare nell’ottica che magari la nicchia di mercato da te scelta potrebbe essere difficile da sottoporre alle domande viste fino ad adesso, non perché non ha mercato e quindi è da scartare, ma semplicemente perché potrebbe essere ancora in una fase embrionale e quindi di sviluppo.

Ma cosa si fa a capire se è davvero una nicchia in fase di sviluppo o un madornale buco nell’acqua?

Semplicemente analizzandone la possibile crescita con diversi strumenti che vedremo tra poco.

Quindi, continua con le altre domande e poi torna qui a dare una risposta nel momento in cui ti indicherò come fare.

Tranquillo/a, lo troverai scritto.

5. E’ una nicchia che nel tempo andrà a morire ?

Nessuno vuole ritrovarsi a lanciare un progetto per poi doverlo morire dopo pochissimo tempo.

Eppure molte persone si concentrano su quelle che sono le tendenze del momento, dimenticandosi che ciò che realmente conta è costruire qualcosa basandosi sul lungo periodo.

Penso che sia nel tuo interesse costruire qualcosa che possa funzionare negli anni a venire e non solo in questo preciso momento.

Non ne vale davvero la pena sia in termini economici che di tempo andare a realizzare un progetto che può portare benefici economici in poco tempo ma allo stesso tempo per poco tempo.

Si, lo so, ho giocato un pochino con le parole, ma questa è la realtà dei fatti.

Quindi assicurati di dar vita a qualcosa di bello che nel tempo possa crescere e portarti soddisfazioni.

Ma soprattutto ricorda di realizzare un progetto che può appassionarti e sulla base di una nicchia profittevole attorno alla quale poter giostrare, ingrandire o deragliare nel momento in cui lo riterrai opportuno.

Bene, se hai risposto alla domanda che ti ho posto, continuiamo.

6. Ci sono competitor in questa nicchia di mercato ?

La concorrenza è spietata, e può far morire il tuo progetto.

Macché, si scherza.

La presenza di competitor non può che essere un altro indicatore che la nicchia di mercato che stai prendendo in considerazione abbia effettivamente un mercato dove vendere prodotti e servizi di nicchia.

Lasciami dire una cosa a riguardo.

Evita di guardare la concorrenza se non una prima fase in cui analizzi il mercato, prendi la tua strada e lascia che loro continuino per la loro.

La loro presenza non deve intimorirti, non avere paura di metterti in gioco, per quanto loro possano essere più grandi di te e con risorse economiche più ingenti delle tue.

Arriverà il momento in cui saranno loro a guardare te, per la tua unicità.

Cosa che non accadrà se sarai tu a guardare loro come un ossesso.

Ama il processo e non il risultato, solamente così riuscirai ad andare oltre gli obiettivi prefissati.

Piccole pillole di esperienza da parte mia, fanne tesoro.

Andiamo avanti.

7. La tua nicchia ha un trend in salita?

Capire se la nicchia di mercato scelta ha un trend in crescita permette di avere in tempo reale i dati relativi all’interesse pubblico di un determinato argomento.

Interesse pubblico, esatto lo stesso che ti permetterà di rispondere alla quarta domanda lasciata in sospeso poco fa e alla quale potrai dare una risposta seguendo attentamente le prossime righe.

Vediamo come fare a capirlo.

Uno degli strumenti di base per fare analisi di mercato mirate e scoprire quali sono le nicchie di mercato emergenti è Google Trends.

Una volta atterrato su Google Trends non dovrai fare altro che digitare una parola correlata alla nicchia scelta, non solo in modo generico, ma anche insieme a tutte quelle che sono le sue varianti e sinonimi per avere un quadro completo della situazione.

Puoi anche personalizzare la ricerca in base alle tue preferenze, come la demografica della ricerca e il tempo sulla quale fare la tua analisi.

Facciamo un esempio per capire meglio di cosa sto parlando.

Prendiamo in analisi il mercato italiano del blogging che io stesso ho analizzato prima ancora di creare un blog diventato poi il punto di partenza della mia carriera imprenditoriale nel digital.

nicchia di mercato trends blog

Come puoi vedere da questo grafico c’è un costante interesse delle persone sull’ argomento e questo è un indicatore molto positivo che può dirti effettivamente come stanno le cose e se ne vale la pena adoperarsi nell’idea di costruzione di un progetto di nicchia.

Di conseguenza è meglio evitare un argomento che nel corso del tempo sta divenendo sempre meno popolare a meno che tu non abbia buone ragioni per credere che da un momento all’altro possa esplodere nuovamente e rimanere costante nel tempo.

In ogni modo uno scenario statico come nel caso dell’analisi di mercato del blogging in Italia è un bene, anche se lo scenario ideale sarebbe scegliere una nicchia che tende a crescere su Google Trend.

Puoi anche prendere in considerazione di confrontare più nicchie e analizzarne l’andamento prima di dar vita a un nuovo progetto.

Anche se Google Trends è solamente uno strumento preliminare per fare un’analisi di mercato accurata è sicuramente un ottimo punto di partenza per capire come stanno le cose.

Ovviamente il mio consiglio è quello di iniziare da qui ma poi andare a incrociare quanti più dati possibili in modo tale da avere una visione quanto più attendibile possibile sulla tua “nicchia profittevole”.

Come?

Utilizzando SEOZoom che ti permette di ottenere una miriade di dati incredibili su ogni cosa tu desideri sapere.

Quindi analizza il mercato di riferimento e le segmentazioni che ne derivano e dai una risposta a questa domanda.

P.S: Ti ricordo che adesso puoi tornare un pochino più in alto e dare una risposta anche alla domanda 4 grazie allo strumento che abbiamo appena visto.

8. Saresti felice di essere associato alla nicchia che hai scelto ?

Sebbene tu possa potenzialmente sviluppare prodotti e servizi utilizzando il brand della tua azienda, devi metterci la faccia.

Oggi tutti i più grandi brand vengono associati a figure di riferimento, coloro ne fanno le veci, i portavoce di una missione e un visione, la stessa che si prefigge di perseguire il brand sotto il quale prendono vita queste persone.

Insomma, devi tener conto che realizzare un progetto e metterci la faccia potrebbe non essere il massimo se come obiettivo ti prefiggi di costruire qualcosa a cui non vorresti essere associato.

Quindi pensaci due volte prima di realizzare un progetto sulla base di una nicchia dove non vorresti essere associato o a cui associare il tuo nome potrebbe imbarazzarti.

9. La tua nicchia si adatta a prodotti, servizi e contenuti evergreen?

Beh, abbiamo già detto che costruire qualcosa di duraturo nel tempo è la chiave di successo di ogni progetto?

Se così non fosse, lo abbiamo fatto ora.

Costruire prodotti, servizi e contenuti associati al tuo personal brand o brand che siano continuamente ricercati dalle persone nel corso degli anni può portarti non solo a guadagnare di più nel lungo periodo ma anche ad elevare il potere del brand stesso.

Questo ti permette inoltre di ottenere più recensioni nel corso degli anni e quindi di sviluppare un autorevolezza maggiore agli occhi dei tuoi possibili/futuri clienti.

Sebbene ci siano diverse realtà che lavorano su progetti di breve periodo costruendo prodotti esclusivamente sulla base dei trend del momento non è detto che debba farlo anche tu.

La stragrande maggioranza che lo fa può permetterselo in quanto quasi sicuramente ha alle spalle altri asset che possono coprire un eventuale fallimento del progetto in quanto i trend momentanei rappresentano si, un opportunità ma anche un elevato rischio di fallire ancor prima di partire.

Pensa accuratamente di cosa hanno bisogno, e soprattutto avranno bisogno le persone prima di agire e di conseguenza sviluppa prodotti servizi e soprattutto contenuti evergreen che nel tempo faranno si che la crescita del progetto a cui stai lavorando sia esponenziale.

Conclusioni e riflessioni finali

Bene, siamo giunti al termine dell’ennesima super guida del mio blog.

Se sei arrivato fin qui, complimenti.

Hai tutte le carte in regola per lanciare un progetto di successo con delle solide fondamenta che ti aiuteranno a crescere nel corso degli anni a venire.

Prima di salutarci però, vorrei fare con te un piccolo recap di tutto ciò che abbiamo visto in questa guida e alcune riflessioni finali.

Abbiamo infatti scoperto cos’è un mercato di nicchia, quali sono i vantaggi che potrai ottenere scegliendone una e come trovare poi in pratica mercati di nicchia sulla quale lanciare nuovi progetti.

Hai tutto ciò di cui hai bisogno per costruire un business di successo attraverso un idea redditizia e monetizzabile nel breve, medio e lungo periodo.

Ma soprattutto hai ora le basi per costruire qualcosa che ti piaccia realmente grazie al quale andare a costruirti un presenza forte sul mercato in termini di personal branding e branding aziendale in correlazione al prodotto di nicchia che andrai a sviluppare.

Eccoti una checklist di remind:

  • Effettua un brainstorming sulle varie idee di nicchia prima di sceglierne una: non dare per scontato che la tua prima idea sia la migliore, potrebbe essercene una ancora migliore a cui non hai pensato.
  • Rispondi alle domande in questa guida per assicurarti che il tuo progetto abbia buone probabilità di avere successo: se scopri che la nicchia su cui stavi per puntare non ti permetterà di guadagnare, è meglio ritornarci su e prendere in considerazione altre opzioni.
  • Lancia il tuo progetto: è il momento in cui prendi quella fott*ta decisione e inizia fare.

Segui questi passaggi e ti assicuro che otterrai un beneficio immane con un piccolo sforzo.

Potrai non solo evitare di buttar via tantissimo tempo, energie e soldi ma potrai anche capire cosa le persone vogliono e come sta girando il mercato in cui decidi di entrare.

Ricorda inoltre che è quasi impossibile creare qualcosa di totalmente nuovo a meno che tu non sia un super-genio visionario quindi fai quel che cazz* ti pare ma abbi sempre a mente i principi che regolano il successo di un qualsiasi progetto.

E fallo partendo qui, è il tuo momento.

P.S: ti lascio alcuni link che hai trovato nel corso della lettura.

Ah, e se la guida ti è stata utile potresti aiutarmi a condividerla per farla arrivare a quante più persone possibili? A te non costa nulla, per me significherebbe molto.

Trovi i pulsantini di condivisone qui sotto, grazie se lo farai, te ne sarò grato.

A presto,
Cristian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra community!

Dentro troverai imprenditori, freelance, creators e influencer.

 

Stiamo creando la più grande community di marketers, imprenditori, creators e influencer italiana.
Tutto nasce con la voglia di fornire gratuitamente gli strumenti per permettere a chiunque di creare il proprio business digitale.