fbpx
la storia del blogging

La storia del blog (dal 1993 al 2023): Come il blog è cambiato e si è evoluto in 30 anni di storia

Leggi i blog (o almeno ora stai leggendo questo blog post, quindi sai cos’è un blog).

Probabilmente conosci altri blog popolari che hai letto che trattano argomenti che ti interessano, e suppongo che tu sia riuscito a gestirlo da solo, o almeno a un  certo punto hai considerato di aprire un blog.

Ma conosci la storia dei blog? In realtà è un viaggio affascinante come siamo arrivati ​​a questo punto nel mondo dei blog mentre ci dirigiamo verso il 2023.

Il blog può far risalire i suoi umili inizi all’anno 1993.

Per dare contesto, ecco alcune cose che sono accadute anche durante lo stesso anno in cui è iniziato il blog:

  • Bill Clinton divenne presidente degli Stati Uniti
  • La Cecoslovacchia cessò di esistere e divenne la Repubblica Ceca e la Slovacchia
  • Il NAFTA è stato approvato negli Stati Uniti, Canada e Messico
  • È nata la famosa cantante pop Ariana Grande
  • Approvata la costituzione del Sudafrica

Il blog ha giocato un ruolo cruciale nella nostra storia digitale collettiva negli ultimi 29 anni.

Parleremo delle persone, dei luoghi, dei grandi eventi e (a volte) dei tumultuosi cambiamenti che hanno reso il mondo dei blog quello che è oggi.

La storia del blog: come si è evoluto il blog (dal 1993 al 2023)

Tabella dei Contenuti

E poiché la comprensione del passato può spesso essere la chiave per trovare il successo nel presente, faremo un viaggio nella memoria mentre ci spostiamo attraverso la storia dei blog.

Ora, tuffiamoci nella storia dei blog!

1993: inizia ufficialmente il blog

Il primo blogger al mondo Rob Palmer nella storia del blog

Proprio nel periodo in cui Bill Clinton veniva inaugurato Presidente degli Stati Uniti e Beanie Babies stavano facendo il loro debutto, Rob Palmer, il primo blogger e nomade digitale autoproclamato, ha avviato quello che era essenzialmente un blog per una società di comunicazione.

Quando è nato il primo blog?  Nel 1993 da Rob Palmer.

Nota: in realtà ci sono più affermazioni in competizione su chi sia il primo blogger al mondo, quindi è oggetto di controversia e probabilmente impossibile da verificare in modo definitivo.

Ad ogni modo, questo primo o primissimo diario online (noto anche come blog) era composto solo da testo normale: non c’erano grafica o formattazione di fantasia, ma questa primissima incarnazione di un blog ha fatto qualcosa di importante. 

Aveva la capacità di diffondere idee.

Questo blog, probabilmente il primo al mondo, ha mostrato che Internet pullulava di potenziale.

1994: Il padre fondatore dei blogger personali inizia a condividere (oltre)

Nel 1994, l’allora diciannovenne Justin Hall iniziò a condividere i dettagli della sua vita personale sul suo sito web, Justin’s Links From the Underground .

La storia del blog La raccolta di link di Justin

Ovviamente, a quel tempo, non si chiamava affatto blog. 

Il suo sito Web consisteva principalmente in un elenco di collegamenti (da cui il nome) con del testo intermittente intrecciato dappertutto. 

Puoi saperne di più sulla sua storia guardando il suo film, overshare .

In realtà, è stato solo dieci anni dopo il suo debutto su Internet, che il New York Times ha soprannominato Hall il “padre fondatore dei blogger personali”.

1997: Viene coniato il termine “Weblog”.

Che ci crediate o no, la parola “blog” ha in realtà un’origine molto logica.

Qual è l’origine della parola blog?  Mentre la maggior parte delle persone lo chiama blog, il termine è l’abbreviazione di weblog . 

Un blog è un registro, o documentazione scritta, pubblicato sul World Wide Web

Metti insieme queste due idee e ottieni il termine weblog.

Il primo blogger americano, Jorn Barger, è accreditato come la persona che ha inventato la parola. 

Prima di allora, le persone chiamavano i blog “giornali online” o “diari online”. 

Il termine “weblog” ha una certa brevità e fascino, e non passò molto tempo prima che diventasse ulteriormente abbreviato in “blog”. 

Leggi ancora di più nel mio articolo su Cos’è un blog?

1998: Lancio della prima piattaforma di blogging (Open Diary).

Ora che c’era un termine per scrivere i propri pensieri e condividerli con il mondo online, gli sviluppatori hanno iniziato a prenderne atto e hanno iniziato a creare piattaforme progettate per consentire agli utenti Internet di pubblicare i propri blog online.

Open Diary Homepage nel 1998 Storia del blog

Una componente vitale della storia del blogging, Open Diary, ha debuttato nel 1998 come piattaforma di blogging che non solo forniva spazio agli utenti per bloggare, ma anche uno spazio in cui i membri potevano commentare i post degli altri.

Fu anche in questo periodo che la parola “weblog” divenne troppo ingombrante e il termine gergale abbreviato e più moderno, “blog”, iniziò a proliferare.

Da questo momento in poi, il termine blog rimane lo stesso.

1999: la competizione emerge con il lancio di Blogger e LiveJournal

La fine del secolo era quasi arrivata. 

Gli adulti erano preoccupati per un potenziale disastro imminente chiamato Y2K (avviso spoiler: non è successo niente) e i bambini li stavano catturando tutti con l’ultima mania, Pokemon.

Nel mondo dei blog, le cose stavano procedendo senza intoppi quando altre piattaforme di blogging hanno iniziato a emergere nel mercato di massa.

Xanga nella cronologia dei blog ottimizzata

Nel 1999, LiveJournal e Blogger sono entrati entrambi nella scena, seguiti da Xanga (in precedenza un sito di social networking simile al più noto MySpace, che non sarebbe emerso per diversi anni) nell’anno 2000.

2003: Entrano in scena WordPress e TypePad

Oggi, oltre un terzo dei siti web (incluso il mio blog) gira su WordPress .

E guardando quanto è bello il prodotto oggi, è quasi difficile credere che il loro sistema di gestione dei contenuti (CMS) abbia iniziato con questo aspetto:

Schermata iniziale di WordPress nella storia del blog

WordPress ha avuto inizio nel 2003, quando lo studente universitario Matt Mullenweg e il suo amico Mike Little hanno avuto un’idea che è sbocciata in quello che sarebbe poi diventato il sistema di gestione dei contenuti (CMS) più popolare al mondo.

In che anno è stato creato WordPress? Nel 2003 dagli allora studenti universitari Matt Mullenweg e Mike Little.

Più tardi nello stesso anno, TypePad , un’altra piattaforma di blogging meno tecnica è stata introdotta e ha continuato a tagliare i confini su come rendere il blog un’attività più accessibile per le persone che non sapevano programmare.

Questo è anche il periodo in cui molte delle migliori società di hosting di oggi hanno sono entrate nella scena ed hanno iniziato ad offrire ciò che si è gradualmente evoluto nel miglior piano di hosting wordpress che i blogger possono scegliere.

2003: Google acquista Blogger e lancia AdSense

Quando Google ha acquistato la piattaforma Blogger La storia del blog

Il 2003 è stato un anno intenso nella storia dei blog.

Nello stesso anno, Google ha acquistato una delle più grandi piattaforme di blogging, Blogger. 

A quel punto, Google stava ancora lottando duramente per diventare il motore di ricerca più popolare al mondo. 

l’acquisto di tutti quei blog ha permesso all’azienda di raccogliere più dati che mai, il che ha migliorato drasticamente la qualità del loro motore di ricerca in crescita.

Contemporaneamente all’acquisto di piattaforme di blogging popolari, Google stava anche lavorando e lanciando due dei suoi prodotti di punta, AdSense e AdWords.

Questi sono i prodotti che, tra le altre cose, consentono alle persone di monetizzare i propri blog attraverso la pubblicità di prodotti e servizi rilevanti, il che è un grande passo che ha alterato il corso della storia del blogging.

Se hai visto annunci per qualsiasi cosa, dalle scarpe al detersivo per bucato, e l’auto dei tuoi sogni in giro sui blog che leggi, allora sai chi devi ringraziare.

Ti chiedi come puoi indirizzare più traffico al tuo sito per fare soldi con il tuo blog? Dai un’occhiata alle mie guide su come farlo:

2004: “Blog” diventa la Parola dell’Anno

Ogni anno, dal 2003, Merriam-Webster pubblica un elenco di parole che sembrano particolarmente rilevanti per l’anno in questione. 

Le ultime parole dell’anno hanno recentemente incluso “giustizia“, ​​”femminismo” e “surreale”.

Nel 2004, tuttavia, la parola più cercata dell’anno sul dizionario online Merriam-Webster è stata “blog”.

Blog è la parola dell'anno 2004 su Merriam Webster

Questo è significativo, perché ha mostrato quanto il blog abbia avuto un impatto sul mondo mainstream.

Piuttosto che sintonizzarsi automaticamente su stazioni di notizie o aprire un giornale, gli americani stavano iniziando a rivolgersi ai loro blog preferiti per i contenuti (e persino gli aggiornamenti delle notizie) che desideravano ardentemente.

Come tutti sappiamo ora, questo si è concluso con risultati piuttosto contrastanti. 

Molte notizie importanti che non arrivano ai principali organi di stampa possono essere distribuite attraverso i blog (e su Twitter), ma anche molte notizie false e potenzialmente dannose o fuorvianti.

2005: è nato il vlogging (lancio di YouTube)

Nel 2005, YouTube è stato lanciato ufficialmente e, sebbene non sia successo subito, la piattaforma ha posto le basi per quello che sarebbe diventato il moderno vlog.

Cos’è un vlog? Un blog basato su video.

Casey Neistat Vlogger nella storia del Blogging

Allo stesso tempo, Yahoo! Il gruppo di videoblogging ha visto un aumento dei loro membri. 

Insomma, questo è l’anno in cui è nato davvero un nuovo modo di esprimersi online.

Alcuni dei primi vlogger che sono popolari ancora oggi sono Smosh  e Michelle Phan .

2006: HuffPo e BuzzFeed eliminano i confini tra blog e notizie

Il 2006 ha portato una nuova era con il lancio di Huffington Post e BuzzFeed.

Qual è, in realtà, la differenza tra un blog e un sito di notizie? 

Queste piattaforme avevano l’aspetto di un sito di notizie mainstream, ma esaminando alcuni degli “articoli”, molti sono stati scritti come contenuti editoriali, elenchi divertenti ed esplorazioni in altre idee creative per blog post che gli scrittori volevano provare con il loro pubblico di blog in crescita

Questi siti hanno anche imparato l’arte di insegnare ai loro giornalisti come scrivere un titolo progettato per catturare l’attenzione del lettore.

L’effetto collaterale è che la distinzione tra fatti e opinioni è diventata più confusa dopo questo punto, una tendenza che ancora oggi vediamo riaffiorire di tanto in tanto.

2007: Il microblogging diventa una cosa

Alla fine del 2006, Darren Rowse di ProBlogger ha suggerito ai suoi lettori di mantenere la lunghezza del loro post sul blog sufficientemente breve da consentire al lettore medio di leggerlo in circa un minuto e mezzo. 

Fu anche in questo periodo che un blogger poco conosciuto, Tim Ferriss, iniziò il suo blog per aumentare la stampa per il suo prossimo libro, 4 ore alla settimana – libro consigliato da me tra i migliori libri sul busines.

Storia del blog Che aspetto aveva il blog di Tim Ferriss

Se una persona media legge 200 o 250 parole al minuto, ciò significherebbe che il post ideale durante questo periodo di tempo potrebbe essere compreso tra 300 e 400 parole. 

È piuttosto breve per gli standard odierni. 

Ma se il corto era buono, allora l’ultracorto doveva essere migliore, giusto?

Era iniziata una nuova era nella storia del blogging, chiamata microblogging.

A questo punto, Twitter  (allora chiamato Twttr) continuava a canticchiare da circa un anno, ma alla fine è decollato ed è diventato popolare nel 2007.

Quanto si può davvero dire in 140 caratteri (che all’epoca era il limite) ? Abbastanza, a quanto pare, perché il sito ha ancora un enorme successo oltre un decennio dopo.

2012: Viene fondata la Medium

Nel 2012, mentre stavi imparando a ballare Gangnam Style, è stato lanciato il Medium.

Homepage di lancio Medium nella storia del blog

Questa piattaforma di pubblicazione online (che ora ha alcuni contenuti protetti da paywall), è stata aperta a tutti per i primi anni della sua vita. 

Ci sono scrittori sia professionisti che dilettanti che pubblicano i loro articoli su Medium e, simile a BuzzFeed e HuffPo, tende a offuscare il confine tra notizie e opinioni.

Medium ha dato un altro sfogo ai giornalisti che volevano lasciare il segno, trovare un pubblico target online e far crescere le loro community.

2016: WordPress lancia il dominio .blog

I blog sono diventati così popolari nel 2016 che WordPress ha deciso di aggiungere l’estensione di dominio .blog al suo elenco di possibili URL per blog.

Ciò significava che oltre alle sei estensioni di dominio originali (all’epoca) di uso comune, che includevano .com, .net e .org, le persone e le organizzazioni potevano ora scegliere un nome di dominio con l’estensione .blog.

Questa mossa ha aperto molte nuove opzioni di dominio e ha evidenziato la popolarità dei blog.

2022: solo negli Stati Uniti ci sono oltre 31,7 milioni di blogger

La storia dei blog non sarà mai finita… e ancora meglio, puoi ancora farne parte (insieme a oltre 31,7 milioni di altri blogger solo negli Stati Uniti).

Che tu sia nuovo di zecca nel blogging o ci stia provando da un po’ e non sei ancora arrivato dove vorresti essere, ho lanciato la mia guida definitiva per creare un blog come risorsa gratuita che ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi quando si tratta di fare soldi con un blog.

La mia guida ti insegnerà tutto, da come scrivere un blog post, alla denominazione creativa di un blog, alla scelta del piano di hosting giusto per il tuo blog, all’implementazione di strategie SEO per blog e altro ancora.

Non lasciare che passi un altro anno senza costruire il tuo angolo nella storia dei blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri i miei servizi!

Dove imprenditori, freelance, creators e influencer trovano la soluzione alle proprie esigenze.

 

Ti accompagno nella creazione, lo sviluppo e la crescita del tuo business.

Dalla consulenza di web marketing strategico e operativo, allo sviluppo di siti web ed eCommerce.